Lista dei vuoti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In questa pagina sono riportate una serie di liste di vuoti astronomici. I vuoti sono ampi volumi di spazio, in cui sono presenti poche galassie, situati tra i filamenti di galassie e che nell'insieme compongono la struttura a grande scala dell'universo, Alcuni vuoti, per le loro dimensioni estreme, sono definiti supervuoti,

Vuoti e Supervuoti[modifica | modifica wikitesto]

Nelle tabelle con z si intende il redshift cosmologico, c la velocità della luce e con h il parametro di Hubble (la costante di Hubble H0 = h × 100 km s−1 Mpc−1). Mpc corrisponde a megaparsec.

Vuoti identificati per nome[modifica | modifica wikitesto]

Nome Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
Dimensioni Dati Note
Vuoto Locale 18h 38m : +18° : cz=2.500 km/s Diametro = 60 Mpc È adiacente al Gruppo Locale.[1]
Supervuoto Locale Settentrionale 61 Mpc Diametro = 104 Mpc Superammasso Locale, Superammasso della Chioma, Superammasso di Perseo-Pesci, Superammasso dell'Orsa Maggiore-Lince, Superammasso dell'Idra-Centauro, Superammasso dello Scultore, Superammasso del Pavone-Corona Australe formano una parete tra il Supervuoto Locale Settentrionale e il Supervuoto Locale Meridionale.[2] Il Superammasso di Ercole separa il Supervuoto Locale Settentrionale dal Vuoto del Bootes.[2] Il Superammasso di Perseo-Pesci e il Superammasso di Perseo-Pegaso A formano un piano che separa il Supervuoto Locale Settentrionale e il Supervuoto Locale Meridionale dal Vuoto di Pegaso.[2]
Supervuoto Locale Meridionale 96 Mpc Diametro = 112 Mpc Superammasso Locale, Superammasso della Chioma, Superammasso di Perseo-Pesci, Superammasso dell'Orsa Maggiore-Lince, Superammasso dell'Idra-Centauro, Superammasso dello Scultore, Superammasso del Pavo-Corona Australe formano una parete tra il Supervuoto Locale Settentrionale e il Supervuoto Locale Meridionale.[2] Il Superammasso di Perseo-Pesci e il Superammasso di Perseo-Pegaso A formano una parete che separa il Supervuoto Locale Settentrionale e il Supervuoto Locale Meridionale dal Vuoto di Pegaso.[2]
Vuoto Gigante 13h 01m : +38,7° : z=0,116 Diametro = 300-400 Mpc Vuoto Gigante in NGH (NGH sta per Northern Galactic Hemisphere) o AR-Lp 36; fu scoperto nel 1988.[3] È il vuoto più grande situato nel NGH con z < 0,14.[4]
Vuoto KBC Diametro = 600 Mpc È il vuoto che contiene la Via Lattea e il Gruppo Locale[5]

[6][7]

Vuoti denominati in base alla costellazione di riferimento[modifica | modifica wikitesto]

Nome Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
Dimensioni Dati Note
Vuoto del Bootes
(Grande Vuoto)
14h 20m : 26° : 150 Mpc Diametro = 100 Mpc Il Superammasso di Ercole separa il Supervuoto Locale Settentrionale dal Vuoto del Bootes,[2] formando in tal modo parte della vicina estremità di quest'ultimo.[8]
Vuoto del Cane Maggiore
Vuoto della Colomba
Vuoto della Chioma Scoperto nel 1975 insieme al Superammasso della Chioma, si trova davanti all'Ammasso della Chioma.[9] È stato il primo vuoto scoperto, ed è approssimativamente di 1/3 più distante e più grande del Vuoto del Boote.[10]
Vuoto della Corona Boreale
Vuoto di Eridano Questo vuoto è separato dal Vuoto dello Scultore da un piano di galassie.[11]
Supervuoto di Eridano
(Grande Vuoto)
03h 15m 05s -19° 35′ 02″ z=1 Diametro = 150 Mpc Il Supervuoto di Eridano, o Grande Vuoto, fu segnalato il 24 agosto 2007 dal National Radio Astronomy Observatory attraverso i dati del Very large Array Sky Survey.[12] Questo vuoto, ancorché reale, dovrebbe essere molto più grande di qualsiasi altro vuoto conosciuto, con l'eccezione del Vuoto Gigante, con un diametro di 300 Mpc e posto ad una distanza di 1.800–3.000 Mpc. Dovrebbe essere associato, e trovarne la spiegazione, con la cosiddetta Macchia fredda nella radiazione cosmica di fondo o WMAP cold spot.

L'esistenza del Supervuoto di Eridano è stata contestata da Smith e Huterer[13] che avrebbero dimostrato come siano stati ignorati alcuni dati nelle analisi effettuate.

Vuoto Meridionale di Eridano Tra il Vuoto Meridionale di Eridano e il Vuoto dello Scultore è presente un buco nella distribuzione delle galassie con diametro pari al 50% del diametro del vuoto stesso. I due Vuoti di Eridano sono separati dal Vuoto dello Scultore mediante un sottile piano di galassie.[11]
Vuoto della Fornace
Vuoto di Ercole 15.5h : +30° : cz=7.000 km/s Diametro = 3.100 km/s [14] Scoperto nel 1979.[8][15]
Vuoto dell'Idra Il Vuoto dell'Idra si trova al di là del Superammasso dell'Idra-Centauro.[16]
Vuoto del Leone 11h 30m : 0° : cz=4.000 km/s [16]
Vuoto del Microscopio Pare che esista un buco nella distribuzione delle galassie che separa il Vuoto dello Sculore dal Vuoto del Microscopio (redshift di 1250 km/s) con un diametro del 50 % circa del diametro del Vuoto del Microscopio.[11]
Vuoto di Ofiuco ~ 17h : -25° : > 5.000 km/s (al limite esterno) probabilmente 0–5.000 km/s la densità del vuoto è il 25% della densità media dell'Universo. L'estremità di questo vuoto è determinata dal Superammasso di Ofiuco[17]
Vuoto di Pegaso 22h : +15° : cz=5.500 km/s Diametro = 40 Mpc [18] Il Superammasso di Perseo-Pesci e il Superammasso di Perseo-Pegaso A formano un piano che separa il Supervuoto Locale Settentrionale ed il Supervuoto Locale Meridionale dal Vuoto di Pegaso.[2]
Vuoto di Perseo-Pesci 1h : +10° : cz=8.000 km/s Diametro = 3.000 km/s Scoperto nel 1980,[15] è anche chiamato Vuoto di Perseo
Vuoto del Sagittario
Vuoto dello Scultore 23h 48m : -24° 39′ : Diametro = 34,8 Mpc/h Corrisponde al SRSS1 Void 3 e al SRSS2 Void 5[19] Questo vuoto è separato dal Vuoto di Eridano attraverso un piano di galassie. Sembra esistere un buco nella distribuzione delle galassie che separa il Vuoto dello Scultore dal Vuoto del Microscopio (redshift di 1250 km/s), come uno analogo separa il Vuoto dello Scultore dal Vuoto di Eridano Meridionale (redshift di 1250 km/s).[11] Il Vuoto dello Scultore si trova in vicinanza del Muro dello Scultore (Southern Great Wall).
Vuoto del Toro Diametro = 100 Milioni di a.l. Il Vuoto del Toro appare grande e circolare, ed è circondato da muri di galassie. Si trova in vicinanza del Superammasso di Perseo-Pesci ed è quello più visualmente identificabile. Sono stete identificate svariate galassie situate all'interno del vuoto, come UGC 2627 e UGC 2629, entrambe situate alla distanza di circa 185 milioni di anni luce.[20]
[6][7]

Altri Vuoti[modifica | modifica wikitesto]

Denominazione Posizione Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
Diametro Dimensioni Note
Vuoto di Bahcall & Soneiro 1982
  • z = 0,03 - 0,08
  • 150 Mpc profondità
  • 300 Mpc larghezza
  • 60 Mpc altezza
[21] Questo vuoto copre nel cielo un'ampiezza di circa 100 gradi; in altri studi risulta formato da svariati vuoti separati.

Vuoti elencati in base agli studi[modifica | modifica wikitesto]

Lista di Tully[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985, Brent Tully ha identificato la presenza di un piano locale formato da superammasso dominante che corrisponde al Complesso di superammassi dei Pesci-Balena.[22]

# Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
(Mpc)
Diametro
(Mpc)
Note
1 17,0h : 80° : 90 140
2 21,0h : -7° : 100 136
3 8,6h : +13° : 150 150
4 21,5h : +5° : 170 173
5 14,3h : +52° : 180 158 Vuoto del Bootes
6 23,0h : -16° : 190 171
7 12,8h : +14° : 190 174
8 10,0h : +35° : 250 170
9 2,6h : -11° : 280 229
10 8,7h : +58° : 310 243
11 16,8h : +5° : 310 270

Lista B&B Abell-derivata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985, nel corso di uno studio sugli ammassi Abell sono stati identificati 29 vuoti nell'ambito di una sfera di spazio di z < 0,1 avente per centro la Terra.[23]

# Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
(Mpc)
Diametro
(Mpc)
Note
1 0,0h : +20° : 293 100
2 0,3h : 0° : 276 100
3 0,7h : +10° : 284 100
4 2,0h : -13° : 275 150
5 8,0h : +60° : 300 100
6 9,0h : +18° : 220 100
7 9,0h : +67° : 180 120
8 9,2h : +26° : 137 140
9 9,5h : +45° : 262 200
10 9,8h : 0° : 285 110
11 9,8h : +35° : 219 110
12 10,8h : -10° : 293 120
13 12,0h : +14° : 206 110
14 12,3h : 0° : 276 100
15 12,4h : -12° : 272 150
16 12,5h : +32° : 237 100
17 12,9h : +64° : 105 110
18 13,6h : +35° : 154 200 Vuoto del Bootes
19 13,8h : +20° : 297 110
20 14,2h : -4° : 265 210
21 14,7h : +70° : 283 160
22 15,2h : +42° : 286 140
23 16,0h : +7° : 295 110
24 16,4h : +41° : 291 130
25 16,5h : +59° : 110 100
26 17,2h : +58° : 237 100
27 22,2h : -2° : 155 130
28 22,5h : 5° : 284 160
29 23,5h : -7° : 203 120

Lista SSRS1[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio sul redshift di galassie visibili dall'emisfero meridionale del cielo, situate ad una distanza maggiore di 120 Mpc/h, ha evidenziato la presenza di alcuni vuoti.[24]

# Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
(V)
Dimensioni
W x H x D
(Mpc)
Costellazione Note
1 1,5h : -50° : 3.000 km/s 30 x 30 x 40 Fenice/Eridano Situato subito alle spalle della concentrazione di galassie in Eridano-Fornace-Dorado
2 21h : -25° : 5.000 km/s 30 x 30 x 30 Capricorno/Microscopio
3 23,5h : -35° : 6.000 km/s 70 x 30 x 50 Scultore/Gru
4 4h : -40° : 9.000 km/s 50 x 100 x 50 Orologio/Eridano

Lista SSRS2[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994, uno studio sul redshift delle galassie visibili nell'emisfero celeste meridionale ha condotto all'identificazione di 18 vuoti, 11 dei quali definiti vuoti maggiori.[19]

# Coordinate
del centro
Distanza
dal centro
(r)
Diametro
(Mpc)
Costellazione Note
1 1h 33m : -16° 45′ : 85,7 54,3 Balena vuoto maggiore
2 3h 34m : -28° 50′ : 99,7 56,2 Fornace vuoto maggiore SRSS1 Void 4
3 22h 25m : -14° 46′ : 107,2 60,8 Aquario vuoto maggiore
4 21h 43m : -14° 40′ : 66,7 35,6 Capricorno vuoto maggiore
5 23h 48m : -24° 39′ : 53,0 34,8 Aquario/Scultore vuoto maggiore SRSS1 Void 3 (Vuoto dello Scultore)
6 3h 56m : -20° 11′ : 56,5 32,0 Eridano vuoto maggiore
7 3h 17m : -11° 40′ : 77,2 25,5 Eridano vuoto maggiore
8 23h 20m : -12° 32′ : 83,9 27,8 Aquario vuoto maggiore
9 3h 06m : -13° 47′ : 114,6 39,0 Eridano vuoto maggiore
10 0h 26m : -9° 17′ : 104,7 34,8 Balena vuoto maggiore
11 0h 21m : -29° 43′ : 112,8 42,9 Scultore vuoto maggiore
12 23h 03m : -32° 35′ : 74,8 25,0 Pesce Australe/Scultore
13 1h 23m : -19° 36′ : 31,0 22,1 Balena SRSS1 Void 1
14 21h 28m : -29° 28′ : 87,2 21,3 Pesce Australe/Microscopio
15 21h 24m : -33° 17′ : 116,1 27,3 Microscopio
16 21h 43m : -18° 41′ : 36,5 20,3 Capricorno
17 3h 42m : -21° 21′ : 32,1 19,0 Eridano
18 4h 18m : -8° 42′ : 85,9 21,1 Eridano

1994 EEDTA Whole Sky Survey[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 è stata censita una lista per un totale di 27 supervuoti situati in un volume di spazio cubico di 740 megaparsec per lato centrato sulla Terra (raggio della sfera z=0,1).[25]

# Coordinate
(B1950.0)
del centro
Distanza
(Mpc/h)
dal centro
Diametro
(Mpc/h)
[Note 1]
Note
1 19,0° -57,1° 134 88
2 28,2° -12,3° 207 96
3 34,8° -61,9° 216 72
4 36,6° -33,5° 241 86
5 37,8° -36,1° 129 92
6 46,0° -21,4° 236 72
7 62,0° -8,0° 248 100
8 71,2° -38,3° 201 76
9 121,7° -1,5° 96 112 Supervuoto Locale Meridionale
10 130,0° +49,3° 246 144
11 140,4° +10,5° 160 92
12 146,9° +27,4° 227 106
13 153,1° -11,4° 246 94
14 159,9° +1,2° 167 68
15 161,6° -32,2° 241 98
16 167,4° +22,8° 222 74
17 186,9° -15,6° 216 94
18 196,8° +9,5° 119 102
19 204,8° +35,7° 119 108
20 214,6° +13,6° 216 78 Vuoto del Bootes (Grande Vuoto)
21 216,7° +56,5° 143 116
22 219,8° +57,9° 246 96
23 220,2° +33,9° 219 72
24 256,1° -4,8° 61 104 Supervuoto Locale Settentrionale
25 353,0° -59,4° 198 74
26 356,6° +22,2° 246 80
27 358,9° -33,1° 241 70

Studio IRAS dell'Anticentro galattico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 uno studio ottenuto dai dati IRAS per la ricerca di strutture a grande scale nella Zona di evitamento dell'Anticentro galattico ha portato alla scoperta di quattro vuoti,[26]

# Coordinate
del centro
(B1950,0)
Distanza
dal centro
(km/s)
Dimensioni
(gradi x gradi x km/s)
Note
V0 5,2h : +18° : 1.000 96x36x2.000
V1 3,5h : +18° : 3750 15x36x3.500 V1 e V2 sono connessi e isolano il Superammasso di Perseo-Pesci dall'attraversamento della Zona di evitamento
V2 3,5h : +29° : 8.000 25x14x2.000 V1 e V2 sono connessi e isolano il Superammasso di Perseo-Pesci dall'attraversamento della Zona di evitamento
V3 8,0h : +10° : 7.000 30x20x2.000 Questo vuoto si trova di fronte alla Grande Muraglia CfA2

Lista IRAS[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 l'analisi dei dati raccolti dall'IRAS redshift survey' ha messo in evidenza l'esistenza di 24 vuoti, 12 dei quali definiti "significativi"[27]

# Coordinate Supergalattiche
al centro
(r; X; Y; Z)
Diametro
(Mpc)
Dati Note
1 (55,2;-10,4;-53,8;6,1) 51,0 vuoto significativo
2 (49,6;-25,3;31,4;-28,9) 43,8 vuoto significativo
3 (46,0;-24,8;26,7;28,1) 44,5 vuoto significativo
4 (46,5;8,7;24,7;38,4) 45,0 vuoto significativo Vuoto Locale
5 (32,0;-13,0;-23,9;-16,9) 36,0 vuoto significativo
6 (51,5;17,0;-32,2;36,4) 41,4 vuoto significativo
7 (57,1;31,2;44,9;16,5) 43,5 vuoto significativo
8 (60,4;-25,8;-22,7;-49,7) 39,5 vuoto significativo
9 (49,8;35,9;-25,6;-23,0) 36,0 vuoto significativo
10 (63,3;-48,0;-40,9;6,0) 33,6 vuoto significativo Vuoto dello Scultore
11 (48,6;11,8;46,6;-6,9) 32,0 vuoto significativo
12 (49,9;-15,6;-35,7;31,3) 31,5 vuoto significativo
13 (62,8;14,2;29,3;-53,7) 40,3
14 (19,0;0,7;-16,4;9,6) 28,8
15 (37,6;32,4;-17,0;8,6) 30,4 Vuoto di Perseo-Pesci

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nakanishi, Kouichiro; Takata, Tadafumi; Yamada, Toru; Takeuchi, Tsutomu T.; Shiroya, Ryuichi; Miyazawa, Morio; Watanabe, Shigeo; Saito, Mamoru (1997) "Search and Redshift Survey for IRAS Galaxies behind the Milky Way and Structure of the Local Void" (PDF) Astrophysical Journal Supplement, v.112, p.245 Bibcode1997ApJS..112..245N DOI10.1086/313039
  2. ^ a b c d e f g Einasto, Jaan; Einasto, Maret; Gramann, Mirt (1989) "Structure and formation of superclusters. IX - Self-similarity of voids" (PDF) Royal Astronomical Society, Monthly Notices (ISSN 0035-8711), vol. 238, May 1, 1989, p. 155-177. Bibcode1989MNRAS.238..155E
  3. ^ "The Northern Cone of Metagalaxy" (Kopylov et al. 1988)
  4. ^ Kopylov, A. I.; Kopylova, F. G. (2002) "Search for streaming motion of galaxy clusters around the Giant Void" (PDF) Astronomy and Astrophysics, v.382, p.389-396 Bibcode2002A&A...382..389K DOI10.1051/0004-6361:20011500
  5. ^ (EN) R. C. Keenan, A. J. Barger e L. L. Cowie, Evidence for a 300 Megaparsec Scale Under-density in the Local Galaxy Distribution, in The Astrophysical Journal, vol. 775, nº 1, 2013, pp. 62, DOI:10.1088/0004-637x/775/1/62. URL consultato il 28 agosto 2017.
  6. ^ a b SIMBAD, "list of objects in '*void' wildcard search" (accessed 15 September 2009)
  7. ^ a b SIMBAD, "list of objects of type 'vid'" (accessed 15 September 2009)
  8. ^ a b Freudling, Wolfram; Martel, Hugo; Haynes, Martha P. (1991) "The peculiar velocity field in the Hercules region" (PDF) Astrophysical Journal, Part 1 (ISSN 0004-637X), vol. 377, Aug. 20, 1991, p. 349-364. Bibcode1991ApJ...377..349F DOI10.1086/170366
  9. ^ Rood, Herbert J. (1988) "Supplemental topics on voids" Astronomical Society of the Pacific, Publications (ISSN 0004-6280), vol. 100, Sept. 1988, p. 1071-1075. Bibcode1988PASP..100.1071R DOI10.1086/132272
  10. ^ Gregory, S. A. (1988) "Redshift surveys of emission-line galaxies" Astronomical Society of the Pacific, Publications (ISSN 0004-6280), vol. 100, Nov. 1988, p. 1340-1342. Bibcode1988PASP..100.1340G DOI10.1086/132330
  11. ^ a b c d Astronomy and Astrophysics, vol. 229, no. 1, March 1990, p. 75-79. ; "A two-dimensional sheet of galaxies between two southern voids" ; 03/1990 ; ISSN 0004-6361 (WC · ACNP) ; Bibcode1990A&A...229...75M
  12. ^ "Astronomers Find Enormous Hole in the Universe". National Radio Astronomy Observatory Press release, retrieved 24 August 2007.
  13. ^ "No evidence for the cold spot in the NVSS radio survey", Kendrick Smith and Dragan Huterer (2008).
  14. ^ Freudling, W. (1989) "An Upper Limit on Streaming Motion Around the Hercules Void" Bulletin of the American Astronomical Society, Vol. 21, p.1140 Bibcode1989BAAS...21.1140F
  15. ^ a b Krumm, N.; Brosch, N. (1984) "Neutral hydrogen in cosmic voids" Astronomical Journal (ISSN 0004-6256), vol. 89, Oct. 1984, p. 1461-1463. Bibcode1984AJ.....89.1461K DOI10.1086/113647
  16. ^ a b Willmer, C. N. A.; da Costa, L. N.; Pellegrini, P. S.; Fairall, A. P.; Latham, David W.; Freudling, Wolfram (1995) "The Hydra-Centaurus region and the nearby universe" (PDF) The Astronomical Journal (ISSN 0004-6256), vol. 109, no. 1669, p. 61-72 Bibcode1995AJ....109...61W DOI10.1086/117256
  17. ^ Hasegawa, Takashi; Wakamatsu, Ken-ichi; Malkan, Matthew; Sekiguchi, Kazuhiro; Menzies, John W.; Parker, Quentin A.; Jugaku, Jun; Karoji, Hiroshi; Okamura, Sadanori (2000) "Large-scale structure of galaxies in the Ophiuchus region" (PDF) Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Volume 316, Issue 2, pp. 326-344 Bibcode2000MNRAS.316..326H DOI10.1046/j.1365-8711.2000.03531.x
  18. ^ S.A. Pustilnik (SAO), D. Engels (Hamburg), A.Y. Kniazev (ESO, SAO), A.G. Pramskij, A.V. Ugryumov (SAO), H.-J. Hagen (Hamburg) (2005) [ "HS 2134+0400 - new very metal-poor galaxy, a representative of void population?"] arXiv:astro-ph/0508255v1 Bibcode2006AstL...32..228P DOI10.1134/S1063773706040025
  19. ^ a b El-Ad, Hagai; Piran, Tsvi (1997) "Voids in the Large-Scale Structure" (PDF) Astrophysical Journal v.491, p.421 Bibcode1997ApJ...491..421E DOI10.1086/304973
  20. ^ NASA, "Cosmic Distance Scale"
  21. ^ Bahcall, N. A.; Soneira, R. M. (1982) "An approximately 300 MPC void of rich clusters of galaxies" (PDF) Astrophysical Journal, Part 1, vol. 262, Nov. 15, 1982, p. 419-423. Bibcode1982ApJ...262..419B DOI10.1086/160436
  22. ^ Tully, R. B. (1986) "Alignment of clusters and galaxies on scales up to 0.1 C" (PDF) Astrophysical Journal, Part 1 (ISSN 0004-637X), vol. 303, April 1, 1986, p. 25-38 Bibcode1986ApJ...303...25T DOI10.1086/164049
  23. ^ Batuski, D. J.; Burns, J. O. (1985) "Finding lists of candidate superclusters and voids of Abell clusters" (PDF) Astronomical Journal (ISSN 0004-6256), vol. 90, Aug. 1985, p. 1413-1424. Bibcode1985AJ.....90.1413B DOI10.1086/113849
  24. ^ da Costa, L. Nicolaci; Pellegrini, P. S.; Sargent, W. L. W.; Tonry, J.; Davis, M.; Meiksin, A.; Latham, David W.; Menzies, J. W.; Coulson, I. A. (1988) [ "The Southern Sky Redshift Survey"] Astrophysical Journal, Part 1 (ISSN 0004-637X), vol. 327, April 15, 1988, p. 544-560 Bibcode1988ApJ...327..544D DOI10.1086/166215
  25. ^ M. Einasto, J. Einasto, E. Tago, G.B. Dalton e H. Andernach, The Structure of the Universe Traced by Rich Clusters of Galaxies, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 269, 15 luglio 1994, pp. 301–322, Bibcode:1994MNRAS.269..301E, DOI:10.1093/mnras/269.2.301.
  26. ^ Lu, Nanyao Y,; Freudling, Wolfram (1995) [ "Large-Scale Structures in the Zone of Avoidance: The Galactic Anticenter Region"] Astrophysical Journal v,449, p,527 Bibcode1995ApJ,,,449,,527L Analisi del bibcode: valore (aiuto) DOI10,1086/176077Controllare Doi
  27. ^ El-Ad, H,; Piran, T,; Dacosta, L, N, (1997) "A catalogue of the voids in the IRAS 1,2-Jy survey"[collegamento interrotto] (PDF) Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Volume 287, Issue 4, pp, 790-798, Bibcode1997MNRAS,287,,790E Analisi del bibcode: valore (aiuto)
  1. ^ Questo è la massima estensione di una teorica sfera che può essere inscritta nel vuoto e che non contiene superammassi di galassie. Alcuni vuoti hanno una forma allungata e, pertanto, questo diametro può non rappresentarne la reale dimensione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica