Lillie Connolly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lillie Connolly
Lingua orig.Italiano
AutoreTiziano Sclavi
EditoreSergio Bonelli Editore
1ª app.ottobre 1996
1ª app. inDylan Dog "Finché morte non vi separi"
SessoFemmina

Lillie Connolly, personaggio immaginario della serie fumettistica di Dylan Dog, appare nel numero 121 "Finché morte non vi separi".

È un personaggio chiave nella biografia di Dylan Dog, le cui vicende hanno reso "l'indagatore dell'incubo" quello che è oggi. Probabilmente dopo Marina Kimball è la più importante tra le donne di Dylan Dog. È tra le conosciute la terza fidanzata di Dylan in ordine cronologico dopo Marina Kimball ed Alison Dowell

Finché morte non vi separi[modifica | modifica wikitesto]

Lillie è una giovane donna irlandese, cattolica militante dell'I.R.A., che conosce Dylan quando Londra subisce gli attentati dei militanti dell'I.R.A.. Lillie aveva un fratello, Johnny Boy, che morì a causa degli scontri con la polizia durante una manifestazione a Belfast; in suo onore Lille abbracciò la causa dei cattolici irlandesi.

È caratterizzata da grandi sbalzi d'umore, una terminologia d'insulti tutta sua (definisce Dylan un "paramecio ciliato", "scalpello spuntato" o un "trifolo parlante") una passione per le patatine e le sorprese contenute nei sacchetti e un lieve difetto di vista che non le fa vedere certi movimenti delle persone, per cui le apparivano davanti come fantasmi.

Inizialmente aveva avvicinato Dylan in quanto agente di Scotland Yard, per usarlo in un attentato, ma in breve s'innamorò realmente di lui, ricambiata; l'amore fra un inglese e un'irlandese è impossibile in quel contesto e Lillie, già autrice di altri attentati, viene arrestata dopo il fallito attentato alla sede di Scotland Yard, al quale si presenta lei anziché mettere in pericolo l'amato Dylan. Viene rinchiunsa nel carcere di Dartmoor, nel blocco H, dove il trattamento riservato ai terroristi era disumano e dove Lillie, al pari del suo compatriota Bobby Sands, inizia uno sciopero della fame.

Dylan nel raccontare la vicenda lascia intendere che Lillie si sia lasciata morire di fame, e che probabilmente gli avvenimenti che seguiranno sono frutto dei suoi sogni ,o di ciò che accadde in un universo parallelo, dato che dopo la tragica perdita annegherá il suo dolore nell'alcool. Nonostante ciò, racconta che Lillie viene condannata a morte (pena abolita in Inghilterra negli anni 60') e trasferita nel carcere sull'isola di Birdy. Dylan, dopo essersi fatto accompagnare via mare da un anziano signore, ottiene il permesso dal parroco del carcere di poterla sposare, prima che la ragazza venga giustiziata; A rafforzare il dubbio che il matrimonio sia avvenuto veramente contribuisce un'affermazione di Dylan Dog nel N° 74 che dichiara di non essersi mai sposato[1], oppure quando risponde ad una specifica domanda sul matrimonio nel N° 71[2].

La sua morte comunque lasciò un enorme vuoto nella vita di Dylan, e a causa di ciò cadde in depressione, lasciò la polizia e divenne un alcolista. In segno di lutto Dylan adotterà come suo look ufficiale il completo che indossava durante la sua storia con la bella irlandese: giacca nera, camicia rossa, jeans e scarpe clark. Bisogna comunque segnalare che Dylan in un'altra occasione (nel primo speciale DD&MM "Ultima fermata: l'incubo!") dichiara che ha adottato il suo look per non dimenticare un'altra sua fidanzata[3] (Alison Dowell) morta in circostanze drammatiche e conosciuta prima di vivere la storia con Lillie. In effetti proprio il giorno della morte di Alison, Dylan indossava i suoi abiti caratteristici.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'episodio "Amori perduti" (Dylan Dog n. 187) Lillie sembra essersi salvata evadendo dal carcere di Dartmoor, e ritorna nella vita di Dylan, chiedendogli di uccidere un ricco industriale, che secondo lei si arricchì vendendo armi ai protestanti e che uccise anni fa su fratello Johnny. In realtà, era una donna di nome Linda Belmont, che tramite droghe e ipnosi gli fece il lavaggio della mente facendogli credere di essere Lillie. L'intera faccenda riaprì vecchie ferite in Dylan, facendolo molto soffrire e dandogli la tentazione di riprendere a bere, benché fortunatamente non riprese a farlo.
  • Nello speciale "La Scelta" del 2004, la Morte mostra a Dylan come sarebbe andata la sua vita se avesse fatto altre scelte: in una di esse, Dylan scopre di essere riuscito a convincere Lillie e lasciare l'I.R.A, si sono sposati e hanno due bambini; lui lavora in un museo e lei fa la casalinga e dopo tanti anni sono ancora molto felici e innamorati.
  • Nello speciale del 2006 "Viaggio senza speranza", Lillie fa una fugace comparizione nel cimitero.
  • Nella storia "Demoni e silicio" (Dylan Dog Color Fest n. 12), ambientata nel futuro, Nathan Never propone a Dylan di farlo tornare in un luogo speciale della sua esistenza. L'indagatore dell'incubo si ritroverà così a bordo del suo galeone in compagnia di Lillie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il lungo addio, mangaeden.com (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2012).
  2. ^ I delitti della mantide[collegamento interrotto], mangaeden.com.
  3. ^ Ultima fermata: l'incubo!, ubcfumetti.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli Editore Portale Sergio Bonelli Editore: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sergio Bonelli Editore