Giornalisti uccisi in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Numero di giornalisti uccisi o assassinati in Europa (esclusa la Russia) mentre erano in servizio o stavano lavorando, dal 1992 all'ottobre 2017[1]

Questa è una lista dei giornalisti uccisi in Europa, suddivisa per paesi in cui sono avvenuti i decessi.

Nonostante i giornalisti all'interno dell'Unione europea (UE) lavorino generalmente in buone condizioni, si sono succeduti negli anni diversi casi di giornalisti uccisi per il loro lavoro svolto, e molti dei responsabili rimangono tutt'ora impuniti.[1] La lista include altri paesi interni all'Europa ma non membri dell'UE, come Turchia, Ucraina e Russia.

Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

  • Adil Bunyatov, cameraman per Reuters TV e la Turan Information Agency, è stato ucciso il 17 marzo 1995 mentre riprendeva un attacco dell'esercito, ordinato dal governo azero, ai danni di un corpo di polizia che si era ribellato al governo.[2][3]
  • Chingiz Mustafayev, fotoreporter per la Democratic Russia Press Agency, è morto il 15 giugno 1992 per un colpo di mortaio mentre riprendeva uno scontro a fuoco tra azeri e armeni nella regione del Nagorno Karabakh.[4][5]
  • Elmar Huseynov, fondatore e redattore del settimanale indipendente d'opposizione Monitor, è stato assassinato a colpi d'arma da fuoco nel suo appartamento a Baku il 2 marzo 2005, dopo aver ricevuto varie minacce per il suo lavoro.[6][7]
  • Il giornalista indipendente Rafiq Tağı, che collaborava con la filiale azera di Radio Free Europe/Radio Liberty (RFE/RL), è morto in un ospedale di Baku il 21 novembre 2011, dopo essere stato pugnalato due giorni prima per l'odio suscitato da un suo articolo considerato troppo critico nei confronti dell'Islam,[8][9] per il quale era stato condannato a quattro anni di carcere dalla corte azera nel 2007.[10]
  • Novruzali Mammadov, direttore del giornale taliscio Talyshi Sado, è morto il 17 agosto 2009 nell'ospedale del Servizio penitenziario del Ministero della Giustizia dell'Azerbaigian, dove era stato privato della necessaria assistenza medica e nel quale era stato incarcerato dietro l'accusa di essere stato pagato dall'Iran per pubblicare il suo giornale, rivolto alla minoranza etnica di talisci residenti in Azerbaigian.[11][12]
  • Rasim Aliyev, presidente dell'Istituto per la libertà e la sicurezza dei giornalisti (IRFS), è morto il 9 agosto 2015 dopo essere stato pestato il giorno precedente nel centro di Baku in seguito alle critiche rivolte dal giornalista a un calciatore della nazionale azera.[13][14][15]

Bielorussia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il giornalista Dzmitryj Zavadski, cameraman personale del presidente Aljaksandr Lukašėnka, è scomparso e probabilmente morto il 7 luglio 2000. Il 14 marzo 2002 sono state condannate quattro persone con l'accusa di averlo rapito, ma, dal momento che il corpo non è mai stato ritrovato, non c'è stata alcuna sentenza per omicidio; i mandanti del rapimento, allo stesso modo, non sono mai stati identificati.[16][17] Zavadski è stato dichiarato morto il 28 novembre 2003.[18]
  • Aleh Bjabenin, co-fondatore e direttore del sito web di opposizione politica Charter 97, è stato trovato impiccato all'interno della sua abitazione estiva a Minsk il 3 settembre 2010, ma dal momento che non è stato trovato alcun messaggio lasciato dal giornalista l'ipotesi del suicidio è stata ritenuta dubbia.[19][20][21]

Bosnia ed Erzegovina[modifica | modifica wikitesto]

Durante le guerre jugoslave, tra il 1991 e il 1995, sono rimasti uccisi 75 giornalisti:[22]

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

  • Il conduttore e autore radiofonico Bobi Tsankov, che si era occupato a lungo dei crimini legati alla mafia bulgara, è stato assassinato nel centro di Sofia il 5 gennaio 2010.[26][27]
  • Viktorija Marinova, una giornalista televisiva che stava cercando di fare luce su un sospetto caso di corruzione legato all'attribuzione dei fondi europei, è stata violentata e uccisa nella città di Ruse; il suo cadavere è stato ritrovato il 7 ottobre 2018.[28][29][30]

Cipro[modifica | modifica wikitesto]

  • Il giornalista turco-cipriota Kutlu Adalı è stato assassinato a colpi d'arma da fuoco fuori dalla sua abitazione a Nicosia, il 6 luglio 1996.[31] L'omicidio è stato rivendicato dalla "Brigata della vendetta turca" (TİT),[32] ma nessuno è stato mai condannato; secondo la vedova del giornalista, inoltre, gli indizi sull'omicidio sono stati fatti sparire e non è stata condotta alcuna indagine.[33]

Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Durante le guerre jugoslave (1991–1995), in Croazia, sono rimasti uccisi due giornalisti:[1]

Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

  • Kim Wall, giornalista freelance svedese, è stata violentata e uccisa dall'inventore Peter Madsen a bordo del suo sommergibile privato, il UC3 Nautilus, la sera tra il 10 e l'11 agosto 2017. Madsen è stato in seguito condannato all'ergastolo per l'omicidio della giornalista.[38][39]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un dossier realizzato nel 2014 dall'osservatorio Ossigeno per l'informazione su commissione della Commissione parlamentare antimafia, sarebbero 28 i giornalisti italiani uccisi dal secondo dopoguerra ad oggi, mentre almeno 15 giornalisti vivono attualmente sotto scorta e altri 2 800 hanno ricevuto minacce di morte.[51][52][53]

Di questi, undici sono morti per mano di mafia e camorra (nel caso di nove giornalisti) o come vittime di azioni terroristiche (due giornalisti):[51][52]

Gli altri diciassette giornalisti sono invece rimasti uccisi mentre si trovavano in missione all'estero,[51] ed alcuni di essi sono: Ilaria Alpi, Enzo Baldoni, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Dario D’Angelo, Amerigo Grilz, Miran Hrovatin, Marco Lucchetta, Alessandro Ora, Marcello Palmisano e Guido Puletti.[52]

Kosovo[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante la guerra del Kosovo, e in seguito ad essa, sono scomparsi almeno sette giornalisti serbi che si ritiene siano morti in Kosovo.[66]
  • Due giornalisti tedeschi, Gabriel Grüner e Volker Krämer, sono stati uccisi da dei soldati jugoslavi il 13 giugno 1999, vicino al villaggio di Dulje. Krämer è morto immediatamente, mentre Grüner è morto più tardi all'ospedale di Tetovo, nella Repubblica di Macedonia.[67]
  • Il giornalista Bekim Kastrati è stato ucciso con colpi di arma da fuoco il 19 ottobre 2001 mentre si trovava in auto con altri due uomini, uno dei quali è morto poco dopo all'ospedale. Il movente dell'omicidio non è stato ancora chiarito.[68]
  • Il giornalista Bardhyl Ajeti è morto il 28 giugno 2005 in un ospedale di Milano dopo che qualcuno, non ancora identificato, gli aveva sparato in auto il 3 giugno precedente in Kosovo.[69]

Lettonia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gundars Matiss è morto il 28 novembre 2001 in seguito alle ferite riportate in un attacco subito il 15 novembre.[70]

Lituania[modifica | modifica wikitesto]

  • Il giornalista Vitas Lingis, editore del quotidiano Republica che stava investigando dei casi di corruzione della criminalità lituana, è stato ucciso il 12 ottobre 1993.[71]

Malta[modifica | modifica wikitesto]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista di giornalisti uccisi in Russia.

Dagli anni 1990 sono stati uccisi decine o centinaia di giornalisti in Russia.[80][81]

Serbia[modifica | modifica wikitesto]

  • La giornalista serba Dada Vujasinović è stata trovata morta nel suo appartamento l'8 aprile 1994; inizialmente considerato un suicidio, il decesso è stato ritenuto un caso di omicidio a partire dal gennaio 2009, ma nessun colpevole è stato ancora individuato.[82]
  • Slavko Ćuruvija, editore e direttore del Dnevni Telegraf e dell'Evropianin, è stato assassinato a Belgrado l'11 aprile 1999.[83] Pur essendo in corso un processo, secondo Veran Matić, presidente della Commissione d'indagine sugli omicidi dei giornalisti in Serbia, il collegio giudicante avrebbe già deciso di «assolvere gli imputati».[84]
  • Il 7 maggio 1999, durante i bombardamenti della NATO dell'ambasciata cinese di Belgrado, persero la vita tre giornalisti cinesi.[85][86]
  • Milan Pantić è stato ucciso l'11 giugno 2001 a Jagodina, ma il caso rimane irrisolto.[87]
  • Il giornalista Luka Popov è stato ucciso nella sua abitazione nel villaggio di Srpski Krstur il 16 giugno 2016.[88] Alcuni giorni dopo sono state arrestate tre persone per l'omicidio del giornalista.[89]

Slovacchia[modifica | modifica wikitesto]

Slovenia[modifica | modifica wikitesto]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

