Lino Vairetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lino Vairetti
NazionalitàItalia Italia
GenereRock progressivo
Folk rock
Blues rock
Periodo di attività musicale1967 – in attività
Strumentovoce, chitarra
EtichettaAfrakà Records
Gruppi attualiOsanna
Gruppi precedentiWalhalla

Lino Vairetti (Napoli, 26 ottobre 1949) è un cantante, chitarrista, compositore e scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua attività musicale negli anni '60 suonando con vari musicisti napoletani, ed è maggiormente conosciuto per la sua appartenenza al gruppo rock progressivo, Osanna, del quale è membro fondatore, e per la sua corposa attività di turnista.[1][2][3]

Con il gruppo degli Osanna partecipa a varie trasmissioni TV. Nel 1999 partecipa al Neapolis Rock Festival condividendo il palco con i Jethro Tull e alla Premiata Forneria Marconi.[4] Nel 1999, pubblica un disco dal titolo Il sogno del Lupo.[5] Nel 2002 partecipa al festival Rock in progress, nel quale hanno anche suonato i Goblin.

Dal 2003 è l'organizzatore dell'Afrakà Rock Festival[6][7]. manifestazione nella quale si è esibito, tra gli altri, con Carl Palmer[8]. Nel 2009 esce un doppio album in vinile, Prog Family con la partecipazione di David Jackson (Van Der Graaf Generator), David Cross (King Crimson) e TM Stevens.[9]

Nel maggio del 2009 dà vita insieme a Tullio de Piscopo all'evento tributo dedicato a Gegè di Giacomo Do you remember Gegè?, tenutosi al Teatro Bolivar di Napoli. L'evento ha avuto seguito biennale e sono in programma successive edizioni.

Dal 2011 inizia a collaborare con la cantante e musicista Jenny Sorrenti[10], mentre dal 2018 è membro dei Carl Palmer's ELP Legacy.[8]

Nel giugno del 2017, si esibisce assieme agli Osanna al Teatro San Carlo di Napoli, in occasione dei 50 anni di carriera di Vittorio de'Scalzi dei New Trolls.[11]

A partire dagli anni '90 ha intensificato la sua attività di scultore, seguendo lo stile ellenistico. A partire dagli anni 2000, le sue opere sono esposte in musei di Roma e Napoli.[12]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato con Pino Daniele, Tullio de Piscopo, Corrado Rustici, David Jackson storico sassofonista dei Van der Graaf Generator, David Cross (ex King Crimson), Tony Esposito e Beppe Vessicchio.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Osanna[modifica | modifica wikitesto]

Con i Città Frontale[modifica | modifica wikitesto]

Con i Ciak[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Walhalla[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2020 partecipa al documentario Mia Martini - fammi sentire bella.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmine Aymone, Osanna. Naples in the world, Cardito (NA), Edizioni Afrakà, 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Afrakà, su fescaaal.org.
  2. ^ Redazione, Lino Vairetti ci racconta gli Osanna. Ecco l'intervista, su Onda Musicale, 29 gennaio 2022. URL consultato il 17 luglio 2022.
  3. ^ Lino Vairetti degli Osanna: la storia del rock progressive raccontata da uno dei suoi grandi protagonisti, su ::: Noteverticali.it ::, 20 maggio 2017. URL consultato il 17 luglio 2022.
  4. ^ Sanremo Rock, Lino Vairetti - "Osanna" tra gli Ospiti del Festival, su Sanremo Rock, 23 maggio 2018. URL consultato il 17 luglio 2022.
  5. ^ Il ritorno degli Osanna., su Drammaturgia.it, 9 gennaio 2005. URL consultato il 17 luglio 2022.
  6. ^ Afragola (NA): Afrakà Rock Festival, tributo a Bacalov con un grande concerto, su Tutto Sud News, 8 dicembre 2018. URL consultato il 17 luglio 2022.
  7. ^ Afrakà rock festival, su NapoliToday. URL consultato il 17 luglio 2022.
  8. ^ a b Tour italiano per Carl Palmer dei ELP insieme a Lino Vairetti degli Osanna :: News :, su OndaRock. URL consultato il 17 luglio 2022.
  9. ^ Il prog family degli Osanna, su guide.supereva.it. URL consultato il 17 luglio 2022.
  10. ^ Redazione, Lino Vairetti e Jenny Sorrenti al Museo del Rock di Catanzaro, su il Titolo. URL consultato il 17 luglio 2022.
  11. ^ Adila Salah, 50 anni di carriera di Vittorio De Scalzi al Teatro San Carlo di Napoli, su Noise Symphony, 24 aprile 2017. URL consultato il 17 luglio 2022.
  12. ^ Lino Vairetti: "Dagli anni Settanta vivo la mia musica truccandomi il viso e girando il mondo", su la Repubblica, 28 gennaio 2018. URL consultato il 17 luglio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]