Lingua chagatai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua chagatai
Parlato in Asia centrale
Periodo fino al XX secolo
Locutori
Classifica estinta
Tassonomia
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue turche
Codici di classificazione
ISO 639-2 chg
ISO 639-3 chg (EN)

La lingua chagatai (جغتای Jaġatāy uzbeco: چەغەتاي Chag'atoy; mongolo: ᠲᠰᠠᠭᠠᠳᠠᠢ Chagadai; uiguro: چاغاتاي Chāghātāy; turco: Çağatayca) è una lingua turca estinta parlata un tempo nell'Asia centrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Chagatai proviene dal Khanato Chagatai, un impero successore dell'Impero Mongolo, che fu lasciato da Genghis Khan al suo secondo figlio: Khan Chagatai. Molti dei turchi chagatai e tatari parlavano la lingua chagatai, e si dichiaravano discendenti del khan Chagatai.

Fu parlata anche dai primi regnanti dell'Impero Moghul nel subcontinente indiano, dove influenzà lo sviluppo della lingua indostana. Ali-Shir Nava'i fu il più grande rappresentante della letteratura chagatai.

I primi sviluppi di questa lingua sono talvolta conosciuti come Turco medio o anche semplicemente Turki.

La tradizione russa chiama questa lingua antico uzbeco.

Rimase la lingua letteraria condivisa fino all'inizio del XX secolo[1].

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua chagatai è la seguente:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert McHenry (a cura di), Navā’ī, (Mir) ‘Alī Shīr in Encyclopædia Britannica, vol. 8, 15th, Chicago, Encyclopædia Britannica, Inc, 1993.
  2. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Chagatai in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]