Libro animato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Libro animato finlandese

Con libro animato, libro tridimensionale o libro pop-up si intende un manufatto librario, creato con finalità di fruizione assai dissimili tra loro (didattiche, mnemoniche, ludiche, divinatorie ecc.) e che includono dispositivi meccanici o paratestuali, che richiedono e sollecitano l'interazione del lettore.

I libri animati nella loro forma di base sono spesso libri per bambini, ma in realtà esistono prodotti editoriali di pregio che illustrano i classici della letteratura mondiale e si rivolgono a un pubblico adulto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua forma più evoluta, una pagina di un libro a pop-up ricorda un origami, tecnica che abitualmente associamo alle forme di pupazzetti di carta tridimensionali non vincolati a un supporto: alcuni libri animati sono creati a partire da vari elementi cartacei illustrati incastrati sapientemente tra loro che "saltano fuori" aprendo il libro, sfruttando le tensioni che creano i punti di ancoraggio alle pagine.

Alcuni libri animati abbinano agli elementi pop-up anche elementi semovibili, che permettono al lettore una forma più elaborata di interattività: tirando alcune linguette predisposte gli elementi sulla pagina si muovono mostrando o celando le figure.

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori che si sono cimentati con successo in questa tecnica ricordiamo Robert Sabuda Lothar Meggendorfer, Ernest Nister, S. Louise Giraud, Vojtĕch Kubăsta e Matthew Reinhart.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Natalie Avella, Paper Engineering: 3D Design Techniques for a 2D Material, Hove, Rotovision, 2003.
  • Gianfranco Crupi, “Mirabili visioni”: from movable books to movable texts, in JLIS.it, vol. 7, nº 1, gennaio 2016, pp. 25-87, DOI:10.4403/jlis.it-11611.
  • Peter Haining, Movable Books: an Illustrated History, London, New English Library, 1979.
  • Ann R. Montanaro, Pop-up and Movable Books: a Bibliography, Metuchen, N.J., Scarecrow, 1993.
  • Mara Sarlatto, Paper engineers e dispositivi cartotecnici dei libri animati tra Otto e Novecento, in JLIS.it, vol. 7, nº 1, gennaio 2016, pp. 89-112, DOI:10.4403/jlis.it-11610.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh2005006919