Lophiiformes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lofiformi
Lophius budegassa.jpg
Lophius budegassa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Paracanthopterygii
Ordine Lophiiformes
Famiglie

vedi testo

(A) Centrophryne spinulosa, 136 mm SL
(B) Cryptopsaras couesii, 34.5 mm SL
(C) Himantolophus appelii, 124 mm SL
(D) Diceratias trilobus, 86 mm SL
(E) Bufoceratias wedli, 96 mm SL
(F) Bufoceratias shaoi, 101 mm SL
(G) Melanocetus eustalus, 93 mm SL
(H) Lasiognathus amphirhamphus, 157 mm SL
(I) Thaumatichthys binghami, 83 mm SL
(J) Chaenophryne quasiramifera, 157 mm SL.

I lofiformi (Lophiiformes) sono un ordine di pesci.[1]

Si tratta di un'ampia varietà di pesci abissali, cioè che vivono nei mari e negli oceani da 20 ad oltre 1000 metri di profondità, dove la luce del sole è assente. Sono tutti vertebrati (cioè dotati di scheletro), presentano una forma tarchiata o schiacciata (dipende dalla specie) e generalmente sono di dimensioni medio-piccole (dai 20 cm al metro di lunghezza, a seconda della specie), mentre la famosa rana pescatrice può arrivare (in casi eccezionali) ai due metri di lunghezza e pesare fino a 50-60 kg. Come tutti gli altri pesci, anch'essi hanno le pinne (seppur piccole), ma sono privi di squame, in quanto sostituite da una vera e propria pelle in tutto il corpo. La loro grande testa (che ricopre da 1/3 a metà del loro corpo) è occupata da una bocca enorme e ampia, provvista di numerosi denti appuntiti, e molti presentano un apparato digerente elastico, in modo da inghiottire prede più grandi di loro. Sulla loro testa hanno il cosiddetto ''illicio'', un'appendice carnosa in grado di emanare della luce naturale (questo fenomeno, presente anche nelle lucciole, si chiama bioluminescenza) e funge da esca per attirare le 'prede curiose' di cui si cibano. Le femmine sono più grandi dei maschi. Sono inoltre animali ovovipari, cioè che depongono uova.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine dei lofiformi contiene circa 322 specie, divise in 65 generi e 18 famiglie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) WoRMS (2013). Lophiiformes. In: Froese, R. and D. Pauly. Editors. (2013) FishBase, Lophiiformes, in WoRMS 2015 (World Register of Marine Species).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4698247-4
Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci