Libreria Lello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vista dall'alto della facciata monumentale
Interni della libreria

La Libreria “Lello” (in portoghese “Livraria Lello”), conosciuta anche con i nomi di Libreria “Lello e Irmão” o Libreria “Chardron”, è un'antica proprietà commerciale di Porto, ed è situata in un edificio del suo centro storico, in Rua das Carmelitas.

Grazie al suo alto valore storico e artistico la libreria Lello è considerata come una delle librerie più belle del mondo[1] ad esempio dallo scrittore spagnolo Enrique Vila-Matas, dal giornale britannico Guardian e dalla casa editrice australiana Lonely Planet (editoria turistica).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tra quelle ancora in attività, è la