Lingue dardiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lingue dardiche
Parlato in Afghanistan, India, Pakistan
Locutori
Totale 6,9 milioni
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue indoiraniche
  Lingue indoarie
   Zona nord-occidentale
    Lingue dardiche

Le lingue dardiche[1] sono lingue della zona nord-occidentale delle lingue indoarie parlate in Asia meridionale.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'edizione 2009 di Ethnologue, le lingue dardiche sono parlate da circa 6,9 milioni di persone stanziate tra Afghanistan, India e Pakistan. Delle lingue dardiche, di gran lunga la più importante è la lingua kashmiri, parlata da circa 5 milioni e mezzo di persone. Altre lingue con un significativo numero di parlanti sono la lingua shina (500.000 parlanti), la lingua khowar o chitrali (300.000 parlanti), la lingua indo-kohistani (220.000 parlanti), le lingue pashai (110.000 parlanti).[2]

La lingua wotapuri-katarqalai è considerata estinta.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue le lingue dardiche comprendono i seguenti idiomi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Pierpaolo Di Carlo, I kalasha del Hindu Kush: ricerche linguistiche e antropologiche, Firenze, Firenze University Press, 2010, ISBN 8884538610.
  2. ^ Secondo Ernst Kausen, Die indogermanische Sprachen, Buske, Hamburg, 2012, p. 566.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4088896-4
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica