Capitali degli Stati del mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lista delle capitali)

Questa lista di capitali degli Stati del mondo elenca le città capitali dei 204 Stati del mondo (196 generalmente riconosciuti e 8 con limitato o nessun riconoscimento internazionale) e l'anno nel quale sono state proclamate tali.

La capitale di uno Stato è solitamente definita come la città che ospita la sede del Governo nonché le principali istituzioni di quello Stato; tuttavia, è possibile che in alcuni Paesi vi siano più città capitali, con funzioni differenti.

Stati indipendenti (196)[modifica | modifica wikitesto]

Stato Capitale Anno Note
Afghanistan Afghanistan Kabul 1776
Albania Albania Tirana 1920 [1]
Algeria Algeria Algeri 1962 indipendente
Andorra Andorra Andorra la Vella 1278
Angola Angola Luanda 1975 indipendente
Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda Saint John's 1981
Arabia Saudita Arabia Saudita Riyād 1818
Argentina Argentina Buenos Aires 1816
Armenia Armenia Erevan 23 agosto 1990
Australia Australia Canberra 2 maggio 1927
Austria Austria Vienna 1806-1867-1918-1955
Azerbaigian Azerbaigian Baku 342
Bahamas Bahamas Nassau 10 luglio 1973 indipendente
Bahrein Bahrein Manama 1783, poi 1971
Bangladesh Bangladesh Dacca dicembre 1971 indipendente
Barbados Barbados Bridgetown
Belgio Belgio Bruxelles 1830 indipendente
Belize Belize Belmopan 3 agosto 1970 [2]
Benin Benin Porto-Novo La sede del governo si trova però a Cotonou.[3]
Bhutan Bhutan Thimphu
Bielorussia Bielorussia Minsk
Birmania Birmania Naypyidaw 6 novembre 2005 [4]
Bolivia Bolivia Sucre (per Costituzione)
La Paz (amministrativa)
[5]
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Sarajevo
Botswana Botswana Gaborone
Brasile Brasile Brasilia 1960
Brunei Brunei Bandar Seri Begawan
Bulgaria Bulgaria Sofia
Burkina Faso Burkina Faso Ouagadougou
Burundi Burundi Bujumbura
Cambogia Cambogia Phnom Penh 1954
Camerun Camerun Yaoundé
Canada Canada Ottawa 1865, indipendente 1931
Capo Verde Capo Verde Praia
Rep. Ceca Rep. Ceca Praga 1993
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana Bangui
Ciad Ciad N'Djamena 1960 indipendente
Cile Cile Santiago del Cile Dal 1990 il Congresso nazionale cileno ha però sede a Valparaíso, che funziona quindi da capitale amministrativa.[6]
Cina Cina (Repubblica Popolare Cinese) Pechino 1º ottobre 1949
Cipro Cipro Nicosia
Colombia Colombia Bogotá
Comore Comore Moroni
Rep. del Congo Rep. del Congo Brazzaville
RD del Congo RD del Congo Kinshasa
Corea del Nord Corea del Nord Pyongyang 1948
Corea del Sud Corea del Sud Seul 1948
Costa d'Avorio Costa d'Avorio Yamoussoukro 1983 La maggior parte delle istituzioni governative (tra cui la presidenza e il parlamento) hanno però sede ad Abidjan, la precedente capitale.[7]
Costa Rica Costa Rica San José
Croazia Croazia Zagabria
Cuba Cuba L'Avana
Danimarca Danimarca Copenaghen 1443
Dominica Dominica Roseau
Rep. Dominicana Rep. Dominicana Santo Domingo
Ecuador Ecuador Quito
Egitto Egitto Il Cairo 1936 indipendente
El Salvador El Salvador San Salvador
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi
Eritrea Eritrea Asmara maggio 1993
Estonia Estonia Tallinn
Etiopia Etiopia Addis Abeba 1941
Figi Figi Suva 1877
Filippine Filippine (Repubblica delle Filippine) Manila 1946
Finlandia Finlandia Helsinki 1812
Francia Francia Parigi 1944 Tra il 1940 e 1944 la capitale fu spostata a Vichy.
Gabon Gabon Libreville
Gambia Gambia Banjul
Georgia Georgia Tbilisi 1993 indipendenza Il parlamento ha però sede, dal 2012, a Kutaisi.[8]
Germania Germania Berlino 1990
Ghana Ghana Accra 1887, indipendente 1957
Giamaica Giamaica Kingston 1872
Giappone Giappone Tokyo 1878
Gibuti Gibuti Gibuti 27 giugno 1977 indipendente
Giordania Giordania Amman 1946 indipendente
Grecia Grecia Atene 1829
Grenada Grenada Saint George's
Guatemala Guatemala Città del Guatemala
Guinea Guinea Conakry 1958 indipendente
Guinea-Bissau Guinea-Bissau Bissau 1974
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale Malabo
Guyana Guyana Georgetown
Haiti Haiti Port-au-Prince
Honduras Honduras Tegucigalpa
India India Nuova Delhi 1912, indipendenza 1947
Indonesia Indonesia (Repubblica di Indonesia) Giacarta 1945, ufficialmente 1949
Iran Iran Teheran 1794
Iraq Iraq Baghdad 1932 indipendente
Irlanda Irlanda Dublino
Islanda Islanda Reykjavík 1944
Isole Marshall Isole Marshall Majuro
Israele Israele Gerusalemme Gerusalemme è la capitale secondo la legge fondamentale del 1980 e vi hanno sede la presidenza, il governo, la corte suprema e la Knesset; l'ONU e la maggior parte degli Stati non riconoscono però Gerusalemme come capitale, mantenendo le proprie ambasciate a Tel Aviv, dove hanno sede anche alcuni ministeri.[9] Si veda anche la voce Status di Gerusalemme.
Italia Italia Roma 1871 [10][11]
Kazakistan Kazakistan Astana 1998
Kenya Kenya Nairobi
Kirghizistan Kirghizistan Bishkek
Kiribati Kiribati Bairiki
Kuwait Kuwait Madinat al-Kuwait
Laos Laos Vientiane 1954
Lesotho Lesotho Maseru
Lettonia Lettonia Riga
Libano Libano Beirut 1946 indipendente
Liberia Liberia Monrovia 1847 indipendente
Libia Libia Tripoli 1951 indipendente
Liechtenstein Liechtenstein Vaduz
Lituania Lituania Vilnius 1940, 1990 indipendente
Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo
Macedonia Macedonia Skopje
Madagascar Madagascar Antananarivo
Malawi Malawi Lilongwe
Malesia Malesia Kuala Lumpur Il governo, gran parte dei ministeri e la Corte Federale hanno però sede a Putrajaya.[12]
Maldive Maldive Malé
Mali Mali Bamako
Malta Malta La Valletta
Marocco Marocco Rabat
Mauritania Mauritania Nouakchott
Mauritius Mauritius Port Louis
Messico Messico Città del Messico
Micronesia Micronesia Palikir
Moldavia Moldavia Chișinău 1991
Monaco Monaco Monaco (città-stato)
Mongolia Mongolia Ulan Bator
Montenegro Montenegro Podgorica 2006 La presidenza del Montenegro ha però sede a Cettigne.[13]
Mozambico Mozambico Maputo 1975 indipendente
Namibia Namibia Windhoek 1971 indipendente Dal 1920 al 1971 era amministrata dal Sudafrica e aveva il nome di "Africa del Sud Ovest" fino al 1967
Nauru Nauru Yaren Nauru formalmente non ha nessuna capitale, ma Yaren, in quanto sede del governo, lo è considerata de facto.
Nepal Nepal Kathmandu
Nicaragua Nicaragua Managua
Niger Niger Niamey
Nigeria Nigeria Abuja 1991
Norvegia Norvegia Oslo 1299
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Wellington 1865
Oman Oman Mascate
Paesi Bassi Paesi Bassi Amsterdam Il parlamento, il governo e le residenze reali hanno però sede a L'Aia.[14]
Pakistan Pakistan Islamabad 1967
Palau Palau Ngerulmud 2006
Palestina Palestina Gerusalemme Est Gerusalemme Est è occupata da Israele, pertanto la capitale de facto è Ramallah. Si veda anche la voce Status di Gerusalemme.
Panamá Panamá Panamá
Papua Nuova Guinea Papua Nuova Guinea Port Moresby
Paraguay Paraguay Asunción
Perù Perù Lima
Polonia Polonia Varsavia 1596, indipendenza 1918
Portogallo Portogallo Lisbona 1821
Qatar Qatar Doha
Regno Unito Regno Unito Londra 1066
Romania Romania Bucarest 1878
Ruanda Ruanda Kigali
Russia Russia Mosca 1918
Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis Basseterre
Saint Vincent e Grenadine Saint Vincent e Grenadine Kingstown
Isole Salomone Isole Salomone Honiara 1942
Samoa Samoa Apia
San Marino San Marino Città di San Marino
Santa Lucia Santa Lucia Castries
São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe São Tomé
Senegal Senegal Dakar
Serbia Serbia Belgrado 1945 [15]
Seychelles Seychelles Victoria
Sierra Leone Sierra Leone Freetown
Singapore Singapore Singapore (città-stato)
Siria Siria Damasco
Slovacchia Slovacchia Bratislava 1993
Slovenia Slovenia Lubiana
Somalia Somalia Mogadiscio 1960
Spagna Spagna Madrid 1606
Sri Lanka Sri Lanka Sri Jayawardenapura Kotte Il trasferimento delle istituzioni governative dalla precedente capitale Colombo, iniziato nel 1982, è tuttora in corso.[16]
Stati Uniti Stati Uniti Washington, D.C. 1800
Sudafrica Sudafrica Pretoria (amministrativa)
Città del Capo (legislativa)
Bloemfontein (giudiziaria)
1901 dominio indipendente, 1961 piena indipendenza Il Sudafrica formalmente non ha nessuna capitale, ma queste tre lo sono considerate de facto.[17]
Sudan Sudan Khartum 1961 indipendente
Sudan del Sud Sudan del Sud Juba 2011
Suriname Suriname Paramaribo
Svezia Svezia Stoccolma
Svizzera Svizzera Berna 1848
Swaziland Swaziland Mbabane (amministrativa e giudiziaria)
Lobamba (legislativa)
Lobamba è considerata una seconda capitale de facto.[18]
Tagikistan Tagikistan Dušanbe
Taiwan Taiwan Taipei
Tanzania Tanzania Dodoma Il trasferimento delle istituzioni governative dalla precedente capitale Dar es Salaam, iniziato nel 1996, è tuttora in corso.[19]
Thailandia Thailandia Bangkok 1782
Timor Est Timor Est Dili
Togo Togo Lomé
Tonga Tonga Nuku'alofa
Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Port of Spain 1783
Tunisia Tunisia Tunisi 1159
Turchia Turchia Ankara 1923
Turkmenistan Turkmenistan Ashgabat
Tuvalu Tuvalu Funafuti
Ucraina Ucraina Kiev 1991 indipendenza
Uganda Uganda Kampala
Ungheria Ungheria Budapest
Uruguay Uruguay Montevideo
Uzbekistan Uzbekistan Tashkent 1930
Vanuatu Vanuatu Port Vila
Città del Vaticano Città del Vaticano Città del Vaticano (città-stato)
Venezuela Venezuela Caracas
Vietnam Vietnam Hanoi 1975, riunificazione ufficiale luglio 1976
Yemen Yemen San'a 1990
Zambia Zambia Lusaka 1965 indipendente Nel 1975 cambia nome da "Rhodesia" in "Zimbabwe"
Zimbabwe Zimbabwe Harare

