Lo spleen di Parigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo spleen di Parigi
Titolo originale Le Spleen de Paris
Spleen et ideal-aquarell.jpg
Spleen et ideal, di Carlos Schwabe, 1907
Autore Charles Baudelaire
1ª ed. originale 1869
Genere raccolta di brevi composizioni in prosa
Lingua originale francese

Lo spleen di Parigi o Piccoli poemi in prosa è un'opera di Charles Baudelaire. Una cinquantina di pezzi che compongono l'opera sono stati scritti fra il 1855 ed il 1864. Una quarantina di essi furono pubblicati in diversi giornali dell'epoca, l'ultima decina venne pubblicata tra il 1867 e il 1869.

Il titolo originale Petits poèmes en prose è sovente seguito dal sottotitolo Le spleen de Paris, da quando il 7 febbraio 1864, il quotidiano francese Le Figaro, pubblica quattro racconti della raccolta intitolandoli Le spleen de Paris. Quest'ultimo, infatti, è il primo titolo scelto dal poeta, ma fu rifiutato dell'editore che riteneva più opportuno il titolo "Petits Poèmes en prose". Tuttavia, in Italia, differenti edizioni hanno riportato talvolta la traduzione del secondo, talvolta di entrambi i titoli.

I poemetti non hanno un particolare ordine, sono provocatori e sondano sentimenti, abitudini e personaggi della Parigi di quel secolo.

Baudelaire ha detto del suo lavoro: "Questi sono i nuovi fiori del male, ma con più libertà, molti più dettagli, e molta più satira" ( Ch. Baudelaire, Lettera a Troubat, Parigi, 1866.).

« Bisogna sempre essere ubriachi. Tutto qui: è l'unico problema. Per non sentire l'orribile fardello del Tempo che vi spezza la schiena e vi tiene a terra, dovete ubriacarvi senza tregua. Ma di che cosa? Di vino, poesia o di virtù : come vi pare. Ma ubriacatevi. E se talvolta, sui gradini di un palazzo, sull’erba verde di un fosso, nella tetra solitudine della vostra stanza, vi risvegliate perché l’ebbrezza è diminuita o scomparsa, chiedete al vento, alle stelle, agli uccelli, all'orologio, a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme, a tutto ciò che scorre, a tutto ciò che canta, a tutto ciò che parla, chiedete che ora è; e il vento, le onde, le stelle, gli uccelli, l'orologio, vi risponderanno: "È ora di ubriacarsi! Per non essere gli schiavi martirizzati del Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare. »
(C. Baudelaire, Lo Spleen di Parigi.)

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo spleen di Parigi e altre traduzioni da Baudelaire, Milano, Garzanti, 1947.
  • Lo spleen di Parigi. Poemetti in prosa, traduzione di Piero Bianconi, Collana BUR n.906-907, Milano, Rizzoli, 1955.
  • Poemetti in prosa: lo spleen di Parigi, a cura di Claudio Rendina, Roma, Newton Compton, 1979.
  • Lo spleen di Parigi, traduzione di Vivian Lamarque, Milano, SE, 1989.
  • Lo Spleen di Parigi, a cura di Bruno Nacci, Milano, Mursia, 1990.
  • Lo spleen di Parigi. Piccoli poemi in prosa, Traduzione e cura di Franco Rella, Collana Universale Economica, Milano, Feltrinelli, 1992.
  • Lo spleen di Parigi. Piccoli poemetti in prosa, a cura di Giuseppe Montesano, Collana Oscar Classici n.236, Milano, Mondadori, 1992.
  • Lo spleen di Parigi, traduzione di Alfonso Berardinelli, Collana I Grandi Libri, Milano, Garzanti, 1995.
  • Lo Spleen di Parigi, traduzione di Gianni D'Elia, Collana Scrittori tradotti da scrittori, Torino, Einaudi, 1997.
  • Lo spleen di Parigi, Presentazione e trad. di Sergio Cigada, Milano, Sugarco, 1999.
  • Spleen parigino. Prose poetiche, a cura di A. Ariemma, prefazione di Tito Baldini, Magi Edizioni, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura