Linea M4 (metropolitana di Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Linea M4
Logo
Logo
Treno M4 in arrivo a Dateo, 2022.jpg
Un convoglio Metropolitana driverless Hitachi Rail Italy in arrivo alla stazione di Dateo il giorno dell'inaugurazione della linea
ReteMetropolitana di Milano
StatoItalia Italia
CittàMilano
Apertura2022
GestoreATM
Sito webwww.metro4milano.it/
Caratteristiche
Stazioni6 (+15 in costruzione)
Lunghezza5,1 + 10,1 in costruzione + 3,1 in progettazione km
Distanza media
tra stazioni
723 m
Trazione750 V CC (terza rotaia)
Scartamento1,435 mm
Materiale rotabileMetropolitana driverless Hitachi Rail Italy Serie 4400
Mappa della linea
pianta
pianta

La linea M4 è una linea della metropolitana di Milano. Collega il capolinea provvisorio di Dateo (ubicato nella parte est della circonvallazione esterna di Milano, con interscambio diretto con la stazione di Milano Dateo) con il capolinea di Linate Aeroporto. Una volta ultimata, la linea si estenderà verso la zona sud-ovest della città, con capolinea a San Cristoforo FS (nel comune di Milano).

Ricade per intero nell'area tariffaria urbana di Milano, compreso il capolinea di Linate Aeroporto, che risulta geograficamente sito nel territorio comunale di Segrate.[1]

La M4 è anche chiamata linea blu: con tale colore è identificata nelle mappe e il blu è il colore principale utilizzato nell'arredo delle stazioni e dei treni.[2]

Quinta linea di metropolitana a essere costruita a Milano, incrocerà la linea M1 nella stazione di San Babila e la linea M2 nella stazione di Sant'Ambrogio.[3] Il 7 settembre 2016, in seguito a una petizione da parte dei cittadini, il comune di Milano aveva inizialmente annunciato la costruzione di un sottopassaggio pedonale per collegare la stazione Sforza-Policlinico della linea 4 alla stazione Missori della linea M3;[4][5] tuttavia si è poi optato nel progetto finale per un collegamento in superficie, sfruttando la pedonalizzazione dell'area.[6] La M4 attualmente incrocia anche alcune linee della rete suburbana nelle stazioni di Dateo e Forlanini, e, una volta ultimata, otterrà un altro interscambio con la rete ferroviaria nella stazione di San Cristoforo.[7]

L'apertura è in corso a scaglioni, a partire dal 26 novembre 2022 fino all'ottobre 2024.[8]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Progettazione[modifica | modifica wikitesto]

Benché l'istruttoria del progetto della linea 4 fosse stata completata già nel 2005, quando il Comune di Milano era guidato dal sindaco Gabriele Albertini, il riacquisto da parte della giunta comunale successiva, quella di Letizia Moratti, delle obbligazioni e del controllo di A2A ha impedito il finanziamento del progetto, che è stato rimandato a più riprese.[9] Nell'agosto 2008 sono iniziati gli scavi per le indagini archeologiche preliminari alla stesura del progetto esecutivo su alcune vie della cerchia dei navigli, in piazza San Babila e largo Augusto.[10]

Il 19 novembre 2010 la giunta del comune di Milano ha approvato lo stanziamento di 400 milioni di euro da parte del comune, su un importo complessivo di 1699 milioni. La quota restante sarà a carico dello Stato per 786 milioni e di privati per 513 milioni.[11] L'appalto è stato assegnato all'inizio del 2011, con il metodo della finanza di progetto, alla cordata di imprese guidata da Impregilo[12], con a capo l'imprenditore Salvatore Ligresti.[13]

Nei piani iniziali si prevedeva la consegna di tutta la linea da San Cristoforo FS a Linate Aeroporto per il 2015, salvo ritardi causati in parte dal ricorso della cordata guidata dall'Impresa Pizzarotti & C.[14][15] In seguito, anche l'idea di arrivare a costruire la tratta San Babila - Linate Aeroporto entro il 2015 fu abbandonata.[16]

Il verbale firmato 6 marzo 2012 sanciva l'obiettivo definitivo: una prima tratta di tre stazioni da aprire entro l'Expo 2015. Si trattava delle tre fermate di Linate Aeroporto, Repetti (inizialmente denominata Quartiere Forlanini) e Forlanini FS. Presso quest'ultima sarebbe stata realizzata una nuova fermata di interconnessione col passante ferroviario di Milano[17][18] e la linea di cintura est, da cui fare passare le linee S5, S6, S9.[14]

Anche la realizzazione delle prime tre fermate è stata in seguito posticipata a causa di un braccio di ferro tra le imprese di costruzione, che chiedevano 70 milioni di euro per la tratta, e il Comune, il quale si dichiarava disposto a spenderne non più di 50.[19] Il 23 aprile 2012 la giunta comunale approvò uno stanziamento di ulteriori 50 milioni di euro per la realizzazione del primo tratto da Linate Aeroporto a Forlanini FS[20] entro il 30 aprile 2015, in tempo per l'Expo 2015.[21] Nel tentativo di mantenere l'obiettivo, si prevedeva la possibilità che fosse "sacrificata" la fermata Quartiere Forlanini (rimandata a dopo l'Expo 2015) in favore del completamento di Stazione Forlanini e Linate Aeroporto.[22]

La giunta del sindaco Giuliano Pisapia aveva inizialmente promesso l'inaugurazione della linea entro il 2017, tuttavia nel bilancio previsionale diffuso a giugno 2012 l'apertura viene fatta slittare al primo quadrimestre 2018.[22]

Il 28 dicembre 2014 la giunta Pisapia ha definitivamente escluso ogni ipotesi di apertura nel 2015 delle prime fermate della M4 ed ha istituito per l'Expo un servizio navetta basato su autobus, deliberando inoltre una variante nelle tempistiche del progetto e ripianificando l'apertura dell'intera linea nel 2022.[23][24]

Il 2 giugno 2018 il Comune ha rivisto le date di apertura, collocandole tra il 2021 per la "tratta Expo" e il 2023 per l'apertura dell'intera linea.[25]

Il 20 luglio 2019 è stato calato in galleria il primo convoglio della M4 alla stazione di Linate Aeroporto, con la presenza del sindaco Giuseppe Sala, e sono state fatte delle corse di prova tra Linate e Forlanini FS.

Il 23 marzo 2021 le date dell'inaugurazione della tratta ovest sono state ulteriormente posticipate, in un periodo dal 2023 al 2024, per ritardi dovuti alla pandemia di COVID-19 e a ritrovamenti archeologici.[26][27]

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

La talpa meccanica utilizzata a Linate nel marzo 2014

Il 7 marzo 2012 sono state consegnate le aree per un successivo inizio dei lavori al Consorzio MM4, costituito tra i soci costruttori della M4,[28] e il 28 maggio è iniziata la prima fase dei lavori, che prevedeva la demolizione del parcheggio di Linate, la bonifica del territorio, il dissotterramento dei residuati bellici, l'indagine archeologica[29] e che si è conclusa il successivo 17 luglio.[30] I lavori veri e propri per le prime 3 fermate, Stazione Forlanini, Repetti[31] e Linate Aeroporto, cioè la seconda fase, sono ufficialmente partiti il 19 luglio 2012, con la modifica della viabilità nelle vie interessate.[32]

Il 19 gennaio 2015 sono cominciati i lavori preliminari per le quattro stazioni della tratta tra Forlanini FS e Tricolore,[33] che hanno riguardato la posa delle recinzioni, il taglio o il trapianto di alcuni alberi che ostacolavano lo scavo e lo spostamento di alcuni sottoservizi.[34]

I lavori per la restante tratta sono iniziati in due fasi distinte:

  • 1º febbraio 2015: tratta San Cristoforo FS - Coni Zugna;[31][35]
  • 2 novembre 2015: tratta centrale Coni Zugna - Tricolore i cui lavori sono stati ritardati per non causare interferenze durante l'Expo 2015.

Apertura[modifica | modifica wikitesto]

Tratta o stazione Stato Inaugurazione Lunghezza Stazioni Completamento
Linate Aeroporto - Dateo[36] completata 26 novembre 2022 5,7 km 6 6 su 21
Dateo - San Babila in costruzione giugno 2023[8] 1,6 km 2 8 su 21
San Babila - San Cristoforo FS in costruzione ottobre 2024[8] 7,7 km 13 21 su 21

Possibili estensioni[modifica | modifica wikitesto]

Tratta Stato Inaugurazione Lunghezza Stazioni
Linate Aeroporto - Segrate finanziato[37] 2026 3,1 km[38] 2
San Cristoforo FS - Corsico/Buccinasco allo studio non prevista 4 km da definire

Il 30 marzo 2022 il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili annuncia un finanziamento da 420 milioni di euro per realizzare un prolungamento della metropolitana oltre la fermata di Linate Aeroporto, con due nuove stazioni: Idroscalo-San Felice e il nuovo capolinea Segrate Porta Est.[39] Quest'ultima stazione sarà dotata di interscambio con la futura stazione ferroviaria di Segrate Porta Est della linea ad alta velocità Milano-Verona e collegherà il centro urbano di Milano al nuovo centro commerciale del gruppo Westfield.[40]

Una richiesta presentata ai vari enti legati alla realizzazione della linea prevedrebbe, in futuro, il prolungamento della M4 fino al comune di Buccinasco,[41] situato sulla sponda opposta del Naviglio rispetto al previsto capolinea di San Cristoforo.

Consorzio e costi[modifica | modifica wikitesto]

Il costo complessivo della linea sarà sostenuto per il 67% circa da fondi pubblici e per il 33% da privati, con la costituzione della società mista SPV Linea M4 Spa, formata nel luglio 2012[42] e presieduta da Fabio Terragni.[43]

I soci della M4 S.p.A. (per esteso SPV Linea M4 S.p.A.), sono:

Per l'esecuzione delle opere, l'8 marzo 2012 i Soci Costruttori hanno costituito il Consorzio MM4, titolare del contratto epc, attualmente presieduto da Guido Mannella.

Il 15 giugno 2013 il governo Letta ha finanziato il progetto con 200 milioni di euro, stanziati all'interno del cosiddetto "decreto del fare".[44]

Il costo complessivo è di 1,8 miliardi di euro, di cui 958 milioni di euro dello Stato, 461 dei privati e 400 del Comune di Milano.[45]

Il 30 marzo 2022 il governo Draghi finanzia con 420 milioni di euro l'estensione della linea fino a Segrate.[46]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Schema della linea
Schema della linea

La linea è a guida completamente automatica e dotata di porte di banchina; il sistema è concepito per essere analogo a quello della M5, cioè con tutto il sistema controllato da un unico centro operativo, situato presso il deposito, oltre la stazione di San Cristoforo FS. Le banchine sono lunghe 50 m, come quelle della linea M5 e sensibilmente più corte di quelle delle prime tre linee (110 m). A regime, la frequenza dei treni (90 secondi riducibili fino a 75) dovrà garantire portate orarie di 24-28.000 passeggeri/ora per direzione. Sono previste vie di corsa con gallerie a binario singolo e, per rendere minimo l'impatto dei cantieri nel centro della città, tra San Babila e Sant'Ambrogio anche le banchine saranno realizzate all'interno del tunnel, che sarà di 3 metri più largo. La trazione è elettrica in corrente continua alla tensione di 750 V mediante terza rotaia, come nelle linee M1 ed M5. Oltre alle 21 stazioni della tratta, si prevede di realizzare anche un deposito-officina sopraelevato situato tra la via Morandi e lo scolmatore Olona.[47][48]

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

La linea, a regime, disporrà di 47 convogli del tipo metropolitana driverless Hitachi Rail Italy, bidirezionali e composti da quattro casse intercomunicanti. Il treno è stato sviluppato originariamente da AnsaldoBreda ed è già utilizzato in 21 esemplari, in una variante di dimensioni leggermente ridotte, sulla linea M5.[7][49]

In particolare, i convogli hanno una larghezza di 2,85 m e una lunghezza di 50,9 m, e possono raggiungere una velocità massima di 80 km/h. La capacità nominale è di 600 passeggeri.[50] Il design dei treni fu originariamente realizzato in collaborazione con Giugiaro per la metropolitana di Copenaghen.[51]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M4: informazioni sul servizio passeggeri, su www.atm.it. URL consultato il 26 novembre 2022.
  2. ^ Linea 4, su metropolitanamilanese.it. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  3. ^ Stazioni di interscambio, su metro4milano.it. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  4. ^ Redazione, Da Missori al Policlinico un tunnel pedonale per l'interscambio M3-M4, su MilanoToday. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  5. ^ Stazione Sforza Policlinico – Metro 4 – La linea Blu di Milano, su www.metro4milano.it. URL consultato l'11 novembre 2022.
  6. ^ Roberto Arsuffi, Milano - Centro Storico – Collegamento M3-M4: 9 minuti a piedi e all'aperto, su Urbanfile Blog, 28 gennaio 2021. URL consultato il 26 novembre 2022.
  7. ^ a b Tracciato – Metro 4 – La linea Blu di Milano, su metro4milano.it. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  8. ^ a b c Redazione, Milano: inaugurata linea M4 della metropolitana, su RaiNews, 26 novembre 2022. URL consultato il 26 novembre 2022.
  9. ^ Gianni Santucci e Armando Stella, Metrò 4, pronti i cantieri, su milano.corriere.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  10. ^ IMPOSSIBILE REALIZZARE LA MM4 ENTRO IL 2015 su Marco Zio BLOG, su blog.libero.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  11. ^ Home Page, su Portale del Comune di Milano. URL consultato il 29 agosto 2016.
  12. ^ Armando Stella, Metrò 4, aprono i cantieri, in Corriere.it, 10 maggio 2011. URL consultato il 2 settembre 2011.
  13. ^ Laura Fugnoli, Il Comune assegna a Ligresti i lavori per la linea 4 del metrò, in repubblica.it, 28 maggio 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  14. ^ a b 7giorni, MM4. Ecco la presentazione della nuova Linea blu, su 7giorni.info. URL consultato il 29 agosto 2016.
  15. ^ Milano M4 Linate-Forlanini FS – Tar: «Metrò 4, gare regolari». Via ai cantieri, su Il Blog di Deamaltea Formazione e Energie Sostenibili, 25 gennaio 2012. URL consultato il 29 agosto 2016.
  16. ^ Il metrò 4 è sempre più corto si fermerà a Linate-Forlanini - Milano - Repubblica.it, su milano.repubblica.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  17. ^ il Giornale, Metro 4 dei desideri: per Expo il capolinea non arriverà a Linate, in ilgiornale.it, 21 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  18. ^ Gianni Santucci e Armando Stella, Tar: «Metrò 4, gare regolari». Via ai cantieri, in corriere.it, 21 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  19. ^ La Linea 4 della metropolitana è a rischio?, su 02blog.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  20. ^ Milano, per la M4 50 milioni in più per arrivare a Forlanini in tempo per l'Expo, su agenord.it, Agenord, 23 aprile 2012. URL consultato il 24 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2015).
  21. ^ Home Page, su Portale del Comune di Milano. URL consultato il 29 agosto 2016.
  22. ^ a b Niente metrò 4 fino al 2018 e per Expo solo due stazioni - Milano - Repubblica.it, su milano.repubblica.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  23. ^ Quando sarà pronta la Linea M4?, su metro4milano.it. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  24. ^ Via libera alla M4, progetto ritoccato, ma l'assessore al Bilancio si dissocia (PDF), su metropolitanamilanese.it, La Repubblica, 29 dicembre 2014. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  25. ^ Ecco quanto costa e quando apriranno le varie fermate della linea blu di Milano, la metro M4, in MilanoToday. URL consultato il 2 giugno 2018.
  26. ^ L'apertura della linea M4 a Milano slitta per ritrovamenti archeologici (e covid), su MilanoToday. URL consultato il 21 maggio 2021.
  27. ^ Redazione, Milano, metrò M4: slitta al 2024 l’apertura della tratta San Babila-San Cristoforo, su Corriere della Sera, 23 marzo 2021. URL consultato il 21 maggio 2021.
  28. ^ Home Page, su Portale del Comune di Milano. URL consultato il 29 agosto 2016.
  29. ^ 7Giorni | Sono finalmente partiti i lavori di realizzazione della linea 4 della metropolitana milanese | il giornale gratuito del Sud Est Milano Archiviato il 3 maggio 2014 in Internet Archive.
  30. ^ l1040424.jpg - Click to see more photos, su ImageShack. URL consultato il 29 agosto 2016.
  31. ^ a b Schema Rete Metro (JPG), su ATM Milano.
  32. ^ Milano: al via lavori in zona Forlanini per costruzione M4, su liberoquotidiano.it. URL consultato il 29 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  33. ^ Paola D’Amico, M4, cantieri aperti nella zona Est Dateo, la talpa scaverà fino a 30 metri, in Corriere della Sera, 19 gennaio 2015. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  34. ^ Online le informazioni sull'apertura dei primi cantieri lungo l'asse Tricolore Argonne, su metro4milano.it, 16 gennaio 2015. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  35. ^ M4, si punta sulla «velocità» dal 19 gennaio i nuovi cantieri, in Corriere della Sera, 9 gennaio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  36. ^ webuild, su metrom4.webuildgroup.com. URL consultato il 25 novembre 2022.
  37. ^ Fabio Savelli, Le nuove metropolitane: ci sono 4,8 miliardi per le grandi città. Da Roma a Milano, tutti i progetti, su Corriere della Sera, 4 aprile 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
  38. ^ Redazione, La metropolitana a Segrate è più vicina. Due stazioni: Idroscalo e Porta Est, su Giornale di Segrate, 17 dicembre 2021. URL consultato il 4 aprile 2022.
  39. ^ Milano | Trasporti - Dal Governo 732 milioni per potenziare le metropolitane, su Urbanfile Blog, 31 marzo 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
  40. ^ Milano: Segrate - M4 verso Est con due fermate, su Urbanfile Blog, 17 dicembre 2021. URL consultato il 4 aprile 2022.
  41. ^ M4, Buccinasco unanime: "Vogliamo il capolinea del metrò", in MilanoToday. URL consultato il 26 settembre 2018.
  42. ^ Metropolitana linea 4, via libera del Consiglio di Stato al consorzio che gestirà i lavori, su milano.corriere.it. URL consultato il 29 agosto 2016.
  43. ^ Nuove nomine a Milano - La Carriera Rosa - La Carriera Rosa Archiviato il 3 agosto 2012 in Internet Archive.
  44. ^ Metro 4, via libera al progetto definitivo, su milano.mentelocale.it, mentelocale.it, 24 giugno 2013. URL consultato il 24 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2013).
  45. ^ La Giunta approva delibera per M4, su comune.milano.it. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  46. ^ Mobilità sostenibile: oltre 4,7 mld per metro e tranvie di Genova, Milano, Napoli, Roma e Torino, 1,7 mld per il miglioramento di strade provinciali e regionali, 1,9 mld per acquisto autobus a zero emissioni, su mit.gov.it.
  47. ^ Metropolitana di Milano – Linea 4, su salini-impregilo.com, Salini Impregilo. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  48. ^ Deposito San Cristoforo – Metro 4 – La linea Blu di Milano, su metro4milano.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  49. ^ Parte Metrò 4: AnsaldoBreda realizzerà i veicoli per Milano, su ansaldobreda.it, Hitachi Rail STS, 3 maggio 2012. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2012).
  50. ^ Driverless Trains - Hitachi Rail, su www.hitachirail.com. URL consultato il 2 dicembre 2022.
  51. ^ (EN) A fully automatic driverless train by Giugiaro Design, su Italdesign. URL consultato il 2 dicembre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]