Linea 2 (metropolitana di Città del Messico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Linea 2
Logo
ReteMetropolitana di Città del Messico
StatoMessico Messico
CittàCittà del Messico
Apertura1970
Ultima estensione1984
GestoreSistema de Transporte Colectivo
Caratteristiche
Stazioni24
Lunghezza20,713 km
Distanza media
tra stazioni
36 m
Trazioneterza rotaia
Scartamento1 435 mm
Materiale rotabile45 treni NM-02 costruiti da Bombardier México nel 2004
Statistiche 2016
Passeggeri giornalieri768 292[1]
Mappa della linea
pianta
Interno di un vagone della linea 2

La linea 2 è la seconda linea della rete della Metropolitana di Città del Messico, e il colore che la identifica è l'azzurro. Percorre la città da ovest a est, per metà del suo percorso e da nord a sud nella seconda metà, cambiando direzione nel centro della città.

La linea due ha origine nella stazione Cuatro Caminos sul confine tra il Distretto Federale e lo Stato del Messico e termina nella stazione Tasqueña nel sud della città.

La linea ha una lunghezza totale di 23.431 km e conta 24 stazioni. La linea si incrocia con la Linea 7 nella stazione Tacuba, con la Linea 3 nella stazione Hidalgo, la Linea 8 nella stazione Bellas Artes, la Linea 1 nella stazione Pino Suárez e le linee 8 e 9 nella stazione Chabacano. Nella stazione Tasqueña si connette con la linea del Treno Leggero.

La linea 2 conta 45 treni NM-02 nuovi fabbricati tra il 2004 e il 2006, la linea è costruita in superficie da Tasqueña a San Antonio Abad e da Pino Suárez a Panteones, sotterranea. Cuatro Caminos è il capolinea sotterraneo.

In questa linea circolò un treno NM-02 decorato con paesaggi e immagini della città che venne chiamato "Treno della Città". Venne inaugurata il 1º agosto del 1970 da Pino Suárez a Tasqueña (funzionò parzialmente durante il campionato mondiale di calcio dello stesso anno); il 14 settembre 1970 da Pino Suárez a Tacuba e il 22 agosto 1984 da Tacuba a Cuatro Caminos.

In questa linea è avvenuto il più grave incidente della storia del sistema di trasporto di Città del Messico, quando il 20 ottobre 1975 un incidente tra due treni nella stazione Viaducto causò più di 20 morti e alcuni feriti.

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Stazione Apertura Delegazione Interscambi Tipo di stazione
Cuatro Caminos 22 agosto 1984 Naucalpan de Juárez, Messico - Sotterranea, terminale
Panteones 22 agosto 1984 Miguel Hidalgo - Sotterranea, passante
Tacuba 14 settembre 1970 Miguel Hidalgo MetroDF Linea 7.svg Sotterranea, passante
Cuitláhuac 14 settembre 1970 Miguel Hidalgo - Sotterranea, passante
Popotla 14 settembre 1970 Miguel Hidalgo - Sotterranea, passante
Colegio Militar 14 settembre 1970 Miguel Hidalgo - Sotterranea, passante
Normal 14 settembre 1970 Miguel Hidalgo - Sotterranea, passante
San Cosme 14 settembre 1970 Cuauhtémoc - Sotterranea, passante
Revolución 14 settembre 1970 Cuauhtémoc - Sotterranea, passante
Hidalgo 14 settembre 1970 Cuauhtémoc MetroDF Linea 3.svg Sotterranea, passante
Bellas Artes 14 settembre 1970 Cuauhtémoc MetroDF Linea 8.svg Sotterranea, passante
Allende 14 settembre 1970 Cuauhtémoc - Sotterranea, passante
Zócalo 14 settembre 1970 Cuauhtémoc - Sotterranea, passante
Pino Suárez 1º agosto 1970 Cuauhtémoc MetroDF Linea 1.svg Sotterranea, passante
San Antonio Abad 1º agosto 1970 Cuauhtémoc - Di superficie, passante
Chabacano 1º agosto 1970 Cuauhtémoc MetroDF Linea 8.svg MetroDF Linea 9.svg Di superficie, passante
Viaducto 1º agosto 1970 Iztacalco e Benito Juárez - Di superficie, passante
Xola 1º agosto 1970 Benito Juárez - Di superficie, passante
Villa de Cortés 1º agosto 1970 Benito Juárez - Di superficie, passante
Nativitas 1º agosto 1970 Benito Juárez - Di superficie, passante
Portales 1º agosto 1970 Benito Juárez - Di superficie, passante
Ermita 1º agosto 1970 Benito Juárez MetroDF Linea 12.svg Di superficie, passante
General Anaya 1º agosto 1970 Coyoacán - Di superficie, passante
Tasqueña 1º agosto 1970 Coyoacán - Di superficie, terminale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti