Litargirio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la città immaginaria, vedi Litargirio (fumetto).
Litargirio
Classificazione StrunzIV/A.06-20
Formula chimicaPbO
Proprietà cristallografiche
Gruppo puntuale4/m 2/m 2/m
Gruppo spazialeP 4/nmm
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

Il litargirio è una delle forme minerali naturali dell'ossido di piombo(II), PbO. È un minerale secondario che si forma per ossidazione del minerale galena ed appare come patina o forma incrostazioni con struttura cristallina tetragonale. È dimorfo con la forma ortorombica massicot. Le incrostazioni di litargirio sono gialle, tenere (durezza di Mohs pari a 2), di apparenza cerosa e di elevata gravità specifica (9,14-9,35). Si può preparare per riscaldamento del piombo metallico fuso in aria a 600 °C, temperatura alla quale tutti gli altri ossidi di piombo si convertono a litargirio. Spesso la preparazione è fatta soffiando aria, mediante dei mantici, sul piombo fuso. L'ossido di piombo che si forma ricade in un recipiente dove solidifica velocemente in scaglie minute.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

È usato anche come pigmento pittorico sia sintetico che naturale fin dai tempi degli Egizi. Come pigmento è conosciuto anche con i nomi: spuma argenti, giallo ossido di piombo e giallo di piombo. Fu usato nella pittura antica come siccativo, addizionandolo agli olii dal 4 al 6%.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.