  • Il giornalista Cristóbal Botella y Serra è stato ucciso nel 1921.
  • Il giornalista Luis de Sirval è stato ucciso nel 1934.
  • Il giornalista e politico Manuel Delgado Barreto è stato ucciso nel 1936.
  • Il fotografo Francisco Goñi è stato ucciso nel 1936.
  • Il giornalista Jaime Maestro Pérez è stato ucciso nel 1936.
  • Il giornalista Estanislao Rico Ariza è stato ucciso nel 1936.
  • Il sacerdote e giornalista Emilio Ruiz Muñoz è stato ucciso nel 1936.
  • Il giornalista sportivo Paulino Martín García è stato ucciso l'11 agosto 1977.[94]
  • Il giornalista José María Portell è stato ucciso dall'organizzazione separatista basca Euskadi Ta Askatasuna (ETA) nel 1978.[95]
  • Il giornalista e attivista José Luis López de Lacalle, che scriveva per il quotidiano conservatore El Mundo, è stato ucciso dall'ETA il 7 maggio 2000.[96]

Turchia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'omicidio del giornalista armeno Hrant Dink a Istanbul del 19 gennaio 2007, sono state pubblicate varie liste di giornalisti uccisi in Turchia a partire dal XX secolo. Una di queste liste è stata redatta dall'Associazione dei giornalisti turchi (in turco: Türkiye Gazeteciler Cemiyeti): essa contiene 64 nomi di giornalisti uccisi dal 1909 al 2015.[97][98] Secondo la lista pubblicata dalla "Piattaforma solidale con i giornalisti imprigionati" (in turco: Tutuklu Gazetecilerle Dayanışma Platformu, TGDP) nell'aprile 2012, invece, sarebbero 112 i giornalisti morti in Turchia (dal 1909 al 2010).[99]

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Durante la presidenza di Leonid Kučma, tra il 1994 e il 2005, vari giornali d'opposizione sono stati chiusi e diversi giornalisti sono morti in circostanze misteriose:[100][101][102]

  • Aprile 1995 – Volodymyr Ivanov, nella città di Sebastopoli.[103]
  • Maggio 1996 – Ihor Hrushetsky, nella città di Čerkasy.[103]
  • 13 marzo 1997 – Petro Shevchenko, inviato del quotidiano di Luhans'k Kyivskiye Vedomosti che aveva scritto vari articoli sui dibattiti tra il sindaco di Luhans'k e il Servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU), è stato trovato impiccato in un edificio abbandonato di Kiev.[104]
  • 11 agosto 1997 – Borys Derevyanko, direttore del giornale ucraino Vechernyaya Odessa, ucciso con due colpi di arma da fuoco.[104]
  • 16 maggio 1999 – Ihor Bondar, direttore dell'emittente televisiva AMT, è stato ucciso da degli uomini armati in un'auto in corsa, nel quartiere residenziale di Odessa, insieme a Boris Vikhrov, il giudice che presiedeva la corte della città.[104]
  • 16 settembre 2000 – Georgij Gongadze, cofondatore del giornale on-line Ukraïns'ka pravda che aveva più volte manifestato la propria opposizione al governo del presidente Leonid Kučma, è stato rapito e ucciso nel distretto di Tarashcha.[105][106]
  • 24 giugno 2001 – Oleh Breus, editore del settimanale XXI Vek, è stato assassinato fuori dalla sua abitazione a Luhans'k. Breus, che era sopravvissuto a un tentato omicidio già nel dicembre del 2000, e i suoi colleghi avevano ricevuto varie minacce nei mesi precedenti all'uccisione.[104]
  • 7 luglio 2001 – Igor Aleksandrov, direttore dell'emittente radiotelevisiva di Slov"jans'k TOR, è morto per le ferite riportate il 3 luglio quando quattro uominilo hanno pestato nel suo ufficio con delle mazze da baseball. I media locali hanno suggerito che il movente dell'aggressione possa essere ricondotto alle investigazioni portate avanti da Oleksandrov su corruzione e criminalità organizzata.[104][107]
  • 27 novembre 2002 – Mykhailo Kolomiets, cofondatore dell'Ukrainian News Agency, è stato trovato impiccato a un albero in Bielorussia.[108]
  • 14 dicembre 2003 – Volodymyr Karachevtsev, presidente dell'Unione Regionale Indipendente dei giornalisti ucraini, è stato trovato morto nella sua abitazione a Melitopol'. La polizia non ha escluso la possibilità che si sia trattato di omicidio.[109][104]
  • 3 marzo 2004 – Yuriy Chechyk, direttore di Radio Yuta a Poltava, è rimasto ucciso in circostanze misteriose in un incidente stradale mentre si stava dirigendo ad un incontro coi direttori esecutivi del ramo ucraino di Radio Free Europe, che si era mostrato spesso critico nei confronti del governo ucraino.[104]
  • Agosto 2010 – Vasil' Kliment'jev, giornalista investigativo e direttore del giornale di Charkiv Novy Stil che stava indagando su dei casi di corruzione, è scomparso ad agosto e la polizia ritiene che sia stato ucciso.[110][111]
  • 20 febbraio 2014 – Ihor Kostenko, giornalista ucraino di 22 anni che scriveva per il giornale Sportanalytic (contribuiva inoltre a Wikipedia in ucraino), è morto durante l'Euromaidan.[112]
  • 24 maggio 2014 – Andrea Rocchelli, giornalista e fotoreporter italiano, è morto durante l'assedio di Sloviansk insieme al suo interprete russo Andrej Mironov, ucciso da una granata durante un probabile agguato.[113][114]
  • 17 giugno 2014 – Il giornalista russo Igor' Korneljuk e il tecnico del suono Anton Vološin sono morti, secondo quanto riferito da un portavoce della Repubblica Popolare di Lugansk, a causa di colpi di mortaio durante uno scontro armato organizzato dalle forze ucraine vicino al confine russo.[115][116]
  • 29 giugno 2014 – Anatoly Klyan, cameraman russo per l'emittente televisiva Pervyj kanal, è stato colpito allo stomaco quando le forze ucraine hanno iniziato a sparare contro l'autobus su cui si trovava, vicino alla base militare di Donec'k, ed è morto poco dopo. Klyan si trovava su un autobus pieno di madri di soldati, intenzionate a negoziare con l'esercito ucraino per ottenere un congedo per i loro figli.[117][118]
  • Novembre 2014 – Il giornalista Aleksandr Kuchinsky e sua moglie sono stati accoltellati nella loro abitazione di Bogoroditchnoya, vicino a Slov"jans'k.[119]
  • 20 febbraio 2015 – Serhiy Nikolayev, fotoreporter per l'agenzia di stampa Rossiya Segodnya, è rimasto ucciso da un colpo di mortaio mentre stava riprendendo uno scontro armato nella periferia di Donec'k.[120]
  • Marzo 2015 – Olga Moroz, capo redattrice del Neteshinsky Vestnik, è stata trovata morta nel suo appartamento mostrando segni di violenza.[121][122]
  • 16 aprile 2015 – Oles Buzina, scrittore e giornalista filo-russo, è stato assassinato davanti alla sua abitazione a Kiev.[123]
  • 20 luglio 2016 – Pavel Šaramet, giornalista bielorusso fortemente critico della censura in Russia, è stato ucciso da un'autobomba.[124][125]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Gian-Paolo Accardo, Europe is not so safe for journalists, su europeandatajournalism.eu, VoxEurop/EDJNet, 24 ottobre 2017. URL consultato il 29 agosto 2018.
