Linea Lombarda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Linea Lombarda è l’espressione con cui si definisce una corrente letteraria eterogenea sviluppatasi in Lombardia e in particolare nel Milanese dalla fine del XIX secolo e fiorita durante i primi tre quarti del XX secolo.

Questo filone letterario viene così battezzato da Luciano Anceschi nella sua antologia Linea lombarda (1952), e poi approfondito da Dante Isella in I lombardi in rivolta (una raccolta di precedenti scritti pubblicata nel 1984). Giorgio Luzzi ha riattualizzato l’argomento pubblicando un ampio saggio nel 1987 (Poeti della Linea Lombarda 1952-1985) e un’opera antologica su 19 poeti nel 1989 (Poesia italiana 1941-1988: la via lombarda), nella quale anche il lavoro dei tre autori più giovani – Guido Oldani (1947-), Franco Buffoni (1948-) e Fabio Pusterla (1957-) – mostra tratti ancora riconducibili alla tradizione delineata da Anceschi.

La linea lombarda non è rappresentabile da un'unità stilistica, ma piuttosto da una comunanza di tematiche, ambientazioni e indole degli stessi autori, in cui si riunisce una Weltanschauung tipicamente lombarda. Vi sono pertanto rappresentati autori del Tardo Romanticismo, della Scapigliatura e vicini al Simbolismo, al Futurismo e al Realismo magico.

Si deve registrare che negli anni Cinquanta si costituì un circolo di scrittori, poeti e critici attinenti alla definenda Linea lombarda che si riunivano nel milanese «Blu Bar», fra i quali Vittorio Sereni e Piero Chiara.

Prima generazione[modifica | modifica wikitesto]

Seconda Generazione[modifica | modifica wikitesto]

Terza generazione[modifica | modifica wikitesto]

Quarta generazione[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Anceschi (a cura di), Linea lombarda: Sei poeti (Editi e inediti di Vittorio Sereni, Roberto Rebora, Giorgio Orelli, Nelo Risi, Renzo Modesti, Luciano Erba), Magenta, Varese 1952.
  • Dante Isella, I lombardi in rivolta: da Carlo Maria Maggi a Carlo Emilio Gadda, Einaudi, Torino 1984.
  • Giorgio Luzzi, Poeti della Linea Lombarda 1952-1985, CENS, Liscate Milano 1987.
  • Poesia italiana 1941-1988: la via lombarda. Diciannove poeti contemporanei scelti, antologizzati, introdotti da Giorgio Luzzi (I: Vittorio Sereni, Roberto Rebora, Renzo Modesti, Nelo Risi, Giorgio Orelli, Luciano Erba, Giorgio Simonotti Manacorda, Sandro Boccardi, Grytzko Mascioni; II: Giovanni Raboni, Giorgio Cesarano, Giancarlo Majorino, Lento Goffi, Tiziano Rossi, Angelo Fiocchi, Maurizio Cucchi; III: Guido Oldani, Franco Buffoni, Fabio Pusterla), Marcos y Marcos, Milano 1989. Anche in tiratura riservata a Giampiero Casagrande Editore, Lugano 1989, ISBN 88-7795-031-5.
  • Victoria Surliuga, Figure della seconda linea lombarda: l'opera poetica di Franco Loi, Giancarlo Majorino e Giampiero Neri, Diss. Rutgers University, 2003.
  • Tre note sulla Linea Lombarda analizzata da Tiziano Rossi, 26 novembre 2004 [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura