Lingue luzon settentrionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lingue Luzon settentrionali
Parlato inFilippine
Parlato inCordigliera centrale (Luzon)
Tassonomia
FilogenesiLingue austronesiane
 Lingue maleo-polinesiache
  Lingue filippine
Northern Luzon languages.png
Areale in cui sono parlate le lingue luzon Centrali (secondo Ethnologue).

Le lingue luzon settentrionali o lingue della cordigliera, sono un sotto-gruppo delle Lingue filippine, uno dei raggruppamenti del ramo maleo-polinesiaco della famiglia linguistica delle Lingue austronesiane.

Queste lingue sono parlate nelle Filippine, in particolare la lingua ilocana è la terza lingua più parlata di tutto l'arcipelago..

Classificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione secondo Blust[modifica | modifica wikitesto]

Blust (1991) classifica all'interno del gruppo luçon settentrionale, sei gruppi di lingue. La loro composizione è la seguente[1] :

  • Lingue luzon settentrionali, stricto sensu:
  • Lingue della cordigliera settentrionale
    • paranan
    • agta di Casiguran Dumagat
    • agta di Cagayan oriental
    • agta di Cagayan central
    • atta
    • ga'dang o gaddang
    • ibanag
    • malaweg
    • isneg ou isnag
    • itawis
    • yogad
  • Alta del Nord
  • Alta del Sud
  • Lingue della cordigliera centrale
    • isinai
    • kalinga
    • kalinga di Guinaang
    • kalinga di Limos
    • kalingan dell'alto Tanudan
    • itneg
    • balangaw
    • ifugao di Batad
    • ifugao di kiangan
    • kankanay del Nord
    • bontok oriental
    • bontok di Guinaang
    • bontok di Tukukan
    • bontok die Talubin
  • Lingue della cordigliera meridionale
    • ilongot
    • pangasinan
    • karao o karaw
    • ibaloy o inibaloi
    • kallahan di kayapa
    • kallahan keley-i
    • kallahan di tinoc

Classificazione secondo Ethnologue[modifica | modifica wikitesto]

Ethnologue.com. 18a edizione (2015), da per il gruppo la seguente classificazione[2]: Il numero rappresenta quante lingue formino il sottogruppo. [tra parentesi il codice ISO 639-3.]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classificazione di Robert Blust (1991), in Liao, 2008, p. 21-22.
  2. ^ Copia archiviata, su ethnologue.com. URL consultato l'8 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Liao, Hsiu-Chan, A Typology of First Person Dual pronouns and their Reconstructibility in Philippine Languages, Oceanic Linguistics, 47:1, pp. 1-29, 2008.
  • Nordhoff, Sebastian; Hammarström, Harald; Forkel, Robert, "Northern Luzon". Glottolog. Leipzig: Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Haspelmath, Martin, eds. (2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]