Lista dei telescopi spaziali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il telescopio spaziale Hubble è forse il più famoso telescopio spaziale
Confronto tra diversi telescopi spaziali per diametro

Questo articolo riporta una lista dei telescopi spaziali.

Convenzioni usate[modifica | modifica wikitesto]

La lista è divisa nelle principali lunghezza d'onda: raggi gamma, raggi-X, ultravioletto, visibile, infrarosso, microonde e onde radio. Sono elencati anche gli strumenti che rilevano particelle come i raggi cosmici, nuclei e/o elettroni, così come gli strumenti che cercano di rilevare le onde gravitazionali.
I telescopi che compiono osservazioni a diverse lunghezze d'onda sono elencati più volte.

Sono esclusi dall'elenco le missioni che osservano e studiano esclusivamente oggetti all'interno del nostro sistema solare.

Nella colonna posizione sono indicati due valori. Per i telescopi in orbita attorno alla Terra indicano il perigeo e l'apogeo espressi in chilometri, per quelli in orbita attorno al Sole, il perielio e l'afelio espressi in unità astronomiche.

Raggi gamma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia a raggi gamma.

I telescopi a raggi gamma rilevano le emissioni di raggi gamma da sorgenti cosmiche. Tali emissioni sono assorbite dall'atmosfera terrestre e per questo le osservazioni richiedono telescopi spaziali o palloni di alta quota.
I raggi gamma possono essere generati da supernovae, stelle di neutroni, pulsar e buchi neri. I telescopi possono rilevare anche i lampi gamma o GRB(Gamma ray burst).

Nome Immagine Agenzia Data di
Lancio
Data
Termine
Posizione Rif.
3rd High Energy Astronomy Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo00486.4orbita geocentrica (486–505 km) [1][2][3]
Astrorivelatore Gamma ad Immagini LEggero (AGILE) ASI 2007-04-2323 aprile 2007 eo00524orbita geocentrica (524–553 km) [4][5]
Compton Gamma Ray Observatory (CGRO) Cartoon CGRO.jpg NASA 1991-04-055 aprile 1991 2000-06-044 giugno 2000 eo00362orbita geocentrica (362–457 km) [6][7][8]
Cos-B ESA 1975-08-099 agosto 1975 1982-04-2525 aprile 1982 eo00339orbita geocentrica (340–99.870 km) [9][10][11]
Fermi Gamma-ray Space Telescope Diagram of the GLAST instrument.jpg NASA 2008-05-1411 giugno 2008 eo00550orbita geocentrica (555 km) [12]
Gamma RSA 1990-07-011º luglio 1990 1992-00-001992 eo00375orbita geocentrica (375 km) [13]
Gamma-Ray Burst Polarimeter (GAP) IKAROS IAC 2010.jpg JAXA 21 Maggio 2010 so1orbita eliocentrica [14]
Granat Granat.gif CNRS & IKI 1989-12-011º dicembre 1989 1999-05-2525 maggio 1999 eo02000orbita geocentrica (2.000–200.000 km) [15][16][17]
High Energy Transient Explorer 2 (HETE 2) HETE 2.jpg NASA 2000-10-099 ottobre 2000 2008-03-01marzo 2008 eo00590orbita geocentrica (590–650 km) [18][19][20]
International Gamma Ray Astrophysics Laboratory (INTEGRAL) Integral artist illust.jpg (crediti immagine: ESA) ESA 2002-10-1717 ottobre 2002 eo00639orbita geocentrica (639–153000 km) [21][22]
Low Energy Gamma Ray Imager (LEGRI) INTA 1997-05-1919 maggio 1997 2002-02-01febbraio 2002 eo00600orbita geocentrica (600 km) [23][24]
Proton-1 RSA 1965-07-1616 Luglio 1965 1965-10-1111 Ottobre 1965 eo00600orbita geocentrica (183-589 km) [25]
Proton-2 RSA 1965-11-022 Novembre 1965 1966-02-066 Febbraio 1966 eo00600orbita geocentrica (191-637 km) [25]
Proton-4 RSA 1968-11-1616 Novembre 1968 1969-07-2424 Luglio 1969 eo00600orbita geocentrica (248-477 km) [26]
Second Small Astronomy Satellite (SAS 2) NASA 1972-11-1515 novembre 1972 1973-06-088 giugno 1973 eo00443orbita geocentrica (443–632 km) [27][28]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [29][30]

Raggi X[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia a raggi X.

I raggi X non possono penetrare molto nell'atmosfera terrestre, ciò significa che possono essere osservati solo dalle alte altitudini o dallo spazio. Diversi tipi di oggetti astronomici possono emettere raggi X, ammassi di galassie, nuclei galattici attivi, resti di supernovae, stelle e alcuni tipi di stelle binarie, quelle contenenti una nana bianca (Variabile cataclismica), una stella di neutroni o un buco nero (binarie ai raggi X).
Anche alcuni oggetti del sistema solare emettono raggi X, il più noto è la Luna, anche se la maggior parte dei raggi X provenienti dalla Luna sono il riflesso di quelli solari.
Esiste inoltre un fondo di raggi X che si crede dipenda da una combinazione di sorgenti non note di raggi X.

Nome Immagine Agenzia Data di
Lancio
Data
Termine
Posizione Rif.
1st High Energy Astronomy Observatory (HEAO 1) HEAO1.JPG NASA 1977-08-1212 agosto 1977 1979-01-099 gennaio 1979 eo00445orbita geocentrica (445 km) [31][32][33]
3rd High Energy Astronomy Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo00486.4orbita geocentrica (486,4–504,9 km) [1][3]
A Broadband Imaging X-ray All-sky Survey (ABRIXAS) Abrixas.png DLR 1999-04-2828 aprile 1999 1999-07-011º luglio 1999 eo00549orbita geocentrica (549–598 km) [34][35][36]
Advanced Satellite for Cosmology and Astrophysics (ASCA) ASCA.jpg NASA & ISAS 1993-02-2020 febbraio 1993 2001-03-22 marzo 2001 eo00523.6orbita geocentrica (523,6–615,3 km) [37][38]
Astrorivelatore Gamma ad Immagini LEggero (AGILE) AGILE satellite model 1.jpg ASI 2007-04-2323 aprile 2007 eo00524orbita geocentrica (524–553 km) [4][5]
Ariel V Ariel-5.jpg SRC & NASA 1974-10-1515 ottobre 1974 1980-03-1414 marzo 1980 eo00520orbita geocentrica (520 km) [39][40]
Array of Low Energy X-ray Imaging Sensors (Alexis) ALEXIS.png LANL 1993-03-2525 aprile 1993 2005-00-002005 eo00749orbita geocentrica (749–844 km) [41][42][43]
Aryabhata Aryabhata Satellite.jpg ISRO 1975-04-1919 aprile 1975 1975-04-2323 aprile 1975 eo00563orbita geocentrica (563–619 km) [44]
Astron Astron.gif IKI 1983-03-2323 marzo 1983 1989-06-00giugno 1989 eo02000orbita geocentrica (2000–200000 km) [45][46][47]
Astronomical Netherlands Satellite (ANS) ANS backup flightarticle.jpg SRON 1974-08-3030 agosto 1974 1976-06-00giugno 1976 eo00266orbita geocentrica (266–1176 km) [48][49]
Astrosat Astrosat-1 in deployed configuration.png ISRO 2015-09-2828 settembre 2015 eo00650orbita geocentrica (600-650 km) [50]
Beppo-SAX BeppoSAX.jpg ASI 1996-04-3030 aprile 1996 2002-04-3030 aprile 2002 eo00575orbita geocentrica (575–594 km) [51][52][53]
Broad Band X-ray Telescope / Astro 1 BBXRT instruments.gif NASA 1990-12-22 dicembre 1990 1990-12-1111 dicembre 1990 eo00500orbita geocentrica (500 km) [54][55]
Chandra X-ray Observatory Chandra X-ray Observatory.jpg NASA 1999-06-2323 luglio 1999 eo09942orbita geocentrica (9942–140000 km) [56][57]
Cos-B Cos-B.jpg ESA 1975-08-099 agosto 1975 1982-04-2525 aprile 1982 eo00339.6orbita geocentrica (339,6–99876 km) [9][10][58]
Cosmic Radiation Satellite (CORSA) ISAS 1976-02-066 febbraio 1976 1976-02-066 febbraio 1976 Lancio fallito [59][60]
Dark Universe Observatory NASA - eo00600orbita geocentrica (600 km) [61][62]
European X-ray Observatory Satellite (EXOSAT) Exosat.jpg ESA 1983-05-2626 maggio 1983 1986-04-088 aprile 1986 eo00347orbita geocentrica (347–191709 km) [63][64][65]
Ginga (Astro-C) Astro-c ginga.gif ISAS 1987-02-055 febbraio 1987 1991-11-011º novembre 1991 eo00517orbita geocentrica (517–708 km) [66][67][68]
Granat Granat.gif CNRS & IKI 1989-12-011º dicembre 1989 1999-05-2525 maggio 1999 eo02000orbita geocentrica (2000–200000 km) [15][16][17]
Hakucho (CORSA-b) Corsa-b hakucho.gif ISAS 1979-02-2121 febbraio 1979 1985-04-1616 aprile 1985 eo00421orbita geocentrica (421–433 km) [69][70][71]
High Energy Transient Explorer 2 (HETE 2) HETE 2.jpg NASA 2000-10-099 ottobre 2000 eo00590orbita geocentrica (590–650 km) [18][19][72]
Hitomi (Astro-H) Astro-H schema (en).png JAXA 2016-02-1717 febbraio 2016 2016-04-2828 aprile 2016 eo00524orbita geocentrica (575 km) [73][74][75]
Hard X-ray Modulation Telescope (HXMT) CNSA & CAS 2017-06-1414 giugno 2017 eo00524orbita geocentrica (545–554.1 km) [76]
International Gamma Ray Astrophysics Laboratory (INTEGRAL) Integral artist illust.jpg ESA 2002-10-1717 ottobre 2002 eo00639orbita geocentrica (639–153000 km) [21][22]
International X-ray Observatory (IXO)
Sostituisce Constellation-X Observatory e XEUS
NASA/ESA/JAXA - [77]
Mikhailo Lomonosov Maquete satellite MVL-300 (Mikhailo Lomonosov) DSC 0071.JPG Moscow State University 2016-04-2828 aprile 2016 2018-06-3030 giugno 2018 eo00524orbita geocentrica (478–493 km) [78][79]
Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) NuStar 1.jpg NASA 2012-06-1313 giugno 2012 eo00525orbita geocentrica (525 km) [80]
Osservatorio Einstein (HEAO 2) Heao b.jpg NASA 1978-11-1313 novembre 1978 1981-04-2626 aprile 1981 eo00465orbita geocentrica (465–476 km) [81][82]
Röntgensatellit (ROSAT) NASA & DLR 1990-06-011º giugno 1990 1999-02-1212 febbraio 1999 eo00580orbita geocentrica (580 km) [83][84][85]
Rossi X-ray Timing Explorer Rxte.jpg NASA 1995-12-3030 dicembre 1995 2012-01-033 gennaio 2012 eo00409orbita geocentrica (409 km) [86][87]
Small Astronomy Satellite 3 (SAS-C) SAS-3 layout.gif NASA 1975-05-077 maggio 1975 1979-04-00aprile 1979 eo00509orbita geocentrica (509–516 km) [88][89][90]
Spectrum-X-Gamma IKI & NASA 2010-00-002010 [91]
Suzaku (ASTRO-E2) Astro-E2.jpg JAXA & NASA 2005-06-1010 luglio 2005 2015-09-022 settembre 2015 eo00550orbita geocentrica (550 km) [92][93]
Spektr-RG Spektr-RG russian X-ray space telescope P1110968.jpg RSRI & MPE 2019-07-13 13 luglio 2019 lagrangePunto di Lagrange L2 [94]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [29][30]
Tenma (ASTRO-B) Astro-b tenma.gif ISAS 1983-02-2020 febbraio 1983 1989-01-1919 gennaio 1989 eo00489orbita geocentrica (489–503 km) [95][96][97]
Uhuru (X-ray Explorer Satellite) X-Ray Explorer Satellite.jpg NASA 1970-12-1212 dicembre 1970 1973-03-00Marzo 1973 eo00531orbita geocentrica (531–572 km) [98][99][100]
X-ray Multi-Mirror Mission Newton (XMM-Newton) XMM-Newton.jpg ESA 1999-12-1010 dicembre 1999 eo07365orbita geocentrica (7365–114000 km) [101][102]

Ultravioletto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia dell'ultravioletto.

Questi telescopi svolgono osservazioni nella lunghezza d'onda dell'ultravioletto, cioè tra circa 100 e 3200 Å. La luce a queste lunghezze d'onda è assorbita dall'atmosfera terrestre, quindi le osservazioni si devono fare o dall'alta atmosfera o dallo spazio.[103]
Tra gli oggetti che emettono radiazione ultravioletta ci sono il Sole, le altre stelle e le galassie.[104]

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Astro 2 Astro2 sts67 big.jpg NASA 1993-04-022 marzo 1993 1993-03-1818 marzo 1993 eo00349orbita geocentrica (349–363 km) [105][106]
Astron Astron.gif IKI 1983-03-2323 marzo 1983 1989-06-00giugno 1989 eo02000orbita geocentrica (2000–200000 km) [45][46][47]
Astronomical Netherlands Satellite (ANS) ANS backup flightarticle.jpg SRON 1974-08-3030 agosto 1974 1976-06-00giugno 1976 eo00266orbita geocentrica (266–1176 km) [48][49]
Astrosat Astrosat-1 in deployed configuration.png ISRO 2015-09-2828 settembre 2015 eo00650orbita geocentrica (650 km) [50]
Broad Band X-ray Telescope / Astro 1 BBXRT instruments.gif NASA 1990-12-022 dicembre 1990 1990-12-1111 dicembre 1990 eo00500orbita geocentrica (500 km) [54][55]
Copernicus Observatory (OAO-3) OAO-3 in the clean room.jpg NASA 1972-08-2121 agosto 1972 1980-02-01febbraio 1980 eo00713orbita geocentrica (713–724 km) [107]
Cosmic Hot Interstellar Spectrometer (CHIPS) CHIPSAT 2.jpg NASA 2003-01-1313 gennaio 2003 2008-04-1111 aprile 2008 eo00578orbita geocentrica (578–594 km) [108][109]
Extreme Ultraviolet Explorer (EUVE) EUVE 1.jpg NASA 1992-06-077 giugno 1992 2001-01-3131 gennaio 2001 eo00515orbita geocentrica (515–527 km) [110][111]
Far Ultraviolet Spectroscopic Explorer (FUSE) FUSE prelaunch crop.jpg NASA & CNES & CSA 1999-06-2424 giugno 1999 2007-07-1212 luglio 2007 eo00752orbita geocentrica (752–767 km) [112][113]
Far Ultraviolet Camera/Spectrograph (UVC) Far Ultraviolet Camera Spectrograph.jpg NASA 1972-04-1616 aprile 1972 1972-04-2323 aprile 1972 Altopiano Descartes, Luna [114]
Galaxy Evolution Explorer (GALEX) Galex.jpg NASA 2003-04-2828 aprile 2003 2013-06-2828 giugno 2013 eo00691orbita geocentrica (691–697 km) [115][116]
Hisaki (SPRINT-A) Hisaki-sprint-a-artistconcept2013.png JAXA 2013-09-1414 settembre 2003 eo00950orbita geocentrica (950–1150 km) [117]
International Ultraviolet Explorer (IUE) Iue.jpg ESA & NASA & SERC 1978-01-2626 gennaio 1978 1996-09-3030 settembre 1996 eo32050orbita geocentrica (32050–52254 km) [118][119]
Interface Region Imaging Spectrograph (IRIS) IRIS (Explorer).jpg NASA 2013-06-27 27 giugno 2013 orbita geocentrica [120][121]
Lunar-based ultraviolet telescope (LUT) CNSA 2013-12-011 dicembre 2013 Luna [122]
Korea Advanced Institute of Science and Technology Satellite 4 (Kaistsat 4) KARI 2003-09-2727 settembre 2003 eo00675orbita geocentrica (675–695 km) [123][124]
Orbiting Astronomical Observatory 2 (OAO-2) Orbiting Astronomical Observatory.jpg NASA 1968-12-077 dicembre 1968 1973-01-00Gennaio 1973 eo00749orbita geocentrica (749–758 km) [107][125]
Orion 1, 2 RSA 19 aprile 1971 (Orion 1); (Orion 2) 18 dicembre 1973 1971; 1973 orbita geocentrica (Orion 1: 200–222 km; Orion 2: 188–247 km) [126][127]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [29][30]
Tel Aviv University Ultraviolet Explorer (TAUVEX) Agenzia Spaziale Israeliana 2009-10-00Ottobre 2009 [128]
Telescopio spaziale Hubble HST-SM4.jpeg NASA 1990-04-2424 aprile 1990 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [129]
Venus Spectral Rocket Experiment NASA 26 novembre 2013 riutilizzabile suborbitale fino a 300 km [130]

Visibile[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia ottica.

La più antica forma di astronomia si estende da circa 4000 Å a 7000 Å (da 400 nanometri a 700 nm).[131]
Posizionare un telescopio ottico nello spazio significa non risentire di effetti atmosferici dovuti alla turbolenza e alla temperatura (vedi seeing), fornendo immagini a risoluzione più alta.
I telescopi ottici sono usati per osservare stelle, galassie, nebulose, dischi protoplanetari e molti altri oggetti.[132]

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Astrosat Astrosat-1 in deployed configuration 001.png ISRO 2015-09-2828 settembre 2015 eo00650orbita geocentrica (650 km) [50]
costellazione di satelliti BRITE V Sieradzka Konferencja Kosmiczna Satelita Lem - model 2014 MZW 100 8550.jpg Austria, Canada, Polonia 2013-02-2525 Febbraio 2013 - 19 Agosto 2014 eo00650orbita geocentrica [133]
CHaracterising ExOPlanets Satellite (CHEOPS) ESA 2019-12-1818 Dicembre 2019 orbita eliosincrona [134]
Convection, Rotation and planetary Transits (COROT) COROT2.jpg CNES & ESA 2006-12-2727 dicembre 2006 eo00872orbita geocentrica (872–884 km) [135][136]
Dark Energy Space Telescope NASA & DOE [137]
Near Earth Object Surveillance Satellite (NEOSSat) CSA, DRDC 2013-02-2525 Febbraio 2013 orbita eliosincrona (776–792 km) [138][139]
Gaia Satellite ESA Gaia.jpg ESA 2013-12-1919 dicembre 2013 lagrangePunto di Lagrange L2 [140]
Hipparcos Hipparcos-testing-estec.jpg ESA 1989-08-088 agosto 1989 1993-04-00Marzo 1993 eo00223orbita geocentrica (223–35632 km) [141][142][143]
Telescopio spaziale Kepler Kepler bkgd.sm.jpg NASA 2009-03-066 marzo 2009 orbita eliocentrica dietro la Terra [144][145][146]
Microvariability and Oscillations of STars (MOST) CSA 2003-06-3030 giugno 2003 eo00819orbita geocentrica (819–832 km) [147][148]
SIM Lite Astrometric Observatory Space Interferometry Mission PIA04248.jpg NASA 2015 [149]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [29][30]
Telescopio spaziale Hubble HST-SM4.jpeg NASA 1990-04-2424 aprile 1990 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [129]
Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) Transiting Exoplanet Survey Satellite artist concept (transparent background).png NASA 2018-04-1818 aprile 2018 Altamente ellittica in risonanza orbitale con la Luna [150]
Terrestrial Planet Finder Terrestrial Planet Finder PIA04499.jpg NASA [151]

Infrarosso[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia dell'infrarosso.

Molti oggetti astronomici sono troppo freddi e deboli per essere osservabili nella luce visibile, per questo si ricorre all'osservazione della radiazione infrarossa. All'infrarosso è possibile studiare le stelle (incluse le fredde nane brune), le nebulose e le galassie spostate verso il rosso.[152]

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
AKARI (ASTRO-F) JAXA 2006-02-2121 febbraio 2006 24 novembre 2011 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [153][154]
CHaracterising ExOPlanets Satellite (CHEOPS) ESA 2019-12-1818 dicembre 2019 orbita eliosincrona [134]
Herschel Space Observatory Herschel Space Observatory.jpg ESA & NASA 2009-05-0614 maggio 2009[155] 29 aprile 2013 lagrangePunto di Lagrange L2 [156][157][158]
Infrared Astronomical Satellite (IRAS) Iras.jpg NASA 1983-01-2525 gennaio 1983 1983-11-2121 novembre 1983 eo00889orbita geocentrica (889–903 km) [159][160]
Infrared Space Observatory (ISO) ESA 1995-11-1717 novembre 1995 1998-05-1616 maggio 1998 eo01000orbita geocentrica (1000–70500 km) [161][162][163]
Infrared Telescope in Space (IRTS) ISAS & NASDA 1995-03-1818 marzo 1995 1995-03-2525 aprile 1995 eo00486orbita geocentrica (486 km) [164][165]
James Webb Space Telescope James Webb Space Telescope.jpg NASA 2022-00-002022 Punto di Lagrange L2

(1,5 × 106 km dalla Terra)

[166]
Midcourse Space Experiment (MSX) Midcourse Space Experiment.png USN 1996-04-2424 aprile 1996 1997-02-2626 febbraio 1997 eo00900orbita geocentrica (900 km) [167]
Submillimeter Wave Astronomy Satellite (SWAS) Swas 1.jpg NASA 1998-12-066 dicembre 1998 1 settembre 2005 eo00638orbita geocentrica (638–651 km) [168][169]
Telescopio spaziale Spitzer Spitzer space telescope.jpg NASA 2003-08-2525 agosto 2003 30 gennaio 2020 so0.98Solar orbit (0,98–1,02 UA) [170][171]
Terrestrial Planet Finder Terrestrial Planet Finder PIA04499.jpg NASA [151]
Wide field Infrared Explorer (WIRE) Wide Field Infrared Explorer module.jpg NASA 1999-03-055 marzo 1999 2011-05-1010 maggio 2011 [172]
Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) WISE artists concept (as of 2006).jpg NASA 2009-12-1414 dicembre 2009 eo00500orbita geocentrica (500 km) [173][174]

Microonde[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Radioastronomia.

Alle frequenze delle microonde i fotoni sono abbondanti, ma hanno anche energie molto basse, quindi è necessario raccoglierne molti.
A queste frequenze si può misurare la radiazione cosmica di fondo, l'effetto Sunyaev-Zel'dovich, conteggio di sorgenti, radiazione di sincrotrone e il Bremsstrahlung dalla nostra galassia.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Cosmic Background Explorer (COBE) Cobe.jpg NASA 1989-11-1818 novembre 1989 1993-12-2323 dicembre 1993 eo00900orbita geocentrica (900 km) [175][176]
Odin Agenzia Spaziale Svedese 2001-02-2020 febbraio 2001 eo00622orbita geocentrica (622 km) [177][178]
Planck Surveyor ESA 2009-05-06 14 maggio 2009 2013-10-01ottobre 2013 lagrangePunto di Lagrange L2 [179][180][181]
Wilkinson Microwave Anisotropy Probe (WMAP) WMAP2.jpg NASA 2001-06-3030 giugno 2001 2010-10-01ottobre 2010 lagrangePunto di Lagrange L2 [182]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Radioastronomia e Very Long Baseline Interferometry.

Dato che l'atmosfera terrestre è trasparente alle onde radio, i radiotelescopi spaziali vengono principalmente usati per il Very Long Baseline Interferometry, facendo osservazioni simultanee dal satellite e da terra per metterle in correlazione e simulare un radiotelescopio grande quanto la separazione tra i due.
Con le onde radio si possono osservare resti di supernovae, lenti gravitazionali, maser celesti, galassie starburst e molte altre cose.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
ASTRO-G (VSOP-2) JAXA 2012-00-002012 2012 [183]
Highly Advanced Laboratory for Communications and Astronomy (HALCA) ISAS 1997-02-1212 febbraio 1997 2005-11-3030 novembre 2005 eo00560orbita geocentrica (560–21400 km) [184][185][186]
RadioAstron IKI 2010-00-002010 eo10000orbita geocentrica (10000–390000 km) [187][188]

Rilevatori di particelle[modifica | modifica wikitesto]

I satelliti che rilevano particelle cercano raggi cosmici e elettroni. Questi possono essere emessi dal Sole (particelle energetiche solari), dalla nostra galassia (raggi cosmici galattici) e da fonti extragalattiche (raggi cosmici extragalattici). Ci sono anche raggi cosmici ultra-energetici provenienti dai nuclei galattici attivi.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
3rd High Energy Astrophysics Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo0046.4orbita geocentrica (486,4–504,9 km) [1][3]
Alpha Magnetic Spectrometer 01 (AMS-01) Alpha Magnetic Spectrometer - 02.jpg NASA 1998-06-022 giugno 1998 1998-06-1212 giugno 1998 eo00350orbita geocentrica (296 km) [189]
Alpha Magnetic Spectrometer 02 (AMS-02) Alpha Magnetic Spectrometer - 02.jpg NASA 2011-05-1616 maggio 2011 eo00350orbita geocentrica (353 km) sulla ISS [190]
Astromag Free-Flyer NASA 2005-01-011º gennaio 2005 eo00500orbita geocentrica (500 km) [191][192]
Dark Matter Particle Explorer (DAMPE) CNSA & CAS 2015-12-1717 dicembre 2015 eo00500orbita geocentrica (500 km) [193]
Interstellar Boundary Explorer (IBEX) IBEX spacecraft.jpg NASA 2008-10-1919 ottobre 2008 eo00350orbita geocentrica (86,000–259,000 km) [194]
Payload for Antimatter Matter Exploration and Light-nuclei Astrophysics (PAMELA) ASI, INFN, RSA, DLR & SNSB 2006-05-1515 maggio 2006 2016-02-077 febbraio 2016 eo00350orbita geocentrica (350–610 km) [195][196]
Solar Anomalous and Magnetospheric Particle Explorer (SAMPEX) SAMPEX.jpg NASA / DE 1992-07-033 luglio 1992 2004-06-3030 giugno 2004 eo00350orbita geocentrica (512–687 km) [197]

Onde gravitazionali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronomia delle onde gravitazionali.

È stato proposto un nuovo tipo di telescopio spaziale in grado di rilevare le onde gravitazionali, increspature nello spazio-tempo generate dalla collisione di stelle di neutroni e buchi neri.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
LISA Pathfinder LISA Pathfinder (14257775333).jpg ESA 2015-12-033 dicembre 2015 2017-06-3030 giugno 2017 so1orbita eliocentrica [198]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HEAO 3), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2007).
  2. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HEAO 3), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  3. ^ a b c The High Energy Astrophysics Observatory-3 (HEAO-3), su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA, 26 giugno 2003. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  4. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (AGILE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  5. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (AGILE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  6. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Compton Gamma Ray Observatory), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2009).
  7. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Compton Gamma Ray Observatory), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  8. ^ CGRO Science Support Center, su cossc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  9. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COS-B), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2009).
  10. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COS-B), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  11. ^ ESA - Space Science - Cos-B overview, su esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  12. ^ GLAST Overview - The GLAST Mission, su glast.gsfc.nasa.gov, NASA, 19 dicembre 2007. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  13. ^ The Gamma Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  14. ^ (JA) GAPホームページ, su astro.s.kanazawa-u.ac.jp, Kanazawa University, 26 agosto 2011. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  15. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (GRANAT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  16. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (GRANAT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  17. ^ a b 1999 Reentries (PDF), su aero.org, The Aerospace Corporation, Center for Orbital and Reentry Debris Studies. URL consultato il 26 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2011).
  18. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HETE 2), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  19. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HETE 2), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  20. ^ The High Energy Transient Explorer (HETE-2), su space.mit.edu, Massachusetts Institute of Technology, 28 marzo 2007. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  21. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (INTEGRAL), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  22. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (INTEGRAL), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  23. ^ Instrumentation: Low Energy Gamma Ray Imager (LEGRI), su sr.bham.ac.uk, Birmingham University, 24 gennaio 2006. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  24. ^ LEGRI, su imagine.gsfc.nasa.gov, NASA, 4 dicembre 1997. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2012).
  25. ^ a b NASA's HEASARC: Observatories (Proton 1 & Proton 2), su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  26. ^ Proton 4 at NASA NSSDC Master Catalog
  27. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SAS-B), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  28. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SAS-B), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  29. ^ a b c d NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Swift), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  30. ^ a b c d NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Swift), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  31. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HEAO 1), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  32. ^ The High Energy Astrophysics Observatory-1 - Overview, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  33. ^ The High Energy Astrophysics Observatory-1 - Mission Overview, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  34. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ABRIXAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  35. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ABRIXAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2012).
  36. ^ ABRIXAS, su astronautix.com. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  37. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ASCA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  38. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ASCA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  39. ^ The Ariel V Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  40. ^ The Ariel V Satellite - About, su heasarc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2009).
  41. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Alexis), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  42. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Alexis), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  43. ^ AeroAstro Returning to Space With Launch of STPSat-1 This Fall, Space.com, 5 giugno 2006. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  44. ^ The Aryabhata Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  45. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ASTRON), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  46. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ASTRON), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  47. ^ a b The Astron Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  48. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ANS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2009).
  49. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ANS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2007).
  50. ^ a b c ASTROSAT - An Indian Multiwave Astronomy Satellite, su meghnad.iucaa.ernet.in, Inter-University Centre for Astronomy and Astrophysics. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
  51. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (BeppoSAX), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  52. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (BeppoSAX), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  53. ^ HEASARC: BeppoSAX Guest Observer Facility, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  54. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro 1), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  55. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro 1), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  56. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Chandra), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  57. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Chandra), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  58. ^ ESA - Space Science - Cos-B overview, su esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  59. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (CORSA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  60. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (CORSA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  61. ^ Dark Universe Observatory, su epo.sonoma.edu, Sonoma State University. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2004).
  62. ^ Dark Universe Observatory - About the Launch Vehicle and Orbit, su epo.sonoma.edu, Sonoma State University. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2004).
  63. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Exosat), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  64. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Exosat), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  65. ^ ESA Science & Technology: Exosat, su sci.esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  66. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro-C), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  67. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro-C), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  68. ^ The Ginga Observatory, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  69. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Hakucho), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2007).
  70. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Hakucho), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  71. ^ The Hakucho (CORSA-B) Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  72. ^ HETE Mission Operations and Status, su space.mit.edu, Massachusetts Institute of Technology, 28 marzo 2007. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  73. ^ X-ray Astronomy Satellite "ASTRO-H", su global.jaxa.jp, JAXA. URL consultato il 15 dicembre 2015.
  74. ^ Mike Gruss, U.S. Air Force: No evidence malfunctioning Japanese satellite was hit by debris, su spacenews.com, Space News, 29 marzo 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  75. ^ X線天文衛星ASTRO-H「ひとみ」異常事象調査報告書A改訂等について, su jaxa.jp, JAXA, 31 maggio 2016.
  76. ^ Hard X-ray Modulation Telescope, su hxmt.cn (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2012).
  77. ^ NASA - IXO, su ixo.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 18 agosto 2009.
  78. ^ Soyuz prepared for first flight from Siberian cosmodrome, Spaceflight Now, 31 gennaio 2016. URL consultato il 21 marzo 2016.
  79. ^ http://russianspaceweb.com/mikhailo-lomonosov.html
  80. ^ NuSTAR Quickfacts, su nustar.caltech.edu, California Institute of Technology. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2008).
  81. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Einstein Observatory), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2007).
  82. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Einstein Observatory), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  83. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ROSAT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  84. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ROSAT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  85. ^ The Roentgen Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  86. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (X-Ray Timing Explorer), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  87. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (X-Ray Timing Explorer), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  88. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SAS-C), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  89. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SAS-C), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  90. ^ The Third Small Astronomy Satellite (SAS-3), su heasarc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2019).
  91. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Spectrum-X-Gamma), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  92. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Suzaku), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  93. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Suzaku), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  94. ^ "Спектр-РГ" запустят в 2017 г., несмотря на перенос поставки немецкого телескопа, su tass.ru.
  95. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Tenma), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  96. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Tenma), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  97. ^ Institute of Space and Astronautical Science - JAXA - Tenma, su isas.jaxa.jp, JAXA. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2007).
  98. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Uhuru), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  99. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Uhuru), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  100. ^ The Uhuru Satellite, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  101. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (XMM-Newton), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 25 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  102. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (XMM-Newton), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  103. ^ A. N. Cox, editor, Allen's Astrophysical Quantities, New York, Springer-Verlag, 2000, ISBN 0-387-98746-0.
  104. ^ Ultraviolet Waves, su science.hq.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  105. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro 2), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  106. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro 2), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  107. ^ a b David Darling, Orbiting Astronomical Observatory (OAO) in the Internet Encyclopedia of Science, su daviddarling.info. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  108. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (CHIPS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2007).
  109. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (CHIPS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  110. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (EUVE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  111. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (EUVE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  112. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (FUSE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  113. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (FUSE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  114. ^ Experiment Operations During Apollo EVAs, su ares.jsc.nasa.gov (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2013).
  115. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (GALEX), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  116. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (GALEX), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  117. ^ (EN) Spectroscopic Planet Observatory for Recognition of Interaction of Atmosphere Hisaki (SPRINT-A), su jaxa.jp, JAXA, 15 settembre 2013 (ultimo aggiornamento). URL consultato il 22 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2013).
  118. ^ ESA Science & Technology: IUE, su sci.esa.int, ESA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  119. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (IUE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  120. ^ NASA's Newest Solar Satellite Arrives at Vandenberg AFB for Launch, su nasa.gov, NASA, 17 aprile 2013.
  121. ^ NASA's IRIS Mission Updates (XML), su nasa.gov, NASA, 25 giugno 25. URL consultato il 28 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2017).
  122. ^ Andrew Jones, China's telescope on the Moon is still working, and could do for 30 years, su gbtimes.com, GBTimes, 5 giugno 2017. URL consultato il 28 novembre 2013.
  123. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Kaistsat 4), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  124. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Kaistsat 4), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  125. ^ Orbiting Astronomical Observatory OAO-2, su sal.wisc.edu, University of Wisconsin-Madison. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  126. ^ G. A.Gurzadyan e J.Ohanesyan, Observed Energy Distribution of α Lyra and β Cen at 2000–3800 Å, su nature.com.
  127. ^ G. A.Gurzadyan, Ultraviolet spectra of Capella, su nature.com.
  128. ^ TAUVEX: UV Astronomy Mission, su tauvex.iiap.res.in, Indian Institute of Astronomy. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2007).
  129. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Telescopio spaziale Hubble), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  130. ^ What is VeSpR?, su bu.edu, Center for Space Physics, Boston University. URL consultato il 28 novembre 2013.
  131. ^ P. Moore, Philip's Atlas of the Universe, Great Britain, George Philis Limited, 1997, ISBN 0-540-07465-9.
  132. ^ HubbleSite - The Telescope - Hubble Essentials, su hubblesite.org, NASA. URL consultato il 1º marzo 2008.
  133. ^ BRITE-Constellation, su brite-constellation.at. URL consultato il 09-03-2015.
  134. ^ a b Flight VS23: Soyuz lifts off from the Spaceport in French Guiana, su Arianespace, 28 dicembre 2019. URL consultato il 25 maggio 2020.
  135. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COROT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  136. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COROT), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  137. ^ Destiny JDEM Mission Public Page, su noao.edu, National Optical Astronomy Observatory. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  138. ^ Miriam Kramer, Indian Rocket Launches Asteroid-Hunting Satellites, Tiny Space Telescopes, su space.com. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  139. ^ NEOSSAT Satellite details 2013-009D NORAD 39089, su n2yo.com, N2YO, 24 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  140. ^ ESA - Space Science - Gaia overview, su esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  141. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Hipparcus), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  142. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Hipparcus), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  143. ^ The Hipparcos Space Astrometry Mission, su rssd.esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  144. ^ Staff writers, Nasa launches Earth hunter probe, in BBC News, 7 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  145. ^ Kepler Space Mission, su kepler.arc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2014).
  146. ^ Kepler - About - Mission News, su kepler.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2007).
  147. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (MOST), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  148. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (MOST), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  149. ^ SIM Lite JPL, su sim.jpl.nasa.gov, NASA. URL consultato il 19 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2007).
  150. ^ (EN) Transiting Exoplanet Survey Satellite (PDF), su tess.gsfc.nasa.gov. URL consultato il 12 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2014).
  151. ^ a b Planet Quest: Missions - Terrestrial Planet Finder, su planetquest.jpl.nasa.gov, NASA. URL consultato il 3 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2008).
  152. ^ Cool Cosmos, su coolcosmos.ipac.caltech.edu, California Institute of Technology. URL consultato il 1º marzo 2008.
  153. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Akari), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  154. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Akari), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  155. ^ Jet Propulsion Laboratory Herschel Mission News
  156. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Herschel Space Observatory), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  157. ^ Planck - Home Page, su rssd.esa.int, ESA, 6 marzo 2008. URL consultato il 15 marzo 2008.
  158. ^ Herschel Science Centre - A short Herschel mission overview, su herschel.esac.esa.int, ESA, 20 novembre 2007. URL consultato il 15 marzo 2008.
  159. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (IRAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  160. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (IRAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  161. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ISO), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  162. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ISO), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  163. ^ ESA Science & Technology: ISO, su sci.esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  164. ^ IRTS Home Page, su ir.isas.ac.jp, Institute of Space and Astronautical Science. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  165. ^ Hiroshi Murakami, et al., The IRTS (Infrared Telescope in Space) Mission, in Publications of the Astronomical Society of Japan, vol. 48, pp. L41–L46.
  166. ^ The James Webb Space Telescope, su jwst.nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  167. ^ MSX Project Page, su ipac.caltech.edu, Infrared Processing and Analysis Center. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  168. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SWAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  169. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SWAS), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2012).
  170. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Spitzer), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  171. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Spitzer), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  172. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (WIRE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  173. ^ WISE: Wide-Field Infrared Survey Explorer, su wise.ssl.berkeley.edu, University of California, Los Angeles. URL consultato il 3 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2010).
  174. ^ WISE - Mapping the Infrared Sky (PDF), su wise.ssl.berkeley.edu, NASA. URL consultato il 3 marzo 2008 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2007).
  175. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COBE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  176. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COBE), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  177. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Odin), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  178. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Odin), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  179. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (PLANCK), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  180. ^ Planck - Home Page, su rssd.esa.int, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  181. ^ Planck - Home Page, su rssd.esa.int, 6 marzo 2008.
  182. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (WMAP), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2008).
  183. ^ VSOP-2 project, su vsop.isas.jaxa.jp, JAXA. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2012).
  184. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HALCA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  185. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HALCA), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  186. ^ Minutes of VSOP-2 Tracking Station Meeting, 10/31-11/01/06 (PDF), su vsop.mtk.nao.ac.jp, National Astronomical Observatory of Japan. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2009).
  187. ^ Description of the RadioAstron project, su asc.rssi.ru, Russian Space Research Institute. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  188. ^ Description of the RadioAstron project - Orbit, su asc.rssi.ru, Russian Space Research Institute. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  189. ^ AMS Collaboration, M. Aguilar, J. Alcaraz, J. Allaby, B. Alpat, G. Ambrosi, H. Anderhub, L. Ao, A. Arefiev e Azzarello cognome11=Babucci, The Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) on the International Space Station: Part I – results from the test flight on the space shuttle, in Physics Reports, vol. 366, n. 6, pp. 331–405, Bibcode:2002PhR...366..331A, DOI:10.1016/S0370-1573(02)00013-3.
  190. ^ Alpha Magnetic Spectrometer – 02 (AMS-02), su nasa.gov, NASA, 18 dicembre 2009. URL consultato il 24-12-2009 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2009).
  191. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astromag FF), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  192. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astromag-F), su nssdc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  193. ^ Dark Matter Particle Explorer, su dpnc.unige.ch.
  194. ^ Justin Ray, Mission Status Center: Pegasus/IBEX, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 19 ottobre 2008. URL consultato il 27 novembre 2009.
  195. ^ PAMELA Mission Official Website, su pamela.roma2.infn.it, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. URL consultato il 9 marzo 2008.
  196. ^ PAMELA Mission Official Website - Partners, su pamela.roma2.infn.it, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. URL consultato il 9 marzo 2008.
  197. ^ SAMPEX Data Center, su srl.caltech.edu. URL consultato il 4 settembre 2012.
  198. ^ eLISA Consortium, eLISA Mission Description, su elisascience.org, Max Planck Institute for Gravitational Physics. URL consultato il 4 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]