Lingua sona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sona
Creato da Kenneth Searight nel 1935
Locutori
Tassonomia
Filogenesi Lingue pianificate
 Lingue ausiliarie
  Sona
Codici di classificazione
ISO 639-2 art

Il Sona è una lingua ausiliaria internazionale creata da Kenneth Searight e descritta in un libro da lui pubblicato nel 1935. Il suo nome in Sona significa "pensiero ausiliario neutrale", e fu scelto per la sua somiglianza alle parole "sonorità" e "suono".

Searight creò il Sona in risposta alle altre lingue ausiliarie artificiali del suo tempo. Secondo lui l'Esperanto era troppo eurocentrico, mentre le lingue a priori come il Solresol erano del tutto inattuabili. Per queste ragioni Searight prese ispirazione da molti linguaggi diversi, soprattutto Inglese e Cinese, e generò la sua lingua eclettica, ma assai regolare e logica.

Il Sona è una lingua agglutinante con una forte tendenza all'isolamento. Fa uso di 375 radicali o radici, basate sui termini originali del thesaurus di Roget. Le idee e frasi vengono composte tramite la giustapposizione di radicali. (Es: ra "uomo" + ko "piccolo" (diminutivo) = rako "bambino")

Il libro di Searight, Sona, un linguaggio ausiliario neutrale (Titolo originale: Sona; an auxiliary neutral language, Londra, K. Paul, Trench, Trubner & Co., Ltd., 1935, LCCN: 35016722) è il solo esempio di questa lingua. Esiste una piccola comunità in Internet interessata a far rivivere ed usare il Sona.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lingue artificiali Portale Lingue artificiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingue artificiali