  2. ^ Safina Aliyev, Chingiz Mustafayev – momento per tutta la vita, su Nextews. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Adil Bunyatov, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  4. ^ (EN) Chingiz Fuad-ogly Mustafayev, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Vahid Mustafayev, Documenting the Horrors of Karabakh. Chingiz Mustafayev in Action, in Azerbaijan International Magazine, 1999, pp. 57-59.
  6. ^ (EN) Elmar Huseynov, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  7. ^ (EN) Investigators name chief suspect in murder of opposition editor, su ifex.org, International Freedom of Expression Exchange, 5 maggio 2005. URL consultato il 5 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Frances Harrison, Iran issues fatwa on Azeri writer, BBC News, 29 novembre 2006. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  9. ^ (EN) Rafiq Tagi, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Azerbaijani Court Sentences Two Journalists, su rferl.org, Radio Free Europe/Radio Liberty, 4 maggio 2007. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  11. ^ (EN) Novruzali Mamedov, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Journalist, Rights Activist Dies In Azerbaijani Jail, su rferl.org, Radio Free Europe/Radio Liberty, 18 agosto 2009. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  13. ^ (EN) Rasim Aliyev, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 5 settembre 2018.
  14. ^ Fabrizio Bocca, Azerbaigian, critica la stella della Nazionale: ucciso un giornalista, su repubblica.it, la Repubblica, 11 agosto 2015. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  15. ^ Lorenzo Vendemiale, Azerbaijan, giornalista anti-regime ucciso dopo critiche a giocatore della Nazionale, su il Fatto Quotidiano, 11 agosto 2015. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  16. ^ (EN) Still no answer: Belarus journalist Dzmitry Zavadski went missing 17 years ago, su belsat.eu, Biełsat TV, 7 luglio 2017. URL consultato il 29 agosto 2018.
  17. ^ (EN) 18 Years Since Abduction of Dzmitry Zavadski, su baj.by, Associazione bielorussa dei giornalisti, 7 luglio 2018. URL consultato il 29 agosto 2018.
  18. ^ (RU) Суд признал погибшим оператора ОРТ Дмитрия Завадского, su Vesti, 3 dicembre 2003. URL consultato il 3 marzo 2015.
  19. ^ (EN) Suspicions over 'suicide' of Belarus activist Aleh Byabenin, su Index on Censorship, 4 settembre 2010. URL consultato il 29 agosto 2018.
  20. ^ Necessaria un’inchiesta sulla morte di un giornalista in Bielorussia, su amnesty.it, Amnesty International, 16 settembre 2010. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  21. ^ (EN) Aleh Byabenin, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  22. ^ (EN) John Simpson, A joke, a shot, a pool of blood, su independent.co.uk, The Independent, 15 agosto 1995. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  23. ^ a b Alessandro Marzo Magno, 26 giugno 1991, quando la guerra tornò in Europa, su Linkiesta, 26 giugno 2011. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  24. ^ Nicole Corritore, Mostar 28 gennaio 1994: uccisi tre inviati Rai, su balcanicaucaso.org, Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, 28 gennaio 2013. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  25. ^ (EN) Landmine Kills Two Photographers, Wounds Writer With PM-Yugoslavia, su apnews.com, Associated Press News, 2 maggio 1994. URL consultato il 3 settembre 2018.
  26. ^ Maria Serena Natale, L’uomo che sapeva troppo e i segreti della mafia bulgara, su corriere.it, Corriere della Sera, 9 gennaio 2010. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  27. ^ (EN) Sonia Phalnikar, Bulgarian journalist shot dead in Sofia, su dw.com, Deutsche Welle, 5 gennaio 2010. URL consultato il 29 agosto 2018.
  28. ^ Bulgaria, giornalista uccisa dopo essere stata picchiata e violentata. È il terzo caso in Ue negli ultimi 12 mesi, il Fatto Quotidiano, 7 ottobre 2018. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  29. ^ Omicidio Victoria Marinova: preso il killer in Germania, il primo sospettato è stato rilasciato, su tpi.it, The Post Internazionale, 10 ottobre 2018. URL consultato il 10 ottobre 2018.
  30. ^ (EN) Bulgarian broadcast journalist raped and murdered, su dw.com, Deutsche Welle, 7 ottobre 2018.
  31. ^ Maria Lombardo, Caratteristiche del giornalismo cipriota, in vol. 2, editpress, 2009, p. 126, ISBN 978-88-89726-30-3.
  32. ^ (EN) Kutlu Adali, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti. URL consultato il 30 agosto 2018.
  33. ^ (EN) Derek Jones, Censorship: A World Encyclopedia, vol. 1, Fitzroy Dearborn, 2001, pp. 618-619, ISBN 978-1-57958-135-0.
