Linda Hamilton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Linda Hamilton

Linda Carroll Hamilton (Salisbury, 26 settembre 1956) è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È diventata famosa per la sua interpretazione di Sarah Connor nei primi due film della serie Terminator e per la sua performance nella parte di Catherine nella serie tv La bella e la bestia al fianco di Ron Perlman. Ha una sorella gemella identica, Leslie, che ha lavorato con lei come controfigura nel secondo film di Terminator. Sofferente di disturbo bipolare, ha deciso di rendere pubblico il suo disturbo per dare voce a coloro che soffrono di questa patologia e per incrementare la ricerca scientifica.[1][2]

Si è sposata e ha divorziato due volte (la seconda, dal 1997 al 1999 con il regista James Cameron), ed ha avuto un figlio da entrambi i matrimoni. Con James Cameron, tuttavia, la sua relazione era cominciata molto prima del loro matrimonio. I due infatti si frequentavano già dai tempi di Terminator e la loro figlia, Josephine Archer Cameron, è nata il 15 febbraio 1993. A seguito di una relazione avuta dal regista sul set di Titanic, Linda ha ottenuto il divorzio e 50 milioni di dollari, raggiungendo, così, il 7º posto nella top ten dei divorzi vip redatta dalla rivista Forbes.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Linda Hamilton nel 2019

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Linda Hamilton è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Articolo su TODAYshow.com: Linda Hamilton says she has bipolar disorder
  2. ^ (EN) Voce di Linda Hamilton su about.com: Linda Hamilton Has Bipolar Disorder
  3. ^ Articolo del TgCom del 13 aprile 2007 Divorzi vip, ecco i dieci più cari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1842589 · ISNI (EN0000 0001 1585 5413 · LCCN (ENn2003031399 · GND (DE136749216 · BNF (FRcb140198249 (data) · WorldCat Identities (ENn2003-031399