Lingua kinyarwanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kinyarwanda
Ikinyarwanda
Parlato in Ruanda, Uganda, Repubblica Democratica del Congo
Locutori
Totale 7,5 milioni
Altre informazioni
Scrittura alfabeto latino
Tipo SVO
Tassonomia
Filogenesi Lingue niger-kordofaniane
 Lingue congo-atlantiche
  Lingue volta-congo
   Lingue benue-congo
    Lingue bantoidi
     Lingue bantoidi meridionali
      Lingue bantu
       Lingue bantu centrali
        Lingue bantu J
         Lingue rwanda-rundi
Statuto ufficiale
Ufficiale in Ruanda
Codici di classificazione
ISO 639-1 rw
ISO 639-2 kin
ISO 639-3 kin (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Ingingo ya 1.

Abantu bose bavuka aliko bakwiye agaciro no kwubahwa kimwe. Bose bavukana ubwenge n'umutima, bagomba kugilirana kivandimwe.

La lingua kinyarwanda, chiamata anche ikinyarwanda, orunyarwanda, ruanda, rwanda o urunyaruanda, è una lingua rwanda-rundi parlata in Ruanda, e nei territori confinanti di Uganda e Repubblica Democratica del Congo.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'edizione 2009 di Ethnologue, il kinyarwanda è parlato complessivamente da 7,5 milioni di persone. La maggior parte dei locutori, circa 6,5 milioni, è concentrata in Ruanda. La lingua è inoltre parlata in Uganda da 764.000 persone, stanziate nei distretti più meridionali della Regione occidentale, e da 250.000 persone nella Repubblica Democratica del Congo, nella provincia del Kivu Nord.

Lingua ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Il kinyarwanda è lingua ufficiale del Ruanda.[1]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'edizione 2009 di Ethnologue, la classificazione della lingua kinyarwanda (o rwanda) è la seguente:

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Il kinyarwanda è una lingua Soggetto Verbo Oggetto.

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Per la scrittura viene utilizzato l'alfabeto latino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rwanda in The World Factbook, Central Intelligence Agency. URL consultato il 18-01-2013.