  34. ^ (EN) Branko Lozančić, 27th anniversary of Gordan Lederer’s death marked, su glashrvatske.hrt.hr, The Voice of Croatia, 10 agosto 2018.
  35. ^ Giornalisti, mai così sotto tiro, la Repubblica, 19 agosto 1992.
  36. ^ Riccardo Michelucci, La guerra nei Balcani. Il memorial di Vukovar, Danubio color rosso, su avvenire.it, Avvenire, 25 agosto 2018. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  37. ^ (EN) Document – Croatia: Amnesty International Calls for Justice for Sinisa Glavasevic and Other Victims of Unlawful Execution in Vukovar, su amnesty.org, Amnesty International. URL consultato il 31 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2014).
  38. ^ Andrea Tarquini, Danimarca, ergastolo per Peter Madsen. L'inventore uccise e tagliò a pezzi la giornalista Kim Wall, su la Repubblica, 25 aprile 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  39. ^ Luigi Offreddu, Uccise la giornalista Kim Wall sul “Nautilus”: ergastolo a Peter Madsen, l’«inventore pazzo», su corriere.it, Corriere della Sera, 25 aprile 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  40. ^ (ES) José Luis Barbería, Asesinado el corresponsal de 'Egin' en el País Vasco francés (El País), 31 marzo 1985. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  41. ^ Piera Matteucci, Anais Ginori e Valeria Pini, Assalto al giornale Charlie Hebdo: 12 morti. Due dei tre killer reduci dalla Siria, su repubblica.it, la Repubblica, 7 gennaio 2015. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  42. ^ Charlie Hebdo, la premonizione del direttore e tutte le 12 vittime, Corriere della Sera, 7 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  43. ^ (FR) Charlie Hebdo: le journaliste Fabrice Nicolino parmi les blessés, L'Express, 8 gennaio 2015. URL consultato il 10 gennaio 2015.
  44. ^ Michel Renaud è tra le vittime dell’attentato, Internazionale, 7 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  45. ^ Come se la passa Charlie Hebdo, il Post, 27 ottobre 2015. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  46. ^ Laura Aguzzi, Manuela Messina, Flaminio Spinetti e Francesco Zaffarano, Chi ha perso la vita, chi è sopravvissuto e chi ha fatto gesti eroici: le storie della strage di Parigi, La Stampa, 15 novembre 2015. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  47. ^ Cosa sappiamo dell’omicidio di Sokratis Giolias, il Post, 21 luglio 2010. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  48. ^ Francesco De Palo, Grecia, scoperta “Mafia capitale” in salsa ateniese. La mente è ex ministro Difesa, il Fatto Quotidiano, 18 gennaio 2015. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  49. ^ Arianna Capirossi, Quando giornalismo rima con eroismo: la storia di Veronica Guerin, su artspecialday.com, 26 giugno 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  50. ^ La guerra tra le gang di Dublino, il Post, 9 febbraio 2016. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  51. ^ a b c Giornata della libertà di stampa, 1410 giornalisti uccisi nel mondo, su ansa.it, ANSA, 3 maggio 2016. URL consultato il 14 ottobre 2018.
  52. ^ a b c Laura Porcu, In Italia 28 giornalisti uccisi dal dopoguerra ad oggi, su antimafiaduemila.com, 2 gennaio 2018. URL consultato il 14 ottobre 2018.
  53. ^ Daniele Larocca, Libertà di stampa, 28 giornalisti italiani morti per aver detto la verità, Il Tirreno, 3 maggio 2016. URL consultato il 14 ottobre 2018.
  54. ^ Un cronista scomodo nelle terre della mafia, in La Repubblica ed. Palermo, 4 maggio 2012. URL consultato il 4 maggio 2012.
  55. ^ Attilio Bolzoni, De Mauro ucciso per uno scoop. Scoprì il patto tra boss e golpisti, in La Repubblica, 18 giugno 2005.
  56. ^ Paolo Di Stefano, Il figlio del giudice e due pistole per uccidere il giornalista curioso (Corriere della Sera), 1º giugno 2008.
  57. ^ Walter Tobagi, Carlo Casalegno, 40 anni fa l’omicidio del vicedirettore della Stampa: il pezzo di Walter Tobagi sul Corriere, su corriere.it, Corriere della Sera, 16 novembre 2017.
  58. ^ Edoardo Frittoli, Cinisi: 40 anni fa la morte di Peppino Impastato - storia e foto, Panorama, 8 maggio 2018. URL consultato il 9 maggio 2018 (archiviato l'8 maggio 2018).
  59. ^ Davide de Bari, Mario Francese, il giornalista che scoprì gli affari di Cosa nostra, su antimafiaduemila.com, 26 gennaio 2018.
  60. ^ Mino Pecorelli. Dopo 40 anni riaperte indagini, Ossigeno per l'informazione, 8 marzo 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  61. ^ Nicola Lofoco, Walter Tobagi, la morte di un giornalista scomodo, su huffingtonpost.it, HuffPost, 24 settembre 2018.
  62. ^ Aaron Pettinari, Trentadue anni dopo, onoriamo la memoria di Giuseppe Fava, su antimafiaduemila.com, 5 gennaio 2016.
  63. ^ L’omicidio di Giancarlo Siani, 30 anni fa, il Post, 23 settembre 2015. URL consultato il 22 settembre 2017 (archiviato il 2 gennaio 2016).
  64. ^ Rosaria Amato, Rostagno, operaio, sociologo e sessantottino. Da Lotta Continua a Saman, fino ai killer, su repubblica.it, la Repubblica, 23 maggio 2009.
  65. ^ Miriam Cuccu, Beppe Alfano, un giornalista scomodo a Barcellona, su antimafiaduemila.com, 8 gennaio 2018.
  66. ^ Tatjana Đorđević, Kosovo, riaperti i dossier per dare giustizia ai giornalisti scomparsi, su caffedeigiornalisti.it, Caffè dei giornalisti, 20 marzo 2018. URL consultato il 14 ottobre 2018.
  67. ^ Kosovo, è italiano uno dei giornalisti uccisi, in la Repubblica, 13 giugno 1999.
  68. ^ (EN) Bekim Kastrati, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti.
  69. ^ (EN) cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti, https://cpj.org/data/people/bardhyl-ajeti/.
  70. ^ (EN) Gundars Matiss, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti.
  71. ^ (EN) Vitas Lingis, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti.
  72. ^ Malta, autobomba uccide Daphne Caruana Galizia, la reporter che indagò sui MaltaFiles, su repubblica.it, la Repubblica, 16 ottobre 2017.
  73. ^ (EN) Łukasz Masiak, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti.
  74. ^ (EN) 1975: TV presenter Ross McWhirter shot dead (BBC News), 27 novembre 1975.
  75. ^ Il “caso dell’ombrello bulgaro” è stato chiuso, su il Post, 12 settembre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2018.>
  76. ^ Nord Irlanda assassinato un giornalista, in la Repubblica, 30 settembre 2001. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  77. ^ Davide Ghilotti, Dieci anni fa moriva Martin O'Hagan, oggi elitto rimasto ancora senza colpevole, su thefivedemands.org, 15 ottobre 2015. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  78. ^ Cosa sta succedendo in Irlanda del Nord, su ilpost.it, 19 aprile 2019. URL consultato il 29 aprile 2019.
  79. ^ (EN) Connla Young, New IRA admits murder of journalist Lyra McKee and offers 'sincere apologies', su irishnews.com, 23 aprile 2019. URL consultato il 29 aprile 2019.
  80. ^ Michela Sechi, Russia. La lunga scia dei giornalisti uccisi, su radiopopolare.it, Radio Popolare, 6 maggio 2017.
  81. ^ Tiziana Prezzo, Omicidi, giornalismo e libertà di stampa nella Russia di Putin, Sky TG 24, 30 maggio 2018.
  82. ^ (EN) Seemo: after 20 years no arrest for the murder of Dada Vujasinovic, su balcanicaucaso.org, Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, 8 aprile 2014.
  83. ^ Guido Rampoldi, L' assassinio di Slavko giornalista scomodo, in la Repubblica, 12 aprile 1999.
  84. ^ Vuk Z. Cvijić, Processo per l’omicidio Ćuruvija: la mano lunga dei servizi segreti, su balcanicaucaso.org, Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, 6 luglio 2018.
  85. ^ (EN) Steven Lee Myers, Chinese Embassy Bombing: A Wide Net of Blame, su nytimes.com, The New York Times, 17 aprile 2000. URL consultato il 31 agosto 2018.
  86. ^ Vanna Vannuccini, Belgrado, pioggia di missili, in la Repubblica, 8 maggio 1999.
  87. ^ Nicole Corritore, Caso Pantić: 15 anni dopo, ancora irrisolto, su balcanicaucaso.org, Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, 13 giugno 2016.
  88. ^ (EN) Serbian authorities must investigate the murder of Luka Popov, su europeanjournalists.org, European Federation of Journalists, 17 giugno 2016.
  89. ^ (EN) OSCE Representative welcomes arrests following murder of journalist in Serbia, praises police swift action, su osce.org, Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 20 giugno 2016.
  90. ^ a b L’omicidio del giornalista slovacco Ján Kuciak, su ilpost.it, il Post, 27 febbraio 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  91. ^ Andrea Nicastro, L’omicidio di Kuciak, crisi politica in Slovacchia: «Voto anticipato», su corriere.it, Corriere della Sera, 4 marzo 2018. URL consultato il 2 luglio 2018.
  92. ^ Giulia Crivelli, Ucciso un cameraman australiano, un reporter russo, troupe inglese dispersa, su ilsole24ore.com, Il Sole 24 ORE, 23 marzo 2003. URL consultato il 10 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2019).
  93. ^ (EN) Nick Vogel, su newseum.org, The Freedom Forum Journalists Memorial. URL consultato il 3 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2002).
  94. ^ (ES) Asesinado a tiros un periodista deportivo (El País), 12 agosto 1977. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  95. ^ (ES) Asesinado el director de "Hoja del Lunes" de Bilbao, José María Portell, in El País, 29 giugno 1978. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  96. ^ Eta, nuovo omicidio. Ucciso noto giornalista (la Repubblica), 7 maggio 2000. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  97. ^ (TR) Öldürülen Gazeteciler, su tgc.org, Türkiye Gazeteciler Cemiyeti. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2016).
  98. ^ Si può trovare una lista simile ad opera dell'Associazione dei giornalisti contemporanei in Turchia: (TR) Öldürülen Gazeteciler, su cgd.org, Çağdaş Gazeteciler Derneği (archiviato il 22 ottobre 2018).
  99. ^ (TR) 103 yılda 112 gazeteci ve yazar öldürüldü, su Gazeteciler, 4 aprile 2012.
  100. ^ Roberto Gritti, Ucraina, in Postcomunismo e media, Meltemi Editore, 2001, pp. 153-156.
  101. ^ Ucraina: Continua l’offensiva del governo contro il giornalismo indipendente, bandita stazione radio vicina all’opposizione, su fnsi.it, Federazione Nazionale Stampa Italiana, 5 marzo 2004. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  102. ^ Beppe Severgnini, I media, i grandi eventi e quei morti "cancellati", in Corriere della Sera, 18 dicembre 2003.
  103. ^ a b (EN) Ann Cooper, CPJ urges vigorous investigations, reforms, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti, 31 gennaio 2005.
  104. ^ a b c d e f g (EN) Johann P. Fritz, Journalist killed, independent media harassed, International Press Institute, 9 marzo 2004 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  105. ^ Craig Unger, La vendetta di Putin, in Casa di Trump, casa di Putin. La storia segreta di Donald Trump e della mafia russa, La Nave di Teseo Editore, 2018.
  106. ^ Andrea Riscassi, Omicidio Gongadze: sapremo mai la verità?, su andreariscassi.it, 23 luglio 2010.
  107. ^ (EN) Suspect charged with journalist's murder acquitted, su cpj.org, Comitato per la protezione dei giornalisti, 17 maggio 2002.
  108. ^ (EN) Johann P. Fritz, IPI concerned about death of independent news agency's director, International Press Institute, 27 novembre 2002 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2007).
  109. ^ Ucraina: giallo sulla morte del Presidente dell’unione regionale giornalisti, su fnsi.it, Federazione Nazionale Stampa Italiana, 19 dicembre 2003.
  110. ^ L’Ucraina cerca il giornalista scomparso, su giornalisticalabria.it, 20 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  111. ^ (EN) Luke Harding, Missing, presumed dead: disappearance of Ukrainian journalist deepens media fears, su theguardian.come, The Guardian, 8 settembre 2010.
  112. ^ (UK) Микола Козленко, На Майдані загинув вікіпедист Ігор Костенко, su wikimediaukraine.wordpress.com, Wikimedia Ucraina, 23 febbraio 2014. URL consultato il 22 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2014).
  113. ^ Mauro Favale e Giuliano Foschini, Giornalista italiano morto in Ucraina nel 2014: "Andrea fu ucciso da una granata", su repubblica.it, la Repubblica, 24 maggio 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  114. ^ Antonella Napoli, 4 anni dopo l'omicidio di Andrej Mironov e Andrea Rocchelli parte il processo a Vitaly Markiv, su huffingtonpost.it, HuffPost, 9 aprile 2018. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  115. ^ Ucciso il collega russo, Igor Kornelyuk, in Ucraina Siddi: nuovo grave lutto per il giornalismo internazionale, su fnsi.it, Federazione Nazionale Stampa Italiana, 17 giugno 2014. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  116. ^ (EN) Russian reporter 'dies of wounds' in east Ukraine, su uk.news.yahoo.com, 17 giugno 2014.
  117. ^ Un giornalista russo è stato ucciso dai soldati ucraini a Donetsk, dice il canale tv russo Pervyj kanal, su ilpost.it, il Post, 30 giugno 2014. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  118. ^ Ucraina, ucciso cameraman russo: colpito da un proiettile all'addome, aveva 68 anni, su ilmessaggero.it, Il Messaggero, 30 giugno 2014. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  119. ^ Ucraina: assassinati un giornalista e sua moglie, su giornalistitalia.it, 1º dicembre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  120. ^ Daniele Del Casino, Fotoreporter ucciso da un bombardamento in Ucraina, su notizienazionali.net, 1º marzo 2015. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  121. ^ Analisti d'accordo, in Ucraina si uccide per far tacere chi dissente dal governo, su sputniknews.com, 17 aprile 2015. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  122. ^ (EN) Dead Newspaper Editor Latest Addition to String of Mysterious Deaths in Ukraine, su Russia Insider, 16 marzo 2015.
  123. ^ Nicola Lombardozzi, Ucraina, ucciso giornalista filorusso a Kiev. È il terzo omicidio politico in 24 ore. Lo sdegno di Putin, su repubblica.it, la Repubblica, 16 aprile 2015. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  124. ^ Pavel Sheremet, giornalista bielorusso molto critico con il presidente Lukashenko, è morto nell’esplosione della sua auto a Kiev, su ilpost.it, il Post, 20 luglio 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  125. ^ Pavel Sheremet, giornalista ucciso a Kiev. Governo: “Atto per destabilizzare Paese”, su ilfattoquotidiano.it, il Fatto Quotidiano, 20 luglio 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]