Lingue shona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lingue shona
RegioniAfrica meridionale
Locutori
Totale15 milioni
Tassonomia
FilogenesiNiger-Congo
 Congo-Atlantico
  Volta-Congo
   Benue-Congo
    bantoidi
     bantoidi meridionali
      bantu
       bantu centrali
        S
Codici di classificazione
Glottologshon1250 (EN)

Le lingue shona sono un gruppo di lingue bantu parlate nell'Africa meridionale.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Vengono generalmente individuate otto lingue comprese in questo gruppo:[1][2]

  • shona, la principale del gruppo e al quale dà il nome, principale lingua dello Zimbabwe e una fra le lingue bantu più parlate con oltre 10 milioni di locutori divisi nei tre principali dialetti karanga, korekore e zezuru;[3]
  • manyika, parlata nello Zimbabwe occidentale e nel Mozambico centro-orientale da circa 1 milione di persone;[4]
  • ndau, parlata nello Zimbabwe e in Mozambico da circa 2,4 milioni di persone,[5] anch'essa molto simile allo shona;
  • tewe, parlata in Mozambico da circa 250.000 persone e a volte considerata un dialetto del manyika;[6]
  • tawara, del Mozambico (60.000 parlanti);[7]
  • kalanga, circa 850.000 parlanti in Zimbabwe e Botswana;[8]
  • nambya, circa 100.000 parlanti in Zimbabwe;[9]
  • dema, con solo 5.000 parlanti in Mozambico.[10]

Secondo alcuni studiosi, l'intero insieme delle lingue shona (con l'eccezione della lingua kalanga) sarebbe da considerare un'unica lingua con numerosi dialetti.[11] La lingua shona così considerata sarebbe, con più di 15 milioni di parlanti, la maggiore lingua bantu per numero di locutori madrelingua.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue shona vengono indicate con il codice S.10 nella classificazione delle lingue bantu.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]