Lingue fur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lingue fur
Parlato inSudan
Ciad
Locutori
Totale800.000
Tassonomia
FilogenesiLingue nilo-sahariane
Codici di classificazione
ISO 639-3fvr (EN)
Glottologfurr1244 (EN)

Le lingue Fur costituiscono un piccolo gruppo della famiglia linguistica Nilo-Sahariana. Il gruppo è stato proposto per sistemare due lingue vicine all'interno della famiglia linguistica, ma non tutti i linguisti l'hanno accettato e quindi l'esistenza è controversa.

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua fur[modifica | modifica wikitesto]

Zona in cui si parla il Fur (in arancione).

La lingua fur [Codice ISO 639-3: fvr] anche noto come Fur bèle fòòr o fòòraŋ bèle, in arabo فوراوي (Fûrâwî); a volte denominata Konjara dai linguisti, dal nome di un antico clan dominante, È la lingua del popolo Fur, parlata nel Sudan occidentale, da circa 744.000 persone (2004) su 900.000 che compongono l'etnia[1]. Vi sono gruppi di locutori (stimabili in un paio di migliaia di persone) anche in Ciad. La lingua viene scritta utilizzando l'alfabeto latino.

Lingua amdang[modifica | modifica wikitesto]

Zona in cui si parla l'Amdang.

La lingua amdang [amj] o Biltine o Mimi o Mima (Endonimo: sìmí amdangtí), è la lingua della piccola etnia degli Amdang, circa 40.000 persone che vivono nella Regione di Wadi Fira, nel Ciad centro-orientale. La popolazione è completamente analfabeta, quindi la lingua non viene scritta.[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. C. Beaton. A Grammar of the Fur Language. Linguistic Monograph Series, No. 1. Khartoum: Sudan Research Unit, Faculty of Arts, University of Khartoum 1968 (1937).
  • Angelika Jakobi, A Fur Grammar. Buske Verlag: Hamburg 1989.
  • Constance Kutsch-Lojenga & Christine Waag, "The Sounds and Tones of Fur", in Occasional Papers in the Study of Sudanese Languages No. 9. Entebbe: SIL-Sudan 2004.
  • Georgianna Noel, An Examination of the Tone System of Fur and its Function in Grammar, University of Texas at Arlington, 2008.
  • Paul Doornbos & M. Lionel Bender. 1983. "Languages of Wadai-Darfur", in ed. M. Lionel Bender, Nilo-Saharan Language Studies, African Studies Center, Michigan State University
  • Joseph Greenberg. 1972. "On the identity of Jungraithmayr's Mimi", Africana Marburgensia 5.2: 45-49. Mouton, The Hague.
  • H. Jungraithmayr. 1971. "How many Mimi Languages are there?", Africana Marburgensia 4.2: 62-69.
  • A. N. Tucker and M. A. Bryan. 1956. The Non-Bantu Languages of North-Eastern Africa. International African Institute, Oxford University Press.
  • H. MacMichael. 1967 (1922). A History of the Arabs in the Sudan. Barnes and Noble, New York.
  • H. Carbou. 1912. La Région du Tchad et du Ouadai. Leroux, Paris.
  • M. Gaudefroy-Demombynes. 1907. Documents sur Les Langues de l'Oubangui–Chari, Actes du XIVe Congres des Orientalistes (Alger 1905). Paris.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]