Liceo ginnasio Andrea D'Oria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Liceo-Ginnasio "Andrea D'Oria".

Il liceo ginnasio Andrea D'Oria è una scuola secondaria di II grado di Genova. Al tradizionale indirizzo classico, affianca percorsi di potenziamento linguistici e, a partire dell'anno scolastico 2016/2017, artistico-espressivi, oltre al nuovo indirizzo del Liceo classico per l'Europa.

Fondata nel 1824, dal 1937 ha sede nella via intitolata ad Armando Diaz, a poca distanza da piazza della Vittoria, e nelle immediate adiacenze della scalinata delle Caravelle (il cui nome ufficiale è "scalinata Milite Ignoto").

La sua sede originaria - quando ancora aveva il nome di "scuola di studi superiori" - era in stradone Sant'Agostino, nella zona di Sarzano, dove oggi ha sede la facoltà di architettura; assunse poi nel 1849 il nome di ginnasio civico intitolato ad Andrea D'Oria.

Nel 1884 l'istituto fu dichiarato "regio", con il passaggio dall'amministrazione municipale a quella governativa sotto la guida del primo preside, Leopoldo Marengo. Fra i docenti illustri si ricordano il latinista Ferruccio Calonghi (dal 1895), Giuseppe Siri, futuro arcivescovo, Francesco Pinelli, latinista e grecista che vi insegnò dal 1936 al pensionamento ed Edoardo Sanguineti, poeta.

L'istituto ha formato negli anni numerose personalità genovesi. Fra gli altri si ricordano: l'attore Paolo Villaggio e suo fratello, l'ingegnere e professore Piero Villaggio, il famoso critico cinematografico Gian Luigi Rondi e i cantanti Bruno Lauzi e Luigi Tenco[1]. Altri celebri allievi sono stati l'ex-presidente del consiglio ed ex-ministro degli esteri Massimo D'Alema, il politologo e senatore Domenico Fisichella, il critico cinematografico Enrico Ghezzi, autore televisivo e ideatore di Blob, l'ex-presidente FIAT Paolo Fresco, Sergio Maifredi, regista ed organizzatore teatrale, il poeta dialettale Roberto Giannoni; i politici Paolo Emilio Taviani, Alfredo Biondi e Marco Doria.

È attiva anche un'associazione di ex-allievi, presieduta da Mario Sossi, il magistrato che fu vittima, negli anni settanta, di un sequestro di persona da parte delle Brigate Rosse.

Negli anni 1980-82 vi si pubblicava il giornalino satirico Il grillo sparlante. Attualmente, il giornalino scolastico, fondato nel 1996, si chiama Dragut, dal nome del gatto di Andrea Doria, ispiratosi a sua volta dal nome di un noto pirata di quell'epoca, suo avversario e alleato di Barbarossa. Nell'aprile 2006 il liceo è stato al centro della cronaca per il suicidio di uno degli studenti avvenuto proprio nella scuola[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tenco frequentò la scuola per un solo anno, nel 1951, prima di passare al liceo scientifico
  2. ^ Si getta dalla finestra della scuola - Genova, muore un sedicenne, in La Repubblica, 12 aprile 2006. URL consultato il 14 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Genova.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]