Linea 12 (metropolitana di Barcellona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
px30
Metropolitana di Barcellona
Logo
Stato
CittàBarcellona
Apertura2016
GestoreFGC
Caratteristiche
Stazioni2
Lunghezza0,6 km
Tempo di percorrenza2 min
Trazioneelettrica
Scartamento1 435 mm
Materiale rotabileSeries 112, 113

La linea 12 della metropolitana di Barcellona è gestita da Ferrocarrils de la Generalitat de Catalunya (FGC) e svolge un servizio navetta tra le stazioni di Sarrià e Reina Elisenda. Il servizio opera sulla stessa tratta della linea Barcelona-Vallès e condivide l'infrastruttura con altre cinque servizi ferroviari.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

La linea 12 è lunga 0,6 km e comprende due sole stazioni.

La linea è entrata in servizio il 12 settembre 2016, in concomitanza con l'arretramento del capolinea della linea L6 alla stazione di Sarrià.[1]

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per la linea vengono usati treni delle serie 112 e 113.[2]

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le stazione di Reina Elisenda ha due marciapiedi laterali, mentre quella di Sarrià possiede anche un marciapiede centrale.[3]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1863: Inaugurazione del Ferrocarril de Barcelona a Sarrià (FBS), a scartamento largo e trazione a vapore.
  • 1874: L'azienda accumula debiti e viene assorbita dalla società Ferrocarril de Sarrià a Barcelona SA (FSB).
  • 1905: La linea viene elettrificata e convertita a scartamento standard.
  • 1912: Viene costituita la società Ferrocarrils de Catalunya SA che acquisisce FSB.
  • 1929: Interramento della linea nel tratto tra le stazioni di Plaça de Catalunya e Muntaner.
  • 1976: Realizzazione della diramazione verso Reina Elisenda.
  • 1977: In seguito a problemi economici, Ferrocarril de Sarrià a Barcelona SA cede la gestione a Ferrocarrils de Via Estreta (FEVE).
  • 1978: Lo stato trasferisce la gestione alla Generalitat de Catalunya.
  • 1979: Costituzione del servizio ferroviario pubblico della Generalitat de Catalunya, Ferrocarrils de la Generalitat de Catalunya (FGC) che diviene l'operatore della linea.
  • 1996: Entra in servizio il metro del Vallès e viene istituita la numerazione dei servizi di FGC. La diramazione verso Reina Elisenda assume la denominazione U6.
  • 2001: Entra in vigore l'integrazione tariffaria nella prima cerchia dell'area metropolitana di Barcellona.
  • 2003: La linea U6 viene rinominata in linea L6.
  • 2008: Viene annunciato il progetto di costruire una stazione di manovra dei treni in corrispondenza della stazione di Plaça de Catalunya.
  • 2011: Il nuovo governo della Generalitat de Catalunya annuncia lo studio di alternative per aumentare la frequenza di corsa dei treni e abbandona il progetto della stazione di manovra di Plaça de Catalunya.
  • 2016: Con l'istituzione della linea L12 (navetta tra le stazioni di Sarrià e Reina Elisenda), il capolinea della L6 viene spostato a Sarrià.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni della Linea 12
MBmapaestacion.png In esercizio  MBmapaestacion.png In costruzione o in progetto 
L3gris.svg MBmapainicio.png Finestrelles | Sant Joan de Déu
MBmapaestacion.png Eulàlia d'Anzizu
MBmapaestacion.png Pedralbes
FGC.svg MBmapainicio.png Reina Elisenda
FGC.svgL6 barcelona.svgL9gris.svgL10gris.svg MBmapafin.png Sarrià

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CA) Dilluns es restableix el servei de trens entre les estacions de Sarrià i Reina Elisenda (PDF), su fgc.cat, Generalitat de Catalunya-FGC, 7 settembre 2016. URL consultato il 25 novembre 2016.
  2. ^ (CA) Cristina Gómez Pérez, Metodologia eficient per a representar mapes estratègics de soroll ferroviari. Aplicació a les línies de F.F.G.C. del Vallès i Baix Llobregat (PDF), Universitat Politècnica de Catalunya, novembre 2007. URL consultato il 19 agosto 2011.
  3. ^ (CA) Millora de l'accessibilitat a les estacions d'FGC[collegamento interrotto], Generalitat de Catalunya, 15 settembre 2010. URL consultato il 17 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti