Licantropia (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Licantropia
Titolo originaleGinger Snaps Back: The Beginning
Paese di produzioneCanada, USA
Anno2004
Durata94 min
Genereorrore
RegiaGrant Harvey
SoggettoKaren Walton
SceneggiaturaStephen Massicotte, Christina Ray
FotografiaMichael Marshall
MontaggioKen Fylewich
Effetti specialiKNB EFX Group Inc.
MusicheAlex Khaskin
ScenografiaJim Murray
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Licantropia (Ginger Snaps Back: The Beginning) è un film del 2004, diretto dal regista Grant Harvey.

Il film è il terzo capitolo della trilogia di cui fanno parte anche Licantropia Evolution (2000) e Licantropia Apocalypse (2004).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si svolge nel 1815, in una foresta del Canada. Due sorelle stanno vagando senza meta e ad un certo punto si trovano in un accampamento indiano completamente distrutto. Non c'è anima viva, ma solo cadaveri smembrati, quando appare come dal nulla una vecchia donna che mette in guardia le due: una sorella ucciderà l'altra! Le due se ne vanno ancora scosse quando una di esse viene presa in una trappola per lupi; appare un indiano che la libera e le medica la ferita, dopo di che porta le due sorelle fino ad un fortino di disperati. Un po' alla volta si rendono conto che la gente che le circonda è terrorizzata da qualcosa libero nella foresta, qualcosa di mostruoso e incontrollabile. Vengono a conoscenza di continue sparizioni e che quelli mandati in cerca di aiuto non hanno più fatto ritorno. Improvvisamente le ragazze vengono attaccate da un branco di lupi mannari che quasi le uccide. Consapevoli del pericolo che corrono cercano di fuggire da quel luogo, ma quando meno se lo aspettano Ginger viene morsa da qualcosa rinchiuso nella casa del capo villaggio. La ragazza comincia ad avvertire qualcosa che non va, ora è cattivissima e assetata di sangue. La sorella scoprirà che sarà lei a doverla uccidere.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema