Light art

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Installazione luminosa per le scale del Palazzo dell'Arte per la XIII Triennale di Milano. Foto di Paolo Monti, 1964.

La light art ("arte luminosa") è una forma di arte visiva in cui il mezzo di espressione e il fine dell'opera è la luce. La light art vede i suoi esordi all'incirca attorno alla metà del XX secolo. Si afferma come forma d'arte mediante le opere di Dan Flavin e James Turrell. Nonostante i primi grandi interventi di pura luce, sono stati interpretati come opere di light art delle installazioni concettuali e minimaliste dove la luce era solo un medium ma non il fine dell'opera.

La Light Art si distacca dall'arte concettuale e dal minimalismo per divenire una forma d'arte autonoma e ben definita nei decenni successivi grazie agli interventi sempre maggiori ad opera di grandi artisti. Importante l'apporto dato in questo senso dal gruppo californiano Light and space.[senza fonte]

Oggi la Light Art vanta una serie di artisti che operano con grande qualità e meticolosità nel creare installazioni di grande impatto visivo.[senza fonte]

Esponenti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Dan Flavin, James Turrell, Olafur Eliasson, Robert Irwin, Bruce Munro, Waltraut Cooper.

Esponenti italiani[modifica | modifica wikitesto]

Piero Fogliati, Carlo Bernardini, Massimo Bartolini, Romano Baratta, Richi Ferrero, Marco Brianza.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte