Linea Morice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Linea Morice
Ligne Morice
Ligne Morice.jpg
Tracciato della linea Morice
Localizzazione
StatoFrancia Francia
Stato attualeAlgeria Algeria
Informazioni generali
TipoLinea fortificata
Costruzioneluglio-settembre 1957-1959
Condizione attualeabbandono
Informazioni militari
UtilizzatoreFrancia Francia
Funzione strategicaProtezione della frontiera dell'Algeria francese durante la guerra d'Algeria.
Termine funzione strategica1962, dopo la fine della guerra d'Algeria
Armamentomine, elettricità
Comandanti storicigenerale Jean-Louis Georgelin
OccupantiEsercito francese
Azioni di guerrabattaglia delle Frontiere, guerra d'Algeria
NB: note inserite nel corpo del testo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La linea Morice era una linea di difesa realizzata durante la guerra d'Algeria, dal luglio a settembre 1957 e poi terminata con ulteriori strumenti difensivi nel 1959. Deve il suo nome a André Morice, allora ministro francese della Difesa.

Tracciato[modifica | modifica wikitesto]

Pattuglia francese lungo la linea Morice a Souk Ahras.

La linea Morice si snodava lungo la frontiera fra Algeria e Tunisia, sulla lunghezza di 460 km, per tagliare i collegamenti fra i combattenti dell'Armata di Liberazione Nazionale e le loro basi all'estero. È stata la prima fra le linee di difesa francesi nella battaglia delle Frontiere (settembre 1957 – marzo 1958).

La linea era costituita da uno sbarramento di filo spinato, sensori e campi minati che copriva l'intera frontiera con la Tunisia, dove erano collocati i principali campi d'addestramento dell'ALN, ed era pattugliato giorno e notte dalle unità meccanizzate ed aeromobili francesi e della Legione[1]. Una linea elettrica alta 2,5 m correva al centro dell'intera linea Morice con una tensione di 5 000 volt. Un campo minato si estendeva per 45 m su ogni lato della linea. Il lato algerino aveva un cammino di ronda[2].

La linea Morice è stata in parte raddoppiata dalla linea Challe nel 1959.

Mine[modifica | modifica wikitesto]

Si stima che varie centinaia di migliaia di mine attive restino sul terreno, su un totale di circa 11 milioni piazzate dall'esercito francese sull'intero territorio algerino. Queste mine sono tuttora causa di incidenti gravi fra la popolazione locale[3]. Nell'ottobre 2007 il generale Jean-Louis Georgelin, capo di stato maggiore dell'esercito francese durante la guerra d'Algeria, ha consegnato in una cerimonia ufficiale al suo omologo algerino, il generale di corpo d'armata Ahmed Gaïd Salah, i piani della distribuzione delle mine piazzate lungo le linee Challe e Morice fra il 1956 e il 1959.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mike Chappell e Martin Windrow, La Legione straniera francese dal 1945, Osprey Publishing, 1998, p. 23, ISBN 84-7838-999-7.
  2. ^ (EN) The History of Fortification Chicago, St. Martin's Press, 1981.
  3. ^ (FR) En Algérie, des mines françaises explosent encore, su Big Browser, Le Monde. URL consultato il 5 gennaio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra