Linea 12 (metropolitana di Barcellona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
px30
Linea della metropolitana di Barcellona
Inaugurazione 2016
Gestore FGC
Materiale rotabile Series 112, 113
Scartamento 1435 mm
Trazione elettrica
Stazioni 2
Lunghezza 0,6 km
Tempo di percorrenza 2 min

La linea 12 della metropolitana di Barcellona è gestita da Ferrocarrils de la Generalitat de Catalunya (FGC) e svolge un servizio navetta tra le stazioni di Sarrià e Reina Elisenda. Il servizio opera sulla stessa tratta della linea Barcelona-Vallès e condivide l'infrastruttura con altre cinque servizi ferroviari.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

La linea 12 è lunga 0,6 km e comprende due sole stazioni.

La linea è entrata in servizio il 12 settembre 2016, in concomitanza con l'arretramento del capolinea della linea L6 alla stazione di Sarrià.[1]

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per la linea vengono usati treni delle serie 112 e 113.[2]

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le stazione di Reina Elisenda ha due marciapiedi laterali, mentre quella di Sarrià possiede anche un marciapiede centrale.[3]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1863: Inaugurazione del Ferrocarril de Barcelona a Sarrià (FBS), a scartamento largo e trazione a vapore.
  • 1874: L'azienda accumula debiti e viene assorbita dalla società Ferrocarril de Sarrià a Barcelona SA (FSB).
  • 1905: La linea viene elettrificata e convertita a scartamento standard.
  • 1912: Viene costituita la società Ferrocarrils de Catalunya SA che acquisisce FSB.
  • 1929: Interramento della linea nel tratto tra le stazioni di Plaça de Catalunya e Muntaner.
  • 1976: Realizzazione della diramazione verso Reina Elisenda.
  • 1977: In seguito a problemi economici, Ferrocarril de Sarrià a Barcelona SA cede la gestione a Ferrocarrils de Via Estreta (FEVE).
  • 1978: Lo stato trasferisce la gestione alla Generalitat de Catalunya.
  • 1979: Costituzione del servizio ferroviario pubblico della Generalitat de Catalunya, Ferrocarrils de la Generalitat de Catalunya (FGC) che diviene l'operatore della linea.
  • 1996: Entra in servizio il metro del Vallès e viene istituita la numerazione dei servizi di FGC. La diramazione verso Reina Elisenda assume la denominazione U6.
  • 2001: Entra in vigore l'integrazione tariffaria nella prima cerchia dell'area metropolitana di Barcellona.
  • 2003: La linea U6 viene rinominata in linea L6.
  • 2008: Viene annunciato il progetto di costruire una stazione di manovra dei treni in corrispondenza della stazione di Plaça de Catalunya.
  • 2011: Il nuovo governo della Generalitat de Catalunya annuncia lo studio di alternative per aumentare la frequenza di corsa dei treni e abbandona il progetto della stazione di manovra di Plaça de Catalunya.
  • 2016: Con l'istituzione della linea L12 (navetta tra le stazioni di Sarrià e Reina Elisenda), il capolinea della L6 viene spostato a Sarrià.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni della Linea 12
MBmapaestacion.png In esercizio  MBmapaestacion.png In costruzione o in progetto 
L3gris.svg MBmapainicio.png Finestrelles | Sant Joan de Déu
MBmapaestacion.png Eulàlia d'Anzizu
MBmapaestacion.png Pedralbes
FGC.svg MBmapainicio.png Reina Elisenda
FGC.svgL6 barcelona.svgL9gris.svgL10gris.svg MBmapafin.png Sarrià

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CA) Dilluns es restableix el servei de trens entre les estacions de Sarrià i Reina Elisenda (PDF), su fgc.cat, Generalitat de Catalunya-FGC, 7 settembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2016.
  2. ^ (CA) Cristina Gómez Pérez, Metodologia eficient per a representar mapes estratègics de soroll ferroviari. Aplicació a les línies de F.F.G.C. del Vallès i Baix Llobregat (PDF), Universitat Politècnica de Catalunya, novembre 2007. URL consultato il 19 agosto 2011.
  3. ^ (CA) Millora de l'accessibilitat a les estacions d'FGC[collegamento interrotto], Generalitat de Catalunya, 15 settembre 2010. URL consultato il 17 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti