Lingua kongo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kikongo (Kikongo)
Parlato in Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Angola
Persone 7 milioni
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue niger-kordofaniane
 Congo-atlantico
  Volta-congo
   Benue-congo
    Bantoidi
     Meridionali
      Stretto bantu
       Centrali
        H
         Kikongo
Statuto ufficiale
Nazioni RD del Congo RD del Congo
Rep. del Congo Rep. del Congo
Angola Angola
Codici di classificazione
ISO 639-1 kg
ISO 639-2 kon
ISO 639-3 kon  (EN)

Il Kikongo, o lingua Kongo, è la lingua bantu parlata dalle popolazioni Bakongo e Bandundu che vivono nelle foreste tropicali della Repubblica Democratica del Congo, della Repubblica del Congo e dell'Angola.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una lingua tonale ed è la lingua da cui sono derivate il Kituba, una lingua Bantu creola e la lingua franca diffusa nell'Africa centro-occidentale. Era parlata da molti di quelli che furono catturati e venduti come schiavi nelle Americhe.

Per questa ragione, oltre ad essere parlata nelle regioni precedentemente menzionate, forme creolizzate della lingua sono ritrovate nei discorsi rituali delle religioni provenienti dall'Africa in Brasile, Giamaica, Cuba e soprattutto ad Haiti. È anche l'origine della lingua parlata dai Gullah e dai creoli Palenquero in Colombia.

La maggior parte di quelli che parlano il Kikongo vivono in Africa. Ci sono circa sette milioni di persone che parlano il Kikongo, ed altri due milioni che lo usano come seconda lingua.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]