Locomotiva FS E.220

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
E.220
già RM 02
Locomotiva elettrica
FS E220.jpg
FS E220.001
Anni di costruzione 1912
Anni di esercizio 1915 - 1945
Quantità prodotta 1
Costruttore Carminati & Toselli, GE
Lunghezza 8 150 mm
Altezza 3 670 mm
Interperno 4 000 mm
Massa in servizio 27,2 t
Massa aderente 27,2 t
Rodiggio Bo
Diametro ruote motrici 980 mm
Rapporto di trasmissione 16/65
Potenza oraria 220 kW
Velocità massima omologata 50 km/h
Alimentazione 650 V cc

La locomotiva E.220 era una locomotiva elettrica a due assi, alimentata da terza rotaia, costruita per l'esercizio sulle linee Varesine per conto della Rete Mediterranea e immatricolata come RM 02. Venne acquisita dalle Ferrovie dello Stato Italiane nel 1918 e reimmatricolata come 220.01; rimase un esemplare unico.

La locomotiva venne costruita dalla Carminati & Toselli nel 1912 per il servizio di manovra, treni merci e viaggiatori a composizione ordinaria sulla linea elettrificata a terza rotaia (Milano)-Varese-Porto Ceresio esercita dalla Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo. La parte elettrica a corrente continua, di trazione e ausiliaria, venne fornita dalla General Electric.

La potenza oraria della macchina era di 220 kW complessivi mentre quella continuativa scendeva a 150 kW. La trasmissione del moto ai due assi era diretta, ad ingranaggi, dai due motori di trazione. La velocità massima raggiungibile era di 50 km/h.

Risulta essere stata "deportata" dalle truppe tedesche in fuga nel 1945 e abbandonata in Austria dove venne convertita all'alimentazione ad accumulatori. Nel 1961 si trovava a Linz accantonata in attesa di demolizione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Garzaro, Locomotive elettriche FS, editrice Elledì, 1986.
  • Alessandro Albé, Le Varesine. L'avventura della terza rotaia dal 1900 al 1950. Le esperienze estere, Torino, editrice Elledì, collana Temi ferroviari, 1986.
  • Giovanni Cornolò, Locomotive elettriche FS, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1983, pp. 31-32.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti