Lista di giornalisti uccisi in Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il mestiere di giornalista, in Russia, divenne progressivamente più pericoloso a partire dall'inizio degli anni novanta, ma l'opinione pubblica internazionale iniziò a interessarsi al fenomeno solo in seguito all'omicidio della giornalista Anna Politkovskaja, uccisa a Mosca il 7 ottobre 2006, e alla lunga scia di omicidi di giornalisti rimasti ufficialmente senza un colpevole. Mentre alcune associazioni internazionali riferiscono di diverse dozzine di omicidi, altre parlano di oltre duecento uccisioni.[1] Due rapporti pubblicati da organizzazioni internazionali, disponibili in lingua russa e in lingua inglese, hanno esaminato e documentato la situazione. Un'ampia inchiesta commissionata dall'International Federation of Journalists su questo tema è stata pubblicata nel giugno 2009. Allo stesso tempo l'IFJ ha pubblicato un database direttamente consultabile su internet[2][3] che documenta la morte o scomparsa di più di 300 giornalisti a partire dal 1993. Entrambi i report, quello di Partial Justice[4] (versione russa: Частичное правосудие[5]) e quello del database IFJ, si basano su informazioni raccolte da associazioni e fondazioni russe che si occupano di monitorare lo stato dei media in Russia,come la Glasnost Defense Foundation e il Center for Journalism in Extreme Situations.

Metodologia[modifica | modifica wikitesto]

Le stime presentate dai diversi osservatori internazionali sul numero dei giornalisti uccisi in Russia sono tra le più disparate. A ciò possono essere date molteplici spiegazioni. Per prima cosa, alcune organizzazioni prendono in considerazione tutti gli aspetti relativi alla sicurezza. La Federazione Internazionale dei giornalisti (IFJ) e l'International News Safety Institute per esempio, contano anche gli incidenti accaduti sul luogo di lavoro. In seconda istanza, le organizzazioni internazionali calcolano anche i giornalisti morti in sconti a fuoco e durante incarichi pericolosi. Terzo, il termine giornalista è utilizzato da alcune organizzazioni in modo generale per indicare differenti occupazioni relative ai media. Alcune includono l'intero staff, altre no.

In qualunque lista compilata sia da organizzazioni interne che esterne al paese, la Russia è sempre nelle prime posizione per il numero di giornalisti morti. Durante la prima guerra cecena morirono molti giornalisti sia in Cecenia che al di fuori. La stessa cosa avvenne anche in periodi di pace.

Coloro che sono stati deliberatamente uccisi a causa del loro lavoro sono in primis reporters, corrispondenti e redattori. In Russia moltissimi direttori di televisioni regionali e radio sono stati uccisi ma molte di queste morti si pensano essere dovute a motivi economici. I fotografi ed i cameraman diventano target soprattutto in situazioni di conflitto come capitò nell' ottobre del 1993 a Mosca e durante i conflitti armati nel Nord del Caucaso.

Il report del 2009 sulla morte di giornalisti in Russia[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2009 la Federazione Internazionale dei giornalisti ha pubblicato una vasta indagine in relazione alle morti di giornalisti russi. Nello stesso anno la IFJ ha lanciato un archivio on-line che documentava della morte o sparizione di trecento giornalisti a partire dal 1993. Come il report Partial Justice [6](la versione russa: Частичное правосудие[8]) anche l'archivio di IFJ si basa sulle informazioni raccolte da Glasnost Defense Foundation e Center for Journalism in Extreme Situations a proposito della situazione dei media in Russia negli ultimi 16 anni

L'organizzazione per la protezione dei giornalisti (CPJ) ha riconosciuto che la Russia è uno dei paesi più pericolosi per i giornalisti ed il peggiore per quanto riguarda la risoluzione degli omicidi.

Secondo le organizzazione che monitorano la situazione dei media in Russia, il database di IFJ sulle morti e la scomparsa dei giornalisti raccoglie tutti i diversi casi relativi ai lavoratori dei media. Il database, inoltre, classifica le diverse tipologie di morte dei giornalisti (omicidio, incidente, conflitto, atto terroristico) e chiarisce se la morte dei giornalisti è “certamente”, “possibilmente” o “non probabilmente” legata al lavoro giornalistico.

Fin dall'inizio degli anni '90 le organizzazioni internazionali hanno riportato di morte violente e sospette. Dimostrare che queste morti fossero connesse al lavoro svolto dai giornalisti non è sempre stato facile visto che le forze dell'ordine stanno devono coprire un numero in crescita di omicidi e di casi irrisolti di uccisioni di giornalisti. Negli ultimi anni il Center for Journalism in Extreme Situations ha reso pubbliche tutte le informazioni relative a queste morti. In questo modo si è potuto stabilire a quale punto erano giunte le indagini sui casi di omicidio e quanti casi erano stati analizzati da una corte. Il database di IFJ sintetizza questi risultati e li ha resi pubblici per la prima volta in inglese. Durante uno studio internazionale a proposito di "International Fraud detention Homicide" in cui si faceva un confronto tra gli USA e l'ex Unione Sovietica la morte di Paula Klebenikov è descritta come un caso di omicidio di una giornalista che stava investigando su casi di frode da parte del governo russo. Al momento della sua morte, la giornalista stava indagando sul lavaggio di denaro sporco che si intendeva ottenere attraverso dei progetti di ricostruzione in Cecenia. Le indagini hanno rivelato che la Klebenikov aveva scoperto che la frode coinvolgeva i centri di potere del Cremlino, il crimine organizzato e l'ex KGB, oggi conosciuto come FSB.[7]

Partial Justice e Anatomy of Injustice[modifica | modifica wikitesto]

Il report di ICJ Partial Justice mappa l'impunità in Russia partendo dalla descrizione di particolari omicidi. Il report sottolinea la necessità di porre fine all' impunità in quelle regioni (Caucaso del Nord e San Pietroburgo) in cui mai nessuno è stato perseguito per l'omicidio di giornalisti. Non è abbastanza condannare chi ha commesso il crimine ma è necessario fare lo stesso con i suoi complici, intermediari e con chi ha commissionato l'omicidio.

Il report di IFJ si apre e si chiude con il caso dell'omicidio di Anna Politkovskaya ed il relativo processo che si è tenuto dal novembre 2008 al febbraio 2009. Dopo 16 anni di omicidi irrisolti, la morte di Anna Politkovskaya ha suscitato enormi proteste internazionali e ciò potrebbe far cadere la barriera della giustizia parziale tipica del paese. Anatomy of Injustice, il report di CPJ, riporta le conclusioni a cui l'organizzazione è giunta rispetto alle morti di giornalisti a partire dal 2000.[8] Anche se le autorità non riconoscono tutte queste morti come omicidi, alcuni casi sono stati portati davanti ad un tribunale che ha condannato gli esecutori ma non coloro che li hanno commissionati.

Seguendo due strade diverse, i due report giungono alla stessa conclusione: le autorità russe devono portare avanti maggiori indagini per identificare tutti i responsabili della morte dei giornalisti e allo stesso tempo far sì che il pubblico sia maggiormente informato sui progressi delle indagini relative a tali casi.

Confronti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

La CPJ cataloga la Russia come “il terzo paese al mondo per numero di giornalisti morti” dal 1991, superata solo dall' Algeria nel periodo 1993-1996 e dall' Iraq. È più significativo però paragonare la Russia agli altri membri del G20. Il problema della Russia, come altri membri del G20 tra cui India, Brasile e Messico, non è solo il numero di giornalisti uccisi ma piuttosto l'impunità che perdura nel tempo.

Le reazioni estere[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni i governi occidentali e le organizzazione che si occupano dei media hanno chiesto alle autorità russe di compiere maggiori investigazioni sulle morti dei giornalisti. L'organizzazione Reporters Sans Frontiers con sede a Parigi ha ripetutamente criticato la Russia riconoscendo come fallimentari le indagini su questi omicidi. L' organizzazione ha anche sostenuto che molti giornalisti uccisi erano critici nei confronti del presidente russo Vladimir Putin. Tra il marzo del 2000 ed il giugno del 2007 secondo RSF 21 giornalisti sono stati uccisi mentre svolgevano il loro lavoro.

Numeri simili sono stati presentati anche da CPJ.[9] In un documento del giugno 2007 si riportava che “un totale di 47 giornalisti sono stati uccisi in Russia dal 1992, e la maggior parte di questi omicidi sono rimasti irrisolti. 17 di loro sono morti mentre svolgevano il proprio lavoro dal 2000; 14 sono stati assassinati a causa del loro lavoro; 2 sono morti mentre si trovavano in una zona di conflitto ed un altro è morto durante una missione pericolosa. CPJ continua ad investigare sulle morti di 8 giornalisti per capire se ci sia una relazione con il lavoro che svolgevano. Nessuno dei 14 omicidi avvenuti dopo il 2000 è stato risolto”.

La pressione verso le autorità russe è aumentata a seguito dell'omicidio della giornalista Anna Politkovskaya, nota per i suoi report critici sul conflitto in Cecenia dove ha più volte denunciato violazioni dei diritti umani. Si contano 21 giornalisti morti da quando Vladimir Putin è salito al potere nel marzo del 2000. Nella maggior parte degli omicidi, nessuno è stato condannato per aver commesso il crimine.

Il 18 giugno 2007 la Camera dei Rappresentanti statunitense ha votato la risoluzione numero 151 chiedendo a Putin “maggiori sforzi nelle indagini” riguardo l'omicidio di giornalisti.[10] In un report pubblicato nel 2007 l'International News Safety Institute ha dichiarato che molti più giornalisti erano morti in modo violento in Russia che negli ultimi dieci anni in qualunque altra parte del mondo, dopo l'Iraq. Il sito web della rivista inglese New Statesman in solidarietà ai morti ed in collaborazione con Amnesty International, Center for Journalism in Extreme Situations, Committee to Protect Journalists e Index on Censorship ha pubblicato una lista di 40 giornalisti morti a partire dal 1993, solo una parte di quelli che effettivamente sono stati uccisi.

Morti, processi, statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La scia di morti violente di giornalisti inizia nel periodo di governo di Eltsin (1991-1999) e continua sotto il governo Putin (31 dicembre 1999 - 7 maggio 2008)[11] Quando Medvedev diventa presidente russo, dichiara che è necessario porre termine a questo "nichilismo legale". [senza fonte]

Nei 5 anni precedenti alla sua elezione, il numero di indagini e processi per morti di giornalisti era in aumento[12], ma dal novembre 2009 c'è stato un ulteriore incremento di indagini e di processi, anche per casi risalenti a prima del 2008. Il processo per la morte di Anna Politkovskaya e il primo arresto per il caso Baburova-Markelov (novembre 2009) sono alcuni (apparenti) segnali di cambiamento.

Presidente Y Y Y Y Y Y Y P P P P P P P P P-M M
Anno 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Totale
Omicidio, conflitto a fuoco, attentato terroristico 10 12 22 18 10 10 11 17 12 23 11 12 5 13 3 5 6 200
Solo omicidi 3 8 16 12 10 10 8 15 11 20 11 10 4 13 3 5 6 165
Processi - - - 1 1 4 4 3 1 3 3 6 2 7 5 4 2 50

I dati della tabella qui sopra sono stati ricavati dal database "journalists in Russia" (database IFJ), dove si possono trovare ulteriori informazioni per ogni singolo caso. Alcune importanti categorie non sono state incluse nella tabella ma le potete trovare sul database online dell'IFJ: gli scomparsi (14 persone);[13] i morti per incidente la cui causa non è stata confermata con sufficiente certezza ("non confermati", 28 persone) e, infine, i giornalisti morti in incidenti sul lavoro -per cause accidentali- (37 persone).[14]

La terza riga indica il numero annuale di verdetti pronunciati in processi per la morte di giornalisti. Tranne tre eccezioni, si tratta sempre di processi per omicidio. Alcuni casi hanno richiesto sei o sette anni per essere esaminati in tribunale: ad esempio le morti di Dmitry Kholodov e Igor Domnikov. La maggior parte dei casi, comunque, ha visto passare una media di 12-24 mesi tra l'uccisione e il verdetto.[15][16]

La percentuale di processi che si chiudono con una condanna è un altro argomento interessante: quando le morti non erano direttamente legate alla professione di giornalista, la percentuale di condanne supera il 90%. Quando invece gli articoli a cui aveva lavorato il giornalista sono certamente collegati con la sua morte o è molto probabile che lo siano stati, la percentuale di assoluzioni aumenta moltissimo, fino ad essere circa il 50% dei casi. La maggior parte dei processi per questi omicidi sono stati giudicati solo da un giudice e dai suoi due assistenti legali. I processi nei quali viene richiesta anche una giuria sono infatti ancora molto rari in Russia, e generalmente offrono una maggior grado di rigore nel giudizio, una difesa più forte e una maggiore chance per l'accusato di esser trovato non colpevole (la percentuale di assoluzioni si aggira sul 20%). Il processo per la morte di Anna Politkovskaya, il cui verdetto è spettato a una giuria, è finito nel febbraio 2009 con l'assoluzione di tutti i sospettati.

Una lista di giornalisti uccisi in Russia[modifica | modifica wikitesto]

Quella di seguito è una lista di giornalisti (reporter, editorialisti, cameramen, fotografi) uccisi in Russia a partire dal 1992. Questa lista include giornalisti deceduti per morte prematura, inspiegabile o violenta; altre informazioni al riguardo possono essere reperite sulla versione inglese e russa del database stilato dall'IFJ.[17][18] A fianco della causa del decesso sono poste indicazioni su quanto il lavoro d'inchiesta del giornalista è collegato con la sua morte. Le sigle utilizzate sono: [J] certamente collegato, [?J] forse collegato, probabilmente non collegato [nJ].

Gli anni di Eltsin[modifica | modifica wikitesto]

1992-1994[modifica | modifica wikitesto]

1992

  • Sergey Bogdanovsky, corrispondente della TV "Ostankino", ucciso a Mosca.[19]

1993[20]

  • 15 aprile - Dmitry Krikoryants, corrispondente per "Express Chronicle", settimanale moscovita, ucciso nel suo appartamento nella capitale cecena, la notte tra il 14 e il 15 aprile.[21] La Cecenia era allora di fatto indipendente. Omicidio [J].

Crisi costituzionale russa, Eventi di ottobre a Mosca

Domenica 3 ottobre, dalle 19'30 in poi. Fuori e dentro la torre della televisione di Ostankino'.[21]

1. Rory Peck, ARD Germany, cameraman. Conflitto a fuoco [J].

2. Ivan Scopan, TF-1 France, cameraman. Conflitto a fuoco [J].

3. Igor Belozerov, 4th Channel "Ostankino", giornalista. Conflitto a fuoco [J].

4. Sergey Krasilnikov, "Ostankino" TV, tecnico del video. Sparo a brucia pelo dentro l'edificio. Omicidio [J].

5. Vladimir Drobyshev, del mensile People and nature, giornalista. Attacco di cuore[J].

Lunedì, 4 ottobre, dopo mezzogiorno. Vicino al Palazzo del supremo Soviet.[21]

6. Alexander Sidelnikov, giornalista freelance e film-maker di San Pietroburgo. Conflitto a fuoco [J].

7. Alexander Smirnov, del giornale Youth Courier (Joškar-Ola), corrispondente. Conflitto a fuoco [J].

  • 29 novembre - Elena Tkacheva, correttrice di bozze ventiseienne del giornale Kuban Courier newspaper, morta a Krasnodar in seguito all'esplosione di una bomba negli uffici del giornale.[21] Azione terroristica[J].
  • 9 dicembre - Marina Iskanderova, giornalista della tv locale, assassinata nel suo appartamento a Nadym.[21] Omicidio [nJ].

1994[22]

  1. 1º febbraio - Sergei Dubov, direttore della casa editrice Novoye vremya, Mosca. Colpo di arma da fuoco, omicidio su commissione.[23] Omicidio [nJ].
  2. 26 aprile - Andrei Aidzerdzis, deputato della Duma ed editore. Colpo di arma da fuoco, omicidio su commissione, a Chimki vicino Mosca.[24] Omicidio [nJ].
  3. 15 giugno - Yury Soltys, giornalista e direttore di Interfax. Colpito a morte nella regione di Mosca.[25] Omicidio [?J].
  4. 15 ottobre - Tatyana Zhuravlyova e marito, lavoravano nei media, Komsomolskaya pravda (Samara bureau). Uccisi nella regione di Voronež mentre viaggiavano con la loro auto in campagna.[26] Omicidio. [nJ].
  5. 17 July - Yelena Roshchina, caporedattrice di il giornale per ragazzi, Ivanovo. Uccisa nel suo appartamento.[27] Omicidio. La banda che la uccise è stata identificata e condannata nel 2000 [nJ].
  6. 17 ottobre - Dmitry Kholodov, corrispondente militare per il giornale Moskovskii Komsomolets, è rimasto ucciso a Mosca quando una valigetta esplosiva che aveva raccolto alla stazione di Mosca è esplosa negli uffici del giornale.[28] Omicidio. I suoi due presunti assassini sono stati processati e assolti, nel 2002 e nel 2004[J].

Ci sono anche altre quattro morti in Cecenia, dopo che il confitto era iniziato in novembre.[29]

  1. 26 novembre - Hussein Guzuyev, direttore della TV cecena. Groznyj. Colpito in un conflitto a fuoco tra i supporter di Dudayev e l'opposizione pro-Mosca [J].
  2. 14 dicembre - Gelani Charigov, giornalista di Marsho, compagnia televisiva privata. Groznyj. Conflitto a fuoco [J].
  3. 22 dicembre - Cynthia Elbaum, fotoreporter freelance americana, inviata perTime magazine. Groznyj. Conflitto a fuoco [J].
  4. 31 dicembre - Bilal Akhmadov, cameraman della TV Marsho. Groznyj. Conflitto a fuoco [J].

1995-1996 (incluso il primo conflitto ceceno)[modifica | modifica wikitesto]

1995[30]

  1. 1º gennaio - Vladimir Zhitarenko, corrispondente del giornale Red Star (Krasnaya zvezda), Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  2. 1º gennaio - Pyotr Novikov, giornalista della rivista Smena, Mosca. Omicidio (collegato all'uccisione di Anisimov nel tardo 1994) [nJ].
  3. 7 gennaio - Sultan Nuriyev, Cecenia. Non confermato [?J].
  4. 10 gennaio - Jochen Piest, corrispondente per Stern magazine. Chervlyonnaya, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  5. 14 gennaio - Valentin Yanus, cameraman per Pskov city, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  6. 17 febbraio - Vyacheslav Rudnev, giornalista freelance, Kaluga, corrispondente per i magazine locali Vest e Znamya. Omicidio [?J].
  7. 27 February - Maxim Shabalin, editorialista politico per il giornale Nevskoe Vremya (San Pietroburgo).[31] e Felix Titov, fotografo, scomparsi durante un'inchiesta in Cecenia. Nonostante numerose ricerche compiute tra il 1995 e il 1999, dei due non c'è ancora nessuna traccia. Scomparsi [J].
  8. 1º marzo - Vladislav Listyev, capo della nuova ORT TV Channel, colpito a morte nella tromba delle scale del suo palazzo in un classico agguato su commissione. Omicidio [nJ].
  9. 3 marzo - Igor Kaverin, ingegnere per la stazione radio Svobodnaya Nakhodka, Territorio del Litorale. Colpito da un proiettile mentre era in auto. Omicidio [nJ].
  10. 8 marzo - Oleg Ochkasov, giornalista freelance in Voronež, scriveva per i giornali Vecherny Voronezh e Skandalnaya pochta. Omicidio [nJ].
  11. 16 marzo - Alexei Khropov, direttore dell'emittente radio Vox, Leningradskoe, regione di Mosca. Omicidio [nJ].
  12. 31 marzo - Il ventitreenne Ruslan Tsebiyev, Groznyj, Cecenia. Omicidio [?J].
  13. 6 maggio - Malkan Suleimanova, giornalista per il giornale Ichkeria (Groznyj). Morto durante un bombardamento a Shatoi, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  14. 22 maggio - Farkhad Kerimov, cameraman per l'Associated Press TV. Ucciso a Vedeno, Cecenia. Omicidio [J].
  15. 5 maggio - Sergei Ivanov, andato alla ricerca di Shabalin e Titov (vedi il 27 febbraio), sud della Cecenia. Scomparso [J].
  16. 6 giugno - Alexander Konovalenko, giornalista per Krestyanskaya gazeta, Volgograd, pestato a morte in una stazione di polizia.[32] Omicidio. L'assassino è stato condannato nel 1998 [?J].
  17. 17 giugno - Natalya Alyakina-Mroszek, corrispondente del magazine tedesco Focus e altri giornali. Colpo d'arma da fuoco vicino a Budënnovsk.[33] Conflitto a fuoco. Un soldato russo venne condannato per negligenza nell'uso delle armi, poi amnistiato in quanto partecipante del conflitto ceceno.[J].
  18. 25 luglio - Andrew Shumack Jr, fotogiornalista freelance americano, lavorava per il St Petersburg Times. Groznyj, Cecenia. Scomparso [?J].
  19. 4 agosto - Sergei Nazarov, ex presentatore del popolare show televisivo "Vremechko". Ucciso a Mosca. Omicidio [nJ].
  20. 10 agosto - Vadim Obekhov, editorialista del giornale Vesti, Petropavlovsk, regione della Kamčatka. Omicidio [nJ].
  21. 2 novembre - Andrei Ulanov, capo redattore del giornale Togliatti segodnya. Togliatti nella regione di Samara. Omicidio su commissione, Omicidio [nJ].
  22. 8 novembre - Sergei Ananyev, capo del servizio stampa del "East Siberian organised crime department". Ucciso a Irkutsk.
  23. 12 dicembre - Victor Litvinov, commentatore per la Radio "Golos Rossii", Mosca, morto dopo un attacco in strada (sparatoria?).[34] Omicidio [nJ].
  24. 10 dicembre - Il venticinquenne Yaroslav Zvaltsev, direttore della rubrica economica Russky dom, giornale di Magnitogorsk, colpito con arma da fuoco, omicidio su commissione.[35] Omicidio [nJ].
  25. 12 dicembre - Shamkhan Kagirov, corrispondente per il giornale Vozrozhdenie, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  26. 26 dicembre - Vadim Alferyev, giornalista per la stampa locale e per la tv locale di Krasnojarsk, dove è stato trovato morto in seguito ad un violento pestaggio.[36] Omicidio [?J].

1996[37]

  1. 25 gennaio - Oleg Slabynko, fondatore di "Moment Istiny", produttore di un programma con lo stesso nome e direttore di ORT (oggi Channel One TV), ucciso nel suo appartamento a Mosca. [nJ]
  2. 26 Febbraio - Felix Solovyov, noto fotografo e membro del consiglio di redazione della rivista Aeroflot ucciso a Mosca.[38] Omicidio [nJ].
  3. 11 marzo - Victor Pimenov, cameraman per il canale televisivo Vaynakh (Cecenia).[39] Ucciso a Groznyj. Conflitto a fuoco [J].
  4. 30 marzo - Nadezhda Chaikova, giornalista investigativa di Obshchaya Gazeta, uccisa in Cecenia, il suo corpo fu trovato vicino al villaggio di Gekhi.[40] Omicidio. [J].
  5. 18 aprile - Anatoly Yagodin, corrispondente del quotidiano Na Boyevom Postu, ucciso da militanti ceceni.[41] Assinovskaya, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  6. 9 maggio - Nina Yefimova, corrispondente per la rivista Vozrozhdeniye, Cecenia.[39] Groznyj, Cecenia. Omicidio [J].
  7. 11 maggio - Victor Mikhailov, corrispondente per la rivista Zabaikalsky rabochy.[42] Čita. Omicidio [nJ].
  8. 26 luglio - Nikita Chigarkov, membro di Utrenniy ekspress, pestato a morte e derubato.[42] Mosca. Omicidio [nJ].
  9. 1º agosto - Ivan Gogun, corrispondente per Groznensky rabochy.[39] Groznyj, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  10. 11 agosto - Ramzan Khadjiev, corrispondente di ORT, ucciso ad un checkpoint in Cecenia.[39] Groznyj, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  11. 16 settembre - En Chan Kim, corrispondente per il giornale Sachalin e per la rivista Blagodatnaya Semya.[42] Zhulebino, Mosca. Omicidio [nJ].
  12. 27 ottobre - Anatoly Tyutinkov, caporedattore di Vecherniy Peterburg.[42] Incidente non confermato, San Pietroburgo. [nJ]
  13. 29 ottobre - Lev Bogomolov, capo redattore di Kaluga Vechernyaya,[42] Kaluga. Incidente non confermato [nJ].
  14. 31 ottobre - Sergei Semisotov, redattore del giornale Traktir po Pyatnitsam.[42] Volgograd. Omicidio [nJ].
  15. 10 novembre - Marina Gorelova, reporter per il canale televisivo Otechestvo [42] e Yury Shmakov, consulente per il canale Otechestvo.[42] Cimitero di Kotlyakovskoe, Mosca. Azione terroristica. Nel 2003 due persone vennero condannate per la morte nell'esplosione di 16 persone, inclusi i due giornalisti. [J]
  16. 6 dicembre - Kirill Polenov, giornalista freelance. Vladikavkaz, Ossezia del Nord. Omicidio [nJ].
  17. 7 dicembre - Anatoly Belousov, caporedattore di Red Star (Krasnaya Zvezda),[42] Regione di Mosca. Omicidio [nJ].

1997-1999[modifica | modifica wikitesto]

1997[43]

  1. 16 gennaio - Alexei Yeldashov, giornalista per la stampa e la radio locale. Chabarovsk, Territorio del Litorale. Omicidio [nJ].
  2. 16 gennaio - Nikolai Lapin, caporedattore della rivista "Obo vsyom". Togliatti, Regione di Samara. Omicidio [nJ].
  3. 3 febbraio - Yury Baldin, caporedattore del canale TV Focus. Čeljabinsk. Omicidio [nJ].
  4. 12 febbraio - Vyacheslav Zvonarev, redattore per il canale TV Takt . Kursk. Omicidio [nJ].
  5. 25 febbraio - Vadim Biryukov, caporedattore della rivista "Delovye lyudi", Novolesnaya, Mosca. Omicidio [nJ].
  6. 23 marzo - Vladimir Aliev, Prokhladnoe, Cabardino-Balcaria. Omicidio [nJ].
  7. 30 marzo - Nikolai Mozolin, Kirovsk, Regione di Leningrado. Omicidio [nJ].
  8. 10 maggio - Alexander Korkin, Pereslavl-Zalessky, Regione di Jaroslavl'. Omicidio [nJ].
  9. 6 agosto - Valery Krivosheyev, Lipeck. Omicidio [nJ].
  10. 19 ottobre - Lydia Lazarenko, Nižnij Novgorod. Omicidio [nJ].

1998[44]

  1. 30 gennaio - Vladimir Zbaratsky, Mosfilmoskaya St, Mosca. Omicidio [nJ].
  2. 2 aprile - Ivan Fedyunin, corrispondente per il giornale Bryanskie Izvestia. Omicidio, Bryansk [nJ].
  3. 6 aprile - Lira Lobach, impiegata nel settore dei media, Regione di Tomsk . Omicidio [nJ].
  4. 20 maggio - Igor Myasnikov, Territorio del Litorale. Omicidio [nJ].
  5. 7 giugno - Larisa Yudina, caporedattore del giornale Sovetskaya Kalmykia Segodnya. Ėlista, Kalmykia. L'autore dell'omicidio è stato condannato nel 1999, ma chi lo ha commissionato è ancora sconosciuto.[J].
  6. 28 luglio - Vladimir Ustinov, Ivanovo. Omicidio [nJ].
  7. 17 agosto - Sergei Semenduyev, Machačkala, Daghestan. Disperso [nJ].
  8. 24 agosto - Anatoly Levin-Utkin, San Pietroburgo. Omicidio [?J].
  9. 27 agosto - Mirbaba Seidov, Regione di Kaliningrad. Omicidio [nJ].
  10. 29 agosto - Victor Shamro, San Pietroburgo. Omicidio [nJ].
  11. 2 settembre - Farid Sidaui, corrispondente della rivista Prosto nedvizhimost. Ramenka St, Mosca. Omicidio [nJ].
  12. 30 dicembre - Sergei Chechugo, Vladivostok. Non confermato. [?J].

1999[45]

  1. 19 febbraio - Gennady Bodrov, Omicidio [nJ].
  2. 25 febbraio - Valentina Mirolyubova e Nikolai Mirolyubov, Omicidio [nJ].
  3. 4 marzo - Andrei Polyakov, Omicidio [nJ].
  4. 30 maggio - Alexei Kulanov, Omicidio [nJ].
  5. 30 giugno - Vadim Rudenko, Omicidio.
  6. 30 agosto - Lubov Loboda, Kuibyshev (Regione di Novosibirsk). L'autore, l' intermediario e chi ha commissionato l'omicidio sono stati arrestati e condannati. [nJ].
  7. 27 settembre - Christopher Reese, Mosca. Omicidio [nJ].
  8. 27 ottobre - Supyan Ependiyev, corrispondente per la rivista Groznenskiy Rabochy, Cecenia. Conflitto a fuoco [J].
  9. 29 ottobre - I cameramen Shamil Gigayev e Ramzan Mezhidov, del canale nazionale TVC e la TV locale cecena Shami-Yurt, Cecenia. Conflitto a fuoco. Nel 2005 il verdetto della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. [J].

Sotto Putin (incluso il 2° conflitto ceceno)[modifica | modifica wikitesto]

2000-2002[modifica | modifica wikitesto]

2000[46]

  1. 1º febbraio - Vladimir Yatsina, fotocorrispondente di ITAR-TASS. Venne rapita e successivamente uccisa durante la sua prima ed ultima visita in Cecenia.[47] Omicidio [J].
  2. 10 febbraio - Ludmila Zamana, Samara. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  3. 9 marzo - Artyom Borovik, direttore e giornalista del periodico e casa editrice Sovershenno sekretno. Aeroporto Sheremetyevo-1 Mosca. Incidente non confermato. [?J].
  4. 22 marzo - Luisa Arzhieva, corrispondente per il giornale Istina mira (Mosca). Avtury, Cecenia. Conflitto a fuoco [?J].
  5. 17 aprile - Oleg Polukeyev, Omicidio.
  6. 1º maggio - Boris Gashev, critico letterario, Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  7. 13 maggio - Alexander Yefremov, Cecenia. Fotogiornalista del giornale della Siberia Occidentale Nashe Vremya, Yefremov morì nell'esplosione della jeep militare in cui stava viaggiando. Yefremov aveva ricevuto dei premi per le sue notizie fotografiche nella regione. Conflitto a fuoco [J].
  8. 16 luglio - Igor Domnikov, di Novaya Gazeta, Mosca. Colpito alla testa con un martello nella tromba delle scale del suo appartamento a Mosca, Domnikov rimase due mesi in coma. L'omicida è stato identificato nel 2003 e condannato nel 2007. [3]. L'uomo che ha commissionato l'omicidio è stato identificato ma non condannato. Omicidio [J].
  9. 26 luglio - Sergei Novikov, Radio Vesna, Smolensk. Ucciso nella tromba delle scale dell' edificio in cui viveva. Aveva più volte criticato l'amministrazione della regione di Smolensk. Omicidio [?J].
  10. 21 settembre - Iskander Khatloni, Radio Free Europe, Mosca. Nato nel Tagikistan, Khatloni è stato ucciso di notte con un'ascia appena fuori dal suo appartamento di Mosca. L'autore ed il motivo dell'omicidio sono tuttora sconosciuti. Il portavoce di RFE/RL dichiarò che Khatloni stava lavorando sul tema della violazione dei diritti umani in Cecenia.[48] Omicidio [nJ].
  1. 3 ottobre - Sergei Ivanov, Lada-TV, Togliatti. Ucciso da cinque colpi alla testa ed al petto al di fuori del suo appartamento. Direttore della compagnia televisiva più indipendente della città di Togliatti, giocava un importante ruolo sulla scena politica locale.[49] Omicidio. La gang responsabile dell'omicidio è sotto processo. [nJ].
  1. 18 ottobre - Georgy Garibyan, giornalista di Park TV (Rostov), ucciso a Rostov sul Don [nJ].
  2. 20 ottobre - Oleg Goryansky, giornalista freelance. Ucciso a Čerepovec, regione della Vologda . Colpevoli condannati [nJ].
  3. 21 ottobre - Raif Ablyashev, fotografi per il giornale Iskra. Kungur, regione di Perm'. Omicidio [nJ].
  4. 3 novembre - Sergei Loginov, Lada TV (Togliatti). Incidente non confermato. [nJ].
  5. 20 novembre - Pavel Asaulchenko, cameraman per la televisione austriaca, Mosca. Omicidio su commissione. Colpevoli condannati. [nJ].
  6. 23 novembre - Adam Tepsurkayev, Reuters, Cecenia. Cameraman ceceno, venne ucciso nella casa del suo vicino nel villaggio di Alkhan-Kala (conosciuto anche come Yermolovka). Tepsurkayev aveva filmato gran parte delle immagini utilizzate dalla Reuters sulla Cecenia, inclusa quella del ribelle ceceno Shamil Basayev che aveva subito l'amputazione del piede. Omicidio. [J].
  7. 28 novembre - Nikolai Karmanov, giornalista in pensione. Ljubim, regione di Jaroslavl'. Omicidio [nJ].
  8. 23 dicembre - Valery Kondakov, fotografo freelance. Ucciso ad Armavir, regione di Krasnodar. [nJ].

2001[50]

  1. 1º febbraio - Eduard Burmagin, Omicidio.
  2. 24 febbraio - Leonid Grigoryev, Omicidio [nJ].
  3. 8 marzo - Andrei Pivovarov, Omicidio.
  4. 31 marzo - Oleg Dolgantsev, Omicidio [nJ].
  5. 17 maggio - Vladimir Kirsanov,[51] caporedattore. Kurgan, Distretto Federale degli Urali. Omicidio [J].
  6. 2 giugno - Victor Popkov, collaboratore di Novaya gazeta, morto all'ospedale nella regione di Mosca. Ferito in Cecenia due mesi prima. Conflitto a fuoco [J].
  7. 11 settembre - Andrei Sheiko, Omicidio [nJ].
  8. 19 settembre - Eduard Markevich, 29, direttore del giornale locale Novy Reft nella regione di Sverdlovsk . Ucciso alle spalle[51] su commissione, Omicidio [J].
  9. 5 novembre - Elina Voronova, Omicidio [nJ].
  10. 16 novembre - Oleg Vedenin, Omicidio.
  11. 21 novembre - Alexander Babaikin, Omicidio [nJ].
  12. 1º dicembre - Boris Mityurev, Omicidio.

2002[52]

  1. 18 gennaio - Svetlana Makarenko, Omicidio.
  2. 4 marzo - Konstantin Pogodin, del giornale Novoye Delo , Nizhni Novgorod. Omicidio.
  3. 8 marzo - Natalya Skryl, del giornale Nashe Vremya , Taganrog. Omicidio [?J].
  4. 31 marzo - Valery Batuyev, del giornale Moscow News , Mosca. Omicidio [nJ].
  5. 1º aprile - Sergei Kalinovsky, giornalista dell'edizione locale di Moskovskij Komsomolets, Smolensk. Omicidio [nJ].
  6. 4 aprile - Vitaly Sakhn-Vald, fotogiornalista, Kursk. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  7. 25 aprile - Leonid Shevchenko, del giornale Pervoye Chtenie, Volgograd. Omicidio [nJ].
  8. 29 aprile - Valery Ivanov, fondatore e capo redattore della rivista Tolyattinskoye Obozrenie, regione di Samara.[51] Ucciso su commissione. [J].
  9. 20 maggio - Alexander Plotnikov, del giornale Gostiny Dvor, Tjumen'. Omicidio.
  10. 6 giugno - Pavel Morozov, Omicidio.
  11. 25 giugno - Oleg Sedinko, fondatore di Novaya Volna TV & Radio Company, Vladivostok. Uccisione su commissione, esplosivo nella tromba delle scale. [nJ].
  12. 20 luglio - Nikolai Razmolodin, direttore generale di Europroject TV & Radio Company, Uljanovsk. Omicidio.
  13. 21 luglio - Maria Lisichkina Omicidio [nJ].
  14. 27 luglio - Sergei Zhabin, addetto stampa del governatore della regione di Mosca. Omicidio [nJ].
  15. 18 agosto - Nikolai Vasiliev, Čeboksary, Ciuvascia. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  16. 25 agosto - Paavo Voutilainen, ex caporedattore della rivista Karelia, Karelia. Omicidio [nJ].
  17. 4 settembre - Leonid Kuznetsov, della casa editrice "Periodicals of Mari-El" , Joškar-Ola.[53] Incidente non confermato. [?J].
  18. 20 settembre - Igor Salikov, capo della sicurezza informatica della rivista Moskovskij Komsomolets di Penza. Ucciso su commissione [nJ].
  19. 26 settembre - Roderick (Roddy) Scott, Frontline TV Company, Gran Bretagna. Conflitto a fuoco [J].
  20. 2 ottobre - Yelena Popova, Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  21. 19 ottobre - Leonid Plotnikov Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  22. 26 ottobre - Tamara Voinova (Stavropol) e Maxim Mikhailov (Kaliningrad), attacco al teatro Dubrovka ("Nord Ost" show), Mosca. Azione terroristica [nJ].
  23. 21 dicembre - Dmitry Shalayev, Kazan, Tatarstan. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].

2003-2005[modifica | modifica wikitesto]

2003[54]

  1. 7 gennaio - Vladimir Sukhomlin, giornalista ed editore di Serbia.ru, Mosca. Omicidio. Venne condannato per l'omicidio un poliziotto fuori servizio, ma non il mandante.[J].
  2. 11 gennaio - Yury Tishkov, commentatore sportivo, Mosca. Omicidio commissionato.[nJ].
  3. 21 febbraio - Sergei Verbitsky, editore del giornale BNV. Čita. Omicidio [nJ].
  4. 18 aprile - Dmitry Shvets, TV-21 Northwestern Broadcasting, Murmansk. Vice direttore della stazione indipendente TV-21(Northwestern Broadcasting), venne ucciso fuori dagli studi televisivi. I colleghi di Shvets dichiararono che la stazione aveva ricevuto varie minacce per i report su diversi influenti politici locali. Ucciso su commissione. [nJ].
  5. 3 luglio - Yury Shchekochikhin, Novaya gazeta, Mosca. Vice direttore di Novaya gazeta e deputato della Duma dal 1993, morì alcuni giorni prima del suo viaggio programmato negli USA dove avrebbe discusso del suo report di giornalismo investigativo compiuto insieme ad ufficiali dell'FBI. Nel suo report "Three Whales Corruption Scandal" venivano inclusi anche alti ufficiali dell' FSB. Shchekochikhin morì in seguito ad una reazione allergica. Si sono fatte tante speculazione sul caso della sua morte. Le indagini sul caso sono state aperte e chiuse quattro volte. Omicidio [J].
  6. 4 luglio - Ali Astamirov, France Presse. Disperso in Nazran [?J].
  7. 18 luglio - Alikhan Guliyev, giornalista freelance, di Inguscezia. Mosca. Omicidio [nJ].
  8. 10 agosto - Martin Kraus, Daghestan. In viaggio per la Cecenia. Omicidio [nJ].
  9. 9 ottobre - Alexei Sidorov, Tolyatinskoye Obozreniye, Togliatti. Secondo vice direttore del giornale locale ad essere ucciso. Il predecessore Valery Ivanov fu ucciso nell' aprile 2002.[51] Omicidio. I presunti killer vennero assolti. [?J].
  10. 24 ottobre - Alexei Bakhtin, giornalista ed uomo d'affari di Mariiskaya pravda. Repubblica dei Mari. Omicidio [nJ].
  11. 30 ottobre - Yury Bugrov, direttore di Provincial Telegraph. Balakovo, regione di Saratov. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  12. 25 dicembre - Pyotr Babenko, direttore di Liskinskaya gazeta. Liski, regione di Voronez. Omicidio [nJ].

2004[55]

  1. 1º febbraio - Yefim Sukhanov, ATK-Media, Arcangelo. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  2. 23 marzo - Farit Urazbayev, cameraman, Vladivostok TV/Radio Company, Vladivostok. Incidente non confermato. [nJ].
  3. 2 maggio - Shangysh Mongush, corrispondente del giornale Khemchiktin Syldyzy, Tuva. Omicidio [?J].
  4. 9 maggio - Adlan Khasanov, reporter della Reuters, morì a Groznyj durante l'attacco bomba che uccise il presidente ceceno Ahmed Kadyrov. Azione terroristica [J].
  5. 9 giugno - Paul Klebnikov, vice direttore della versione russa di Forbes, Mosca. Ucciso su commissione, i presunti autori vennero processati ma assolti. Omicidio [J].
  6. 1º luglio - Maxim Maximov, giornalista della rivista Gorod, San Pietroburgo. Corpo non trovato. Omicidio [J].
  7. 10 luglio - Zoya Ivanova, presentatore TV, Buryatia State Television & Radio Company, Ulan-Udė, Buriazia. Omicidio [nJ].
  8. 17 luglio - Pail Peloyan, direttore della rivista Armyansky Pereulok, Mosca. Omicidio [nJ].
  9. 3 agosto - Vladimir Naumov, reporter nazionalista, Regione di Mosca. Omicidio [nJ].
  10. 24 agosto - Svetlana Shishkina, giornalista, Kazan, Tatarstan. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  11. 24 agosto - Oleg Belozyorov, aereo Mosca-Volgograd. Azione terroristica [nJ].
  12. 18 settembre - Vladimir Pritchin, caporedattore di North Baikal TV & Radio Company, Buriazia. Omicidio [?J].
  13. 27 settembre - Jan Travinsky (San Pietroburgo), in Irkutsk come attivista politico per le elezioni locali.[56] Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].

2005[57]

  1. 23 maggio - Pavel Makeyev, reporter di TNT-Pulse Company, Rostov sul Don. Ucciso mentre fotografava una corsa clandestina in strada. Incidente non confermato. [?J].
  2. 28 luglio - Magomed Varisov, analista politico e giornalista, ucciso vicino alla sua abitazione di Machačkala, in Daghestan. Secondo Committee to Protect Journalists " ricevette minacce, venne pedinato e chiede inutilmente protezione alla polizia locale".[58] Omicidio [J].
  3. 31 agosto - Alexander Pitersky, reporter di Baltika Radio, San Pietroburgo. Omicidio [?J].
  4. 3 settembre - Vladimir Pashutin, del giornale Smolensky Literator, Smolensk. Non confermato. [nJ].
  5. 13 ottobre - Tamirlan Kazikhanov, capo addetto stampa del centro anti-terrorismo del Dipartimento per il distretto del sud-est del Ministero degli Affari Interni russo, Nalchik. Conflitto a fuoco [J].
  6. 4 novembre - Kira Lezhneva, reporter del giornale Kamensky rabochii, regione di Sverdlovsk.[59] Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].

2006-2008[modifica | modifica wikitesto]

2006[60]

  1. 8 gennaio - Vagif Kochetkov, corrispondente di Trud per la regione, ucciso e derubato a Tula. Autori assolti. [nJ].
  2. 26 febbraio - Ilya Zimin, lavorava per il canale televisivo NTV Russia, venne ucciso nel suo appartamento a Mosca. Autori assolti [nJ].
  3. 4 maggio - Oksana Teslo, lavoratore dei media, regione di Mosca. Omicidio [nJ].
  4. 14 maggio - Oleg Barabyshkin, direttore di una stazione radio, Čeljabinsk. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  5. 23 maggio - Vyacheslav Akatov, reporter speciale per lo show televisivo Business Moscow, ucciso a Mytišči, regione di Mosca. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  6. 25 giugno - Anton Kretenchuk, cameraman per il canale locale "Channel 38", ucciso a Rosov sul Don. Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  7. 25 luglio - Yevgeny Gerasimenko, giornalista del quotidiano Saratovsky Rasklad. Ucciso a Saratov. Colpevoli condannati [nJ].
  8. 31 luglio - Anatoly Kozulin, giornalista freelance in pensione. Ukhta, Komi. Omicidio [nJ].
  9. 8 agosto - Alexander Petrov, caporedattore del quotidiano Right to Choose di Omsk, ucciso con la famiglia mentre era in vacanza nella Repubblica di Altai. L'autore minorenne venne condannato. Omicidio. [nJ].
  10. 17 agosto - Elina Ersenoyeva, reporter del giornale Chechenskoye obshchestvo. Sequestrata a Groznyj, Cecenia. Scomparsa.[?
  11. 13 settembre - Vyacheslav Plotnikov, reporter per il canale locale "Channel 41", Voronež. Incidente non confermato [nJ].
  12. 7 ottobre - Anna Politkovskaya, cronista di Novaya gazeta, Mosca, uccisa nell'ascensore del suo appartamento.[61][62][63][64] [J]
  13. 16 ottobre - Anatoly Voronin, agenzia di notizie Itar-TASS, Mosca. Omicidio [nJ].
  14. 28 dicembre - Vadim Kuznetsov, caporedattore del giornale World & Home. Saint Petersburg, ucciso a San Pietroburgo. Omicidio [nJ].

2007[65]

  1. 14 gennaio - Yury Shebalkin, giornalista in pensione di Kaliningradskaya pravda. Omicidio a Kaliningrad. Colpevoli condannati [nJ].
  2. 20 gennaio - Konstantin Borovko, presentatore TV della compagnia "Gubernia" (in russo: "Губерния"), ucciso a Chabarovsk.[66] Omicidio. Colpevoli condannati [nJ].
  3. 2 marzo - Ivan Safronov, colonnista del quotidiano Kommersant. Morto a Mosca, le cause della morte non sono chiare.[67][68] Incidente non confermato. Gli investigatori sono convinti che si tratti di suicidio. (Article 110) [?J].
  4. 15 marzo - Leonid Etkind, direttore del giornale Karyera. Rapinato ed ucciso a Vodnik, regione di Saratov. Colpevoli condannati [nJ].
  5. 5 aprile - Vyacheslav Ifanov, cameraman di Novoye televidenie Aleiska. Era già stato oggetto di un attacco da parte di militari locali. Aleisk, Altai. Incidente non confermato. [?J].
  • Marina Pisareva, vice direttore della sede russa del gruppo mediatico tedesco Bertelsmann, venne trovata morte nella sua villa fuori Mosca in aprile[69][70]

2008

(ultimi mesi della presidenza Putin)

  1. 8 febbraio - Yelena Shestakova, ex giornalista, San Pietroburgo. L'autore è attualmente ospitato in un ospedale psichiatrico. Omicidio [nJ].
  2. 21 marzo - Gadzhi Abashilov, capo della televisione e radio VGTRK dello stato del Daghestan, ucciso nella sua macchina a Machačkala. Omicidio [?J].
  3. 21 marzo - Ilyas Shurpayev, giornalista del Daghestan che si occupava di Caucaso per Channel One, venne strangolato con una cintura a Mosca da alcuni ladri.[71][72] I killer vennero estradati in Tagikistan e condannati per l'omicidio. Omicidio [?J].

La presidenza Medvedev[modifica | modifica wikitesto]

2008-2011[modifica | modifica wikitesto]

2008[73]

  1. 31 agosto - Magomed Yevloyev, fondatore di Ingushetiya.ru, avvocato che lavorava a Mosca, ucciso al ritorno dal paese mentre era in custodia di ufficiali di polizia.[74][75][76] I killer vennero condannati per negligenza. Omicidio, la pena venne successivamente mitigata. Omicidio. Colpevoli condannati [J].
  2. 2 settembre - Abdulla Alishayev, (conosciuto come Telman Alishayev), presentatore TV del canale musulmano, trovato morto nella sua auto, Machačkala.[77] Omicidio [J].

2009[78]

  1. 4 gennaio - Shafig Amrakhov, Murmansk, colpito a fuoco nella tromba delle scale dell' edificio in cui viveva a fine dicembre del 2008. Omicidio [nJ].
  2. 4 gennaio - Vladislav Zakharchuk, manager del giornale Arsenyevskie vesti, Vladivostok. Incidente non confermato. [?J].
  3. 19 gennaio - Anastasia Baburova, Novaya gazeta, Mosca. L'19 gennaio Stanislav Markelov, avvocato di Novaya gazeta, attivista anti fascista ed attento alle violazioni dei diritti umani in Cecenia, venne colpito ed ucciso nel centro di Mosca.[79] Insieme a lui morì Anastasia Baburova un apprendista giornalista di Novaya Gazeta, e anche lei attivista anti fascista.[80][81] Ai primi di novembre un uomo ed una donna vennero arrestati per l'omicidio.[82] Omicidio [J].
  4. 30 marzo - Sergei Protazanov, artista del giornale Grazhdanskoye soglasie, Khimki nr. Mosca. Incidente non confermato [nJ].
  5. 29 giugno - Vyacheslav Yaroshenko, caporedattore del giornale Corruption and Criminality, Volgograd. Le cause della sua morte rimangono non chiare. Incidente non confermato. [?J].
  6. 15 luglio - Natalia Estemirova,[83] attivista per i diritti umani lavorava con giornalisti di Novaya gazeta, in particolare con Anna Politkovskaya. Alcune volte pubblicava lei stessa degli articoli sul quotidiano essendo stata essa stessa una reporter prima del 1999. Dopo aver speso alcuni anni ad investigare sugli omicidi e rapimenti avvenuti in Cecenia, Estemirova venne sequestrata di mattina a Groznyj. Il suo corpo fu trovato alcune ore dopo in Inguscezia.[84] Omicidio [J].
  7. 11 agosto - Malik Akhmedilov,[85] vice redattore del giornale in lingua Avar Khakikat (Verità), venne trovato morto vicino alla capitale del Daghestan, Machačkala. Omicidio [?J].
  8. 25 ottobre - Maksharip Aushev venne ucciso a Nal'čik, capitale della Cabardino-Balcaria.[86] Quando Magomed Yevloyev lasciò la direzione di Ingushetia.ru, il suo successore (Rosa Malsagova) dovette fuggire all'estero per evitare le minacce e gli attacchi. Aushev divenne il nuovo direttore di Ingushetia.org. Connessioni con il suo lavoro non sono chiare. Omicidio [?J].
  9. 16 novembre - Olga Kotovskaya, compagnia tv e radio Kaskad, Kaliningrad. Incidente non confermato. Gli investigatori indagano per "Incitamento al suicidio" (Article 110) [?J].

2010[87]

  1. 20 gennaio - Konstantin Popov morì per le percosse ricevute da un poliziotto russo in un centro di disintossicazione.[88] Un ufficiale di 26 anni è accusato dell'omicidio. Omicidio [nJ].
  1. 23 febbraio - Journalist Ivan Stepanov.[89] Omicidio [nJ].
  2. 20 marzo - Maxim Zuyev venne trovato morto a Kaliningrad nell'appartamento che aveva affittato. Sette anni prima era stato interrogato dalla polizia locale essendo stato accusato di aver inviato una lettera anonima in cui denunciava la corruzione dei ranghi più alti degli ufficiali di polizia del posto.[90][91][92][93] "Crimine risolto", hanno dichiarato gli investigatori. [?J].
  3. 5 maggio - Shamil Aliyev, fondatore di una stazione radio,direttore di un canale televisivo locale, Machačkala, Daghestan.[94] Omicidio [?J]
  4. 13 maggio - Said Magomedov, direttore di una stazione televisiva locale nel distretto di Sergokalinsky, Daghestan. Ucciso mentre stava viaggiando con un tecnico per aggiustare dei trasmittenti televisivi sabotati. Azione terroristica [J].
  5. 25 giugno - Dmitry Okkert, Mosca. Presentatore del canale Expert TV, Okkert venne trovato morto nel suo appartamento. Il direttore di Expert Valery Fadeyev, disse di non credere che l'omicidio fosse connesso con il lavoro giornalistico di Okkert. Omicidio [?J].
  6. 25 luglio - Bella Ksalova, Čerkessk. Corrispondente per il Caucaso per il sito web e agenzia di notizie Knot, Ksalova morì dopo essere stata colpita da un'auto nella strada in cui viveva. Incidente non confermato. [?J]
  7. 1º agosto - Malika Betiyeva, autostrada Groznyj-Shatoi. Ex caporedattore di Molodyozhnaya smena e corrispondente dalla Cecenia per la rivista "Dosh" (Parola), morì insieme a quattro membri della sua famiglia in un incidente automobilistico. Non confermato [?J]
  8. 11 agosto - Magomed Sultanmagomedov, Machačkala. Direttore della stazione televisiva "Machačkala" venne assassinato nella capitale del Daghestan dopo che l'auto in cui viaggiava fu colpita da colpi di arma da fuoco. [?J]

2011

  1. 15 dicembre - Gadzhimurat Kamalov, Machačkala. Giornalista investigativo - ucciso con 8 colpi di arma da fuoco appena fuori dagli uffici del suo giornale.[95]

Presidenza Putin[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

    1. 7 luglio - Alexander Khodzinsky, giornalista di Tulun,venne ucciso dall'uomo d'affari Gennady Zhigarev, ex deputato.[96]
    2. 5 dicembre - Kazbek Gekkiev, giornalista della tv locale della regione Cabardino-Balcaria, venne ucciso nelle strade di Nal'čik, dopo aver ricevuto delle minacce.[96]

2013[modifica | modifica wikitesto]

    1. 9 luglio - Akhmednabi Akhmednabiyev, ex direttore di Novoe Delo venne ucciso (dopo aver ricevuto numerose minacce ed aver subito un tentanto omicidio nel gennaio del 2013) da una serie di colpi di arma da fuoco mentre stava guidando a 50 metri della sua abitazione appena fuori dalla capitale Machačkala.[97][98]

2014[modifica | modifica wikitesto]

    1. 1 agosto - il giornalista ed attivista per i diritti umani Timur Kuashev venne sequestrato dalla sua casa e successivamente trovato morto in Cabardino-Balcaria. Kuashev era stato precedentemente fermato dalla polizia e aveva ricevuto della minacce.[99][100]
    2. Ottobre - la giornalista freelance Valeryin Donskoy morì di polmonite a Mosca, in seguito alla cattive condizioni in cui venne detenuta sul confine russo-ucraino.[101]

2016[modifica | modifica wikitesto]

    1. 31 marzo- il giornalista Dmitry Tsilikin fu ucciso nel suo appartamento di San Pietroburgo.[102] Il sospettato omicida è il neo-nazista Sergey Kosyrev e le cause dell'omicidio sono da rintracciare nell'orientamento sessuale di Tsilikin.

Giornalisti uccisi in Cecenia[modifica | modifica wikitesto]

Questa categoria si sovrappone a quella dei giornalisti uccisi in generale in Russia. In questo modo si vogliono sottolineare le connessione tra le difficili condizioni in cui versa il giornalismo, l'attivismo pubblico e quello per i diritti umani. Anche se in differenti modi le morti di Dmitry Krikoryants, Dmitrij Cholodov, Nadezhda Chaikova, Viktor Popkov, Anna Politkovskaja, Anastasija Baburova, Stanislav Markelov e Natalia Estemirova dimostrano che la situazione drammatica della repubblica del Nord del Caucaso oltrepassa i suoi confini formali. Dal database di IFJ emerge che il numero di giornalisti morti o i feriti in Cecenia è a livelli record. Alcuni giornalisti, come Natalya Alyakina, Anna Politkovskaja, morti sia nelle vicinanze della repubblica che al di fuori, vennero uccisi anche in relazione al conflitto armato in Cecenia.

1993[modifica | modifica wikitesto]

Dmitry Krikoryants nella notte tra il 14 e 15 aprile 1993, Groznyj. Ucciso un anno e mezzo prima che il conflitto esplodesse in Cecenia (Inizialmente si opposero le fazioni pro-Dudayev e pro-Mosca, poi con l'intervento delle forze federali) la morte di Krikoryants è dovuta alle sue investigazioni sulla corruzione del regime sia in patria che all'estero.

Prima guerra Cecena[modifica | modifica wikitesto]

Cynthia Elbaum, in Cecenia per la rivista Times, stava facendo delle fotografie nelle strade di Groznyj quando venne colpita da un bombardamento russo.[103]

Vladimir Zhitarenko, corrispondente militare veterano per la rivista delle forze armate russe Krasnaya Zvezda (Stella Rossa) venne ucciso da due colpi di cecchino nella città di Tolstoy-Yurt, vicino alla capitale Groznyj il 31 dicembre 1994.

Nina Yefimova, reporter per la rivista Vozrozhdenie (Ritorno) venne sequestrata dal suo appartamento e uccisa insieme alla madre. I giornalisti sia di Groznyj che di Mosca credono che il suo omicidio sia legato ai racconti che stava pubblicando sulla guerra in Cecenia.

Jochen Piest, il 10 gennaio 1995 Piest, corrispondente della rivista Stern (Germania), venne ucciso durante un attacco dei ribelli ceceni contro un'unità di sminamento russa a Chervlyonna, un villaggio a 24 kilometri a nord est di Groznyj. Il corrispondente Vladimir Sorokin di Rossiskaya Gazeta venne ferito nello stesso attacco. Piest venne fatalmente ucciso da tre colpi di proiettili.

Farkhad Kerimov, Farkhad Kerimov venne assassinato il 22 maggio 1995 dietro le linee dei ribelli in Cecenia mentre stava riprendendo per la Associated Press. Non è stato mai chiarito il motivo dell'omicidio.

Natalya Alyakina, Natalya Alyakina, corrispondente free-lance per un'agenzia tedesca, venne uccisa in giugno da un soldato mentre stava attraversando un checkpoint russo nel sud est della città russa di Budyonnovsk.

Shamkhan Kagirov. Kagirov, reporter per la rivista moscovita Rossiyskaya Gazeta e il locale giornale Vozrozhenie, venne colpito ed ucciso in un' imboscata in Cecenia. Kagirov e tre ufficiali di polizia vennero attaccati mentre viaggiavano in un' auto vicino a Groznyj. Insieme a lui morirono i tre ufficiali.

Viktor Pimenov, l'11 marzo 1996. Pimenov, un cameraman della compagnia locale "Vainakh" venne colpito alla schiena da un cecchino posizionato sul tetto di un edificio di 16 piani a Groznyj. Pimenov aveva filmato la distruzione della capitale Grozny causata dai raid ribelli dal 6 al 9 marzo dello stesso anno. Pimenov ha ricevuto postumo il premio Rory Peck.[104]

Nadezhda Chaikova. Il 20 marzo 1996 Chaikova, corrispondente per il settimanale Obshchaya gazeta (Mosca) sparì senza lasciare tracce mentre si trovava in Cecenia. Il suo corpo venne trovato inumato l'11 aprile nel villaggio ceceno di Gekhi, bendato e con segni di violenza. Venne uccisa da un proiettile sparato dietro la testa. Non si conoscono ancora le identità degli esecutori. Secondo i documenti dell'archivio Dudaev, ritrovato dai servizi speciali russi nel 2002, venne uccisa da membri del cosiddetto "Dipartimento di stato per la sicurezza della Repubblica cecena di Ichkeria ("In russo: Департамент государственной безопасности ЧРИ). Ai quei tempi si sospettava che i servizi di sicurezza russi fossero coinvolti nell'omicidio.

Dal settembre 1996 all' ottobre 1999

Nessun giornalista venne ucciso nel periodo compreso tra il settembre 1996 e l'ottobre 1999. Ventidue giornalisti vennero però rapiti ed in seguito rilasciati.

Seconda guerra cecena, dal 1999 in poi

Un'operazione di contro terrorismo ebbe cominciò nella regione da parte delle autorità federale. L'intervento è terminato il 16 aprile del 2009.

  • Il giornalista Supyan Ependiyev. La sera del 27 ottobre 1999, alcuni missili balistici a corto raggio colpirono un frequentato mercato all' aperto nel centro di Groznyj, uccidendo e ferendo centinaia di persone. Un'ora dopo l'attacco, Ependiyev arrivò sul posto per descrivere l'accaduto. Mentre stava lasciando il posto, una nuova raffica di proiettili cadde a circa 200 metri dal mercato. Ependiyev venne colpito e morì il giorno successivo. Secondo altre fonti, il giornalista mori due giorni dopo.
  • Il cameramen Ramzan Mezhidov e Shamil Gigayev. I giornalisti facevano parte di un convoglio civile insieme a veicoli ed operatori della Croce Rossa che il 29 ottobre 2009 tentavano di lasciare la Cecenia. Stavano viaggiando sull' autostrada che collega Groznyj a Nazran nella vicina Inguscezia quando l'auto su cui viaggiava venne colpita. All' auto di avvicinò Shami-Yurt, un combattente russo che li avvisò che dei raid avevano colpito un bus di rifugiati. Mezhidov e Gigayev lasciarono l'auto per filmare la carneficina. Mentre si stavano avvicinando al bus, dei missili russi caddero nelle vicinanze e uccisero fatalmente i due giornalisti.
  • La fotogiornalista Vladimir Yatsina, membro di ITAR-TASS venne sequestrata e uccisa il 19 luglio 1999 durante il suo unico viaggio in Cecenia.
  • Antonio Russo, giornalista freelance italiano venne ucciso il 16 ottobre 2000 a Tbilisi, Georgia. Il suo corpo venne ritrovato vicino ad una base militare russa. Era arrivato a Tiblisi per documentare il conflitto in Cecenia come reporter per Radio Radicale, una stazione radio appartenente al Partito Radicale italiano. Il suo corpo portava segni di torture, probabilmente tecniche utilizzate da militari. Nessun articolo, i testi ed le registrazioni che aveva prodotto in Georgia vennero trovati.
  • Aleksandr Yefremov foto giornalista del giornale della Siberia Occidentale Nashe Vremya venne ucciso in Cecenia quando i ribelli fecero esplodere la jeep militare su cui viaggiava. Per i precedenti incarichi, Yefremov ricevette svariati premi per le sue fotografie in zone di guerra.
  • Cameraman e direttore Roddy Scott. Il 26 settembre 2002, Scott venne ucciso in Inguscezia. Dei soldati russi trovarono il suo corpo nella regione della Repubblica di Galashki, al confine con la Cecenia, in seguito ad una battaglia sanguinosa tra le forze russe ed un gruppo di combattenti ceceni.
  • Ex insegnante e giornalista TV Natalia Estemirova, attivista russa per i diritti umani, membro dello staff della ONG Memorial, e autore di Novaya gazeta venne uccisa il 15 luglio 2009. Estemirova venne rapita intorno alle 8.30 della mattina fuori dalla sua casa a Groznyj, Cecenia. Stava lavorando su casi “estremamente delicati” di violazione di diritti umani in Cecenia. Due testimoni hanno dichiarato di aver visto la Estemirova venire spinta in un'auto mentre i suoi aguzzini le gridavano che sarebbe stata rapita. Venne trovata con un colpo alla testa e nel petto alle 16,30 di quello stesso pomeriggio in un bosco a circa 100 m (328 ft) di distanza dall' autostrada "Kavkaz" nei pressi del villaggio di Gazi-Yurt, Ingushetia.
  • Il 1 agosto Malika Betiyeva venne uccisa sull' autostrada Groznyj-Shatoi. Ex caporedattore di "Molodyozhnaya smena" e corrispondente dalla Cecenia per la rivista "Dosh" (Parola), morì insieme a quattro membri della sua famiglia in un incidente automobilistico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Czar Putin, CNN.
  2. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, Deaths and Disappearances: An online database IFJ. Still under completion, October 2009.
  3. ^ ЖУРНАЛИСТЫ В РОССИИ. Смерти и исчезновения. База данных Международная федерация журналистов.
  4. ^ PARTIAL JUSTICE: An inquiry into the deaths of journalists in Russia, 1993-2009, IFJ: Brussels, June 2009.
  5. ^ ЧАСТИЧНОЕ ПРАВОСУДИЕ. Исследование смертей журналистов в России, 1993-2009. Международная федерация журналистов.
  6. ^ IFJ, Partial Justice An inquiry into the deaths of journalists in Russia, 1993-2009 (PDF), ifj.org, 2009.
  7. ^ A Tale of Two Countries (PDF), all-about-psychology.com, 2008.
  8. ^ CPJ, The Unsolved Killings of Journalists in Russia (PDF), cpj.org, 2009.
  9. ^ CPJ, Russia: Thirteen Murders, No Justice, cpj.org.
  10. ^ House Passes Smith's Resolution Calling on Russia to Accept Outside Aid to Investigate Murders of Journalists, prnewswire.com, 2007.
  11. ^ Gabriele Krone-Schmalz, "Press freedom", in Was passiert in Russland? F.A. Herbig: Munich, 2008 (4th edn.), pp. 81-98 (in German).
  12. ^ [1] Capitoli 2 e 3
  13. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, "Those missing since 1993"
  14. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, "Work-related accidents since 1993"
  15. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, "Trials for 2006 homicides"
  16. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, "Trials for 2007 deaths"
  17. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, Deaths and disappearances: An online database, IFJ: Brussels
  18. ^ ЖУРНАЛИСТЫ В РОССИИ. Смерти и исчезновения. База данных. МФЖ, Брюссель
  19. ^ Погибшие журналисты
  20. ^ Journalists
  21. ^ a b c d e Погибшие журналисты
  22. ^ Journalists
  23. ^ Journalists in Russia, An online database, Dubov
  24. ^ Journalists in Russia, Aidzerdzis
  25. ^ Journalists in Russia, Soltys
  26. ^ Journalists in Russia, Zhuravlyova
  27. ^ Journalists in Russia, Roshchina
  28. ^ See case study in PARTIAL JUSTICE, IFJ: Brussels, June 2009, pp. 29-31
  29. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, "1994 crossfire deaths"
  30. ^ Journalists
  31. ^ Journalists in Russia, An online database, Shabalin
  32. ^ Journalists in Russia, Konovalenko
  33. ^ Journalists in Russia, Alyakina
  34. ^ Journalists in Russia, Litvinov
  35. ^ Journalists in Russia, Zvaltsev
  36. ^ Journalists in Russia, Alferyev
  37. ^ Journalists
  38. ^ Убийства в Москве // Коммерсантъ, 28 февраля 1996
  39. ^ a b c d "Журналисты, погибшие в Чечне" Kommersant. 21 dicembre 1999. Retrieved 4 luglio 2009.
  40. ^ Убита обозреватель «Общей газеты» // Коммерсантъ, 13 апреля 1996
  41. ^ В Чечне убит журналист // Коммерсантъ, 20 апреля 1996
  42. ^ a b c d e f g h i . [2]
  43. ^ Journalists
  44. ^ JOURNALISTS IN RUSSIA, "1998 homicides"
  45. ^ Journalists in Russia database, 1999 deaths
  46. ^ Journalists
  47. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2000 Glasnost Defence Foundation
  48. ^ Journalist Murdered In Mosca, Committee to Protect Journalists, 2000. URL consultato il =10 marzo 2008.
  49. ^ Journalists Killed in Russia 2000-2003, Prague Watchdog, 2003. URL consultato il =25 January 2009.
  50. ^ Journalists
  51. ^ a b c d Partial Justice
  52. ^ Journalists
  53. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2002 Glasnost Defence Foundation
  54. ^ Journalists
  55. ^ Journalists
  56. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2004 Glasnost Defence Foundation
  57. ^ Journalists
  58. ^ ASSASSINATIONS CONTINUE IN DAGESTAN The Jamestown Foundation
  59. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2005 Glasnost Defence Foundation
  60. ^ Journalists
  61. ^ Chechen war reporter found dead BBC
  62. ^ Agent unknown (Russian) Novaya Gazeta
  63. ^ Anna Politkovskaya The Guardian
  64. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2006 Glasnost Defence Foundation
  65. ^ Journalists
  66. ^ Во Владивостоке осуждены убийцы хабаровского журналиста | Газета.Ru: Хроника дня
  67. ^ (RU) Погибшие журналисты - 2007 Glasnost Defence Foundation
  68. ^ 'Russian arms' journalist buried, in BBC News, 7 marzo 2007. URL consultato l'8 maggio 2010.
  69. ^ Bertelsmann manager 'murdered in Russia', in The Age (Melbourne), 16 luglio 2007.
  70. ^ Bertelsmann: Марина Писарева убита не из-за работы
  71. ^ http://www.newsru.com/russia/21mar2008/shurpaev.html (Russian)
  72. ^ Шурпаев, Ильяс (Лентапедия) (Russian)
  73. ^ Journalists
  74. ^ Ingushetia website owner killed, BBC News, 31 agosto 2008
  75. ^ Kremlin critic found dead, The Australian, 31 agosto 2008
  76. ^ Deputy says Russian police kill Web site owner, Associated Press, 31 agosto 2008
  77. ^ Journalist in Russia's Dagestan killed. Reuters. 2008-09-03.
  78. ^ Journalists
  79. ^ В центре Москве убиты адвокат Станислав Маркелов и журналист «Новой газеты» Анастасия Бабурова // Novaya Gazeta (Russian)
  80. ^ add NG reports in English//
  81. ^ James Rodgers, Murder of lawyer shocks Russians, in BBC News, 20 gennaio 2009. URL consultato l'8 maggio 2010.
  82. ^ //
  83. ^ (RU) newsru.com, July 15, 2009
  84. ^ timesonline.com
  85. ^ reuters.com
  86. ^ // JOURNALISTS IN RUSSIA, An online database, Aushev
  87. ^ Journalists
  88. ^ Steve Gutterman, Russian journalist dies after police beating: A Russian journalist died after being beaten in police custody, authorities and colleagues said, deepening concern about police abuses after a string of scandals involving violence and corruption, AP/Globe and Mail, 20 gennaio 2010.
  89. ^ Journalists in Russia database, Stepanov
  90. ^ Органы вгрызаются в Сеть, Женя Снежкина, novembre 11, 2003
  91. ^ Пресс-релиз Главного управления МВД России по Северо-Западному федеральному округу, Ministry of Internal Affairs, novembre 14, 2003
  92. ^ «На меня клевещут те, кому не нравится порядок», an interview with the head of the regional department of Ministry of Internal Affairs Sergei Kirichenko, by Andrei Zabelkin, ottobre 18, 2003
  93. ^ Зуев Макс
  94. ^ GLASNOST DEFENSE FOUNDATION DIGEST No. 477
  95. ^ The Telegraph, Investigative journalist shot dead in Russian province, telegraph.co.uk, 16/12/2011.
  96. ^ a b Binäre Optionen sind super, journalists-in-russia.org.
  97. ^ Journalist assassinated outside home in Dagestan, upi.com, 09/08/2013.
  98. ^ Dagestan: Russian Journalist Akhmednabi Akhmednabiev Gunned Down, ibtimes.co.uk, 09/08/2013.
  99. ^ RSF, Independent journalist murdered in Kabardino-Balkaria, rsf.org, 01/08/2014.
  100. ^ Caucasian Knot, In KBR, Circassian activist and journalist Timur Kuashev released from police, eng.kavkaz-uzel.ru, 21/05/2014.
  101. ^ Freedom House, Country Report- Russia, freedomhouse.org.
  102. ^ Radio Free Europe - Radio Liberty, Independent Russian Journalist Found Dead Of Stab Wounds, rferl.org, 01/04/2016.
  103. ^ International New York Times, As Russian Pilots Close In: 'It Was Terrifying', nytimes.com, 23/12/1994.
  104. ^ The Rory Peck Trust Review, rorypecktrust.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]