Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lista di lingue artificiali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo elenco di lingue artificiali (o pianificate) racchiude tutti gli idiomi creati da un singolo creatore (glottoteta), o un ristretto gruppo di ideatori, appartenente ad uno dei tre gruppi principali: lingue artistiche, ausiliarie o logiche/filosofiche.

Lingue artistiche[modifica | modifica wikitesto]

Lingue di Ursula Le Guin[modifica | modifica wikitesto]

Lingue di Star Trek[modifica | modifica wikitesto]

Lingue di J.R.R. Tolkien[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linguaggi della Terra di Mezzo.

Lingue artistiche amatoriali[modifica | modifica wikitesto]

Lingue pubblicate solo su Internet:

Lingue ausiliarie[modifica | modifica wikitesto]

Verbali storiche[modifica | modifica wikitesto]

Lingue pubblicate ufficialmente prima del 1952:

Verbali recenti[modifica | modifica wikitesto]

Lingue pubblicate dopo il 1952, cioè successive all'Interlingua della IALA. Alcune di queste sono state pubblicate solo su Internet:

Verbali controllate[modifica | modifica wikitesto]

Non verbali[modifica | modifica wikitesto]

Grafiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Blissymbolics - (1949) di Charles K. Bliss. Un sistema di scrittura pittografico.
  • Intac - (1969) di Anthony Page.
  • Vidling - (1990) di Mirko Marcetta.

Gestuali[modifica | modifica wikitesto]

Lingue logiche o filosofiche[modifica | modifica wikitesto]

Verbali[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazioni concettuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Raubser: la Lingua Universale, luigiorabona.com, 6 giugno 2004. URL consultato il 23 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2004).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]