Livio Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« In mezzo a quel sabba di corpi danzanti... »

(Livio Romano, Mistandivò)
Livio Romano nel dicembre 2012

Livio Romano (Nardò, 29 novembre 1968) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblica i suoi primi racconti sul finire degli anni novanta nell'antologia Sporco al sole (Nardò, Besa-Books Brothers).[1] Nel 2000 dà alle stampe il saggio Da dove vengono le storie (Lindau, Torino) e il racconto “Professionale” nell'antologia einaudiana Disertori.[2] L'anno successivo, sempre per Einaudi, esce la raccolta di racconti Mistandivò, accolta con favore dalla critica, che ne sottolinea il particolare "gioco linguistico" che intreccia un linguaggio colto e ricercato a un lessico più basso e popolare.[3] Il regista Edoardo Winspeare ne trarrà il cortometraggio Sale, presentato alla Biennale di Venezia del 2003, e l'opera verrà adottata dal Dipartimento di italianistica della Harvard University.[4]

Nel 2001 realizza per la Rai il reportage radiofonico Gli uomini dalla testa di girasole. Nel 2002 pubblica il romanzo Porto di mare (Milano, Sironi), vincitore del premio «Il Delfino» Città di Pisa[5] e paragonato dalla critica, per il suo estro narrativo, ai “reportage di colore tondelliani”.[6] Nel 2005 pubblica il reportage dalla Bosnia post-guerra civile Dove non suonano più i fucili (Big Sur) e due anni più tardi, nel 2007, Niente da ridere (Marsilio), da lui definito un “romanzo realista e minimalista”.[7]

Negli anni successivi cura per Radio Rai 3 l'inchiesta Diario elementare e il radiodramma in cinque puntate Il fascino mite delle travi di legno con sax tenore.[8] Nel 2011 pubblica il romanzo "on the road" Il mare perché corre,[9] e nel 2012 Diario elementare, pamphlet satirico sulla scuola elementare adottato dall'Università di Aosta e da quella del Salento; entrambi presso l'editore Fernandel di Ravenna.[10] Nell'ottobre 2016, edito ancora da Fernandel, esce Per troppa luce: "una commedia grottesca – secondo la definizione dello stesso autore – una parata di maschere umane tragiche, comiche, straniate e stranianti".[11][12]

Laureato in Giurisprudenza, collabora con le pagine culturali del Corriere del Mezzogiorno (inserto locale del Corriere della Sera), dirige corsi di scrittura creativa e insegna in un CPIA.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Da dove vengono le storie, Torino, Lindau, 2000
  • Mistandivò, Torino, Einaudi, 2001
  • Porto di mare, Milano, Sironi, 2002
  • Dove non suonano più i fucili, Lecce, Big Sur, 2005
  • Niente da ridere, Venezia, Marsilio, 2007
  • Calypso mon amour, San Cesario di Lecce, Manni, 2009
  • Il mare perché corre, Ravenna, Fernandel, 2011
  • Diario elementare, Ravenna, Fernandel, 2012
  • Per troppa luce, Ravenna, Fernandel, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Livio Romano, «Alceo salentino», Periodico di cultura enoica e territorio; Manduria (Taranto)
  2. ^ Daniela Carmosino, Uccidiamo la luna a Marechiaro. Il Sud nella nuova narrativa italiana, Roma, Donzelli, 2009
  3. ^ Maria Carosella, La narrativa neodialettale in Puglia. Saggi su Carofiglio, Genisi, Romano, Lopez, Bari, Cacucci, 2011.
  4. ^ Maria Carosella, Il mistilinguismo ludico di Mistandivò di Livio Romano, in «Bollettino di italianistica» n. 1 (2008), Roma, Carocci
  5. ^ Francesco Bonardelli, Livio Romano: porto di mare, Gazzetta del Sud, 12 luglio 2012
  6. ^ Andrea Bajani, «Pulp Libri», Pavia, luglio-agosto 2002
  7. ^ Non c'è proprio niente da ridere. Intervista a Livio Romano. Coolclub.it, aprile 2007.
  8. ^ «Storyville», RadioRai 3, 5-9 gennaio 2009
  9. ^ Quei romanzi on the road. Il nuovo lavoro di Romano, Antonio Di Giacomo, laRepubblica.it, 9 aprile 2011
  10. ^ Nuovo libro per Livio Romano. La scuola e i suoi tic in "Diario elementare", Leccesette.it, 20 settembre 2012
  11. ^ “Per troppa luce”, la nuova commedia all'italiana di Livio Romano, Irma Loredana Galgano, Sul Romanzo, 13 ottobre 2016
  12. ^ Per troppa luce, la narrazione e l'illusione della realtà, Luca Bandirali, Nuovo Quotidiano di Puglia, 27 ottobre 2016
Controllo di autoritàSBN: IT\ICCU\RAVV\242303