Lina Sandell (poetessa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lina Sandell (1832-1903)

Karolina Wilhelmina "Lina" Sandell-Berg[1] (Fröderyd, 3 ottobre 1832Stoccolma, 27 luglio 1903) è stata una poetessa e traduttrice svedese, nota soprattutto come autrice di inni religiosi.

Tra le sue poesie più famose, figurano Blott en dag, Bred dina vida vingar, Tryggare kan ingen vara, ecc.[2][3] Molte delle sue poesie furono messe in musica da Oscar Anhfelt.[2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carolina Wilhelmina Sandell nacque a Fröderyd[2][3][4] il 3 ottobre 1832[2][3][4] . Era figlia del sacerdote Jonas Sandell.[2][3][4]

All'età di 13 anni scrisse un libro di annotazioni in cui comparivano anche alcune poesie.[3]

Nel 1852, pubblicò la sua prima raccolta poetica, intitolata Andliga vårblommor e che conteneva 34 poesie.[2]

All'età di 23 anni, scrisse quella che è considerata la sua poesia più famosa, Ingen er så tryg i fare, meglio conosciuta come Tryggare kan ingen vara.[5] Secondo la tradizione, la composizione sarebbe avvenuta nel giardino di casa[5] e come fonte d'ispirazione sarebbe stato il canto degli uccelli[5].

Nel 1855 iniziò la sua collaborazione con il compositore Oscar Ahnfeldt.[3]

Nel 1858[4] perse in modo tragico il padre, che morì per una tempesta sul Vättern, mentre stava navigando tra Jönköping e Göteborg[5].

Soltanto due anni dopo morì anche la madre[5] e la Sandell decise così di trasferirsi a Stoccolma [5] .

Il 20 luglio 1861 fu convocata dalla Fondazione Evangelica Nazionale per un aiuto nel lavoro di traduzione.[2][4] Si trattava per lo più di canti, opere per bambini e biografie.[2]

Tra il 1882 e il 1892 uscì Samlade sånger, una raccolta in tre volumi contenente tutta l'opera poetica della Sandell.[3]

Morì il 27 luglio 1903[2][3], all'età di 81 anni. Le sue ultime parole furono "Ora butto via tutte le sofferenze".[2][3]

Fu sepolta quattro giorni dopo[2] nel cimitero di Solna (Stoccolma) [2]: le sue esequie furono celebrate dal pastore Bernhard Wadström[2]. Nella sua tomba campeggia il titolo del suo celebre inno Tryggare kan ingen vara.[2][3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte poetiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Andliga vårblommor (1853)
  • Samlade sånger (1882-1892)

Inni (lista parziale) [2][modifica | modifica wikitesto]

  • Blott en dag
  • Bred dina vida vingar
  • Jag kan icke räkna dem alla
  • Jesus för världen
  • Jesus kär, var mig när
  • Tryggare kan ingen vara (1855)
  • Är det sant att Jesus är min broder

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Berg è il cognome da sposata
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Lina Sandell su Kristnet
  3. ^ a b c d e f g h i j k En av Sveriges mest älskade psalmdiktare
  4. ^ a b c d e Sandell-Berg, Carolina (Lina) Wilhelmina su Den Danske Salmebog Online
  5. ^ a b c d e f , Balslev-Clausen, Peter, Lina Sandell (1832-1903) Vækkelsessangens store digter, in: Kristendom.dk, 26-12-2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN55236213 · ISNI (EN0000 0000 5471 6646 · Europeana agent/base/4770 · LCCN (ENn85260178 · GND (DE129773344 · WorldCat Identities (ENlccn-n85260178