Lionel de Rothschild

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Right Honourable
Lionel de Rothschild
Lionel Nathan de Rothschild by Moritz Daniel Oppenheim.jpg

Membro del Parlamento
per la City of London
Durata mandato 1847-1868

Membro del Parlamento
per la City of London
Durata mandato 1869 –
1874

Dati generali
Partito politico liberali

Barone Lionel Nathan de Rothschild (22 novembre 18083 giugno 1879) era un banchiere, politico e filantropo britannico membro della facoltosa famiglia Rothschild d'Inghilterra. Divenne il primo ebreo praticante a sedersi come un membro del Parlamento nel Regno Unito[1].

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Nathan Mayer Rothschild ed Hanna Barent Cohen, era membro della facoltosa famiglia Rothschild. Nacque a Londra, dove suo padre aveva fondato il ramo britannico della famiglia.

In gioventù, aveva studiato all'università di Gottinga, prima di intraprendere un apprendistato nell'azienda di famiglia a Londra, Parigi e Francoforte. Lionel fu ammesso al partenariato di famiglia nel 1836 in una riunione di famiglia a Francoforte.[2]

Come suo padre, era un Freiherr (barone) dell'impero austriaco, ma al contrario di suo padre utilizzò il titolo nella società britannica. Nel 1838, la regina Vittoria autorizzò l'uso del titolo austriaco nel Regno Unito.[3]

Il primo ministro Gladstone propose alla regina di crearlo un pari britannico. Lei esitò, dicendo che assegnare un titolo un ad ebreo avrebbe sollevato antagonismo oltre al fatto che sarebbe stato sconveniente premiare un uomo la cui vasta ricchezza era basata su quello che lei chiamava "una specie di gioco d'azzardo", piuttosto che commercio legittimo. Tuttavia, nel 1885 la regina elevò al rango di pari suo figlio Nathan che diventò il primo ebreo a sedere alla camera dei Lord.Template:Sfn

Banchiere[modifica | modifica wikitesto]

Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Vita personale e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Patrono delle corse di cavalli purosangue, sotto il falso nome di Mr Acton, il suo puledro "Sir Bevys" vinse il Derby di Epsom del 1879.[4]

Nel 1836, Lionel de Rothschild sposò sua cugina, la baronesse Charlotte von Rothschild (1819–1884), figlia del barone Carl Mayer von Rothschild dei Rothschild di Napoli. ebbero i seguenti figli:

  1. Leonora (1837–1911)
  2. Evelina (1839–1866)
  3. Nathan Mayer (1840–1915)
  4. Alfred Charles (1842–1918)
  5. Leopold (1845–1917)

Malattia e morte[modifica | modifica wikitesto]

Lionel de Rothschild soffrì di gotta per oltre 20 anni. Egli soffrì un attacco il 3 giugno 1879 e morì la mattina dopo nella sua casa di città al 148 Piccadilly a Londra, all'età di 70 anni. Il suo corpo fu sepolto nel Willesden Jewish Cemetery nel North London sobborgo di Willesden.[5]Template:SfnTemplate:Rp[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C'erano stati membri del Parlamento di origine ebraica da Sampson Gideon nel 1770, tutti obbligati a convertirsi alla cristianità
  2. ^ Lionel Nathan de Rothschild (1808-1879) - Rothschild Family, su family.rothschildarchive.org. URL consultato il 21 luglio 2016.
  3. ^ Bulletins of State Intelligence, 1838, p. 220.
  4. ^ a b Death of Baron Rothschild, in The Cornishman, nº 48, 12 giugno 1879, p. 7.
  5. ^ The Late Baron Lionel de Rothschild, in The Times, The Times Digital Archive, 4 giugno 1879, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Loades (a cura di), Reader's guide to British history, 2nd, New York, Fitzroy Dearborn, 2003, pp. 1138–1139, ISBN 1-57958-242-7.
  • Cecil Roth, The Magnificent Rothschilds, facsimile reprint, Kessinger Publishing, 2010 [1939], ISBN 978-1-164-50078-0.
  • Derek Wilson, Rothschild: A Story of Wealth and Power, Andre Deutsch Ltd, 1988, ISBN 978-0-233-97999-1.
  • Richard Davis, The English Rothschilds, Collins, 1983, ISBN 978-0-00-216212-8.
  • Niall Ferguson, The World's Banker: The history of the House of Rothschild (2 vols.), W & N, 1998, ISBN 978-0-297-81539-6.
  • Stanley Weintraub, Charlotte and Lionel: A Rothschild Love Story, Simon & Schuster Ltd, 2003, ISBN 978-0-7432-1991-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32753650 · ISNI (EN0000 0000 6676 2922 · LCCN (ENn85202773 · GND (DE116641835 · CERL cnp00584095 · WorldCat Identities (ENn85-202773