Stati autoproclamati (8)[modifica | modifica wikitesto]

Stato Capitale Anno Note
Abcasia Abcasia Sukhumi 1993
Cipro del Nord Cipro del Nord Nicosia Nord 1983
Kosovo Kosovo Pristina 17 febbraio 2008
Nagorno Karabakh Nagorno Karabakh Step'anakert 1992
Ossezia del Sud Ossezia del Sud Tskhinvali 1991
Sahara Occidentale Sahara Occidentale El Aaiún El Aaiún è occupata dal Marocco, pertanto la capitale provvisoria è Tifariti (in precedenza Bir Lehlu); alcune istituzioni governative hanno sede a Tindouf, in Algeria.
Somaliland Somaliland Hargheisa 1993
Transnistria Transnistria Tiraspol 2 settembre 1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guida di Tirana Informazioni su Tirana Visitare
  2. ^ Belmopan - Capitol of Belize
  3. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Benin, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  4. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Myanmar, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  5. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Bolivia, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  6. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Cile, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  7. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Costa d'Avorio, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  8. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Georgia, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  9. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Israele, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  10. ^ [http://www.amicotravel.it/guide/guida-roma/storia-tradizioni-roma/ Storia e Tradizioni di Roma
  11. ^ http://www.impariamocuriosando.it/content/quali-sono-state-le-capitali-ditalia
  12. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Malesia, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  13. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Montenegro, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  14. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Paesi Bassi, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  15. ^ Data di fondazione della Repubblica Jugoslava, della quale la Serbia è stato successore
  16. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Sri Lanka, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  17. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Sudafrica, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  18. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Swaziland, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  19. ^ Gli stati con le capitali trabocchetto - Tanzania, il Post, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Keylor William R., "Un mondo di nazioni. L'ordine internazionale dopo il 1945.", Guerini Scientifica, 2007, ISBN 978-88-8107-238-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]