Lista delle strade più alte d'Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa è una lista delle strade europee che superano i 2700 metri di altitudine e dei più alti valichi stradali europei.

Lista delle strade europee che superano i 2700 m di altitudine[modifica | modifica sorgente]

Strada Altitudine (s.l.m.) Asfaltata Aperta al traffico Valico Fondo cieco Nazione
1. Pico del Veleta 3367 SI NO SI SI Spagna Spagna
2. Col du Jandri 3151 NO SI SI SI Francia Francia
3. Chaberton 3131 NO NO NO SI Italia Italia - Francia Francia
4. Rifugio Pirovano 3028 NO NO NO SI Italia Italia
5. Colle del Sommeiller 2993 NO SI SI SI Italia Italia - Francia Francia
6. Pic de Chateaurenard 2930 NO SI NO SI Francia Francia
7. Torre del Filosofo 2915 NO NO NO SI Italia Italia
8. Ötztaler Gletscherstrasse 2829 SI SI NO SI Austria Austria
9. Cima della Bonette 2802 SI SI NO NO Francia Francia
10. Colle dell'Iseran 2770 SI SI SI NO Francia Francia
11. Passo dello Stelvio 2758 SI SI SI NO Italia Italia
12. Kaunertaler Gletscherstrasse 2750 SI SI NO SI Austria Austria
13. Colle dell'Agnello 2744 SI SI SI NO Italia Italia - Francia Francia
14. Colle della Bonette 2715 SI SI SI NO Francia Francia

Valico stradale più alto d'Europa[modifica | modifica sorgente]

È il Pico del Veleta, 3367 m s.l.m.[1], nella catena montuosa della Sierra Nevada, in Spagna. È raggiunto da una strada asfaltata, la A-395, che parte da Granada e raggiunge il Pico del Veleta percorrendo circa 38 km. La strada è priva di sbocco veicolare (non vi sono infatti altre possibilità di discesa una volta raggiunto il valico, se non per la stessa A-395), ed è vietata al traffico privato oltre i 2500 m di altitudine. È interamente asfaltata per permettere di raggiungere comodamente l'osservatorio astronomico che si trova in prossimità del valico.

Valico stradale aperto al traffico più alto d'Europa[modifica | modifica sorgente]

È il Col du Jandri, 3151 m s.l.m. [2], nella catena montuosa delle Alpi, in Francia. Si trova nel comune di Mont-de-Lans, e fa parte del comprensorio turistico di Les Deux Alpes. La pista, sterrata per tutto il percorso e piuttosto accidentata (percorribile solamente con autovetture a trazione integrale), termina in prossimità del ghiacciaio del Mont-de-Lans, frequentato da sciatori tutto l'anno. Durante l'inverno la strada non è percorribile, perché coperta da neve per la quasi totalità. La strada è a fondo cieco.

Valico stradale asfaltato aperto al traffico più alto d'Europa[modifica | modifica sorgente]

È il Colle dell'Iseran, 2770 m s.l.m. [3], nella catena montuosa delle Alpi, in Francia. La strada D902 percorre entrambe le pendici del valico, permettendo di raggiungerlo sia da Lanslebourg-Mont-Cenis che da Bourg-Saint-Maurice. La strada è chiusa da ottobre a maggio.

Strada asfaltata aperta al traffico più alta d'Europa[modifica | modifica sorgente]

È la Ötztaler Gletscherstrasse, 2829 m s.l.m.[4], nella catena montuosa delle Alpi, in Austria. È una strada a pedaggio interamente asfaltata che, partendo dalla località turistica di Sölden, permette di raggiungere alcuni ghiacciai, attrezzati per la pratica dello sci. È a vicolo cieco, e raggiunge il suo punto più alto all'uscita di un tunnel, poco prima di terminare il suo percorso.

Strada asfaltata con sbocco veicolare aperta al traffico più alta d'Europa[modifica | modifica sorgente]

È la Cima della Bonette, 2802 m s.l.m. [5], nella catena montuosa delle Alpi, in Francia. Il suo punto più alto non è da considerarsi un valico, perché l'omonimo colle (situato a 2715 m s.l.m.) è in realtà il punto da cui parte la strada. Permette comunque di raggiungere la sommità del percorso provenendo da due punti diversi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) http://www.altimetrias.net/aspbk/verPuerto.asp?id=399
  2. ^ (FR) http://dominique.desir.free.fr/velo_fichiers/jandri.html
  3. ^ (FR) http://www.memoire-du-cyclisme.net/eta_tdf/iseran.php
  4. ^ (DE) http://www.soelden.com/main/DE/SD/SO/Aktivitaeten/Gletscher_Skigebiete/Gletscherstrasse/index.html
  5. ^ (FR) http://www.cyclos-cyclotes.org/bonette.html

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]