Lingua cheke holo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cheke holo
Regioni Isole Salomone
Locutori
Totale 10 800 (1999) [1]
Tassonomia
Filogenesi Lingue austronesiane
 Lingue maleo-polinesiache
  Lingue oceaniche
   Lingue meso-melanesiane
Codici di classificazione
ISO 639-3 mnr (EN)
Glottolog chek1238 (EN)

Il cheke holo è una lingua oceanica parlata da un consistente gruppo di abitanti della parte occidentale dell'isola Santa Isabel (Isole Salomone).

Fonologia[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema fonologico consonantico del cheke holo presenta delle peculiarità, condivise con altre lingue di Santa Isabel, tra cui la presenza di occlusive aspirate e sonoranti sorde. Il sistema vocalico, composto da cinque membri, è invece più conforme a quello prototipico di tutta l'area oceanica.[2]

Fonemi consonantici
Labiale Alveolare Palatale Velare Glottidale
Occlusive sorde p t k ʔ
aspirate
sonore b d g
Fricative f v s z ɣ ɣʱ
Nasali m m̥ n n̥ ɲ ɲ̊ ŋ ŋ̊
Vibranti r r̥
Laterali l l̥
Fonemi vocalici
Anteriore Centrale Posteriore
Alte i u
Medie e o
Basse a

Morfosintassi[modifica | modifica wikitesto]

Il cheke holo ha come ordine pragmaticamente neutro l'ordine VSO, ma anche gli ordini SVO, OVS e VOS sono attestati.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cheke holo in Ethnologue.
  2. ^ White et al. 1988.
  3. ^ Palmer 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Juliette Blevins, A note on reduplication in Bugotu and Cheke Holo in Oceanic Linguistics, 42(2), 2003, pp. 499–505.
  • Freddy Boswell, The genres of "shouted speech" in Cheke Holo in Australian Journal of Linguistics, 22(1), 2002, pp. 35–43.
  • Bill Palmer, Clause order and information structure in Cheke Holo in Oceanic Linguistics, 48(1), 2009, pp. 213–249.
  • Geoffrey White, Francis Kokhonigita e Hugh Pulomana, Cheke Holo (Maringe/Hograno) dictionary, Pacific Linguistics Australian National University, 1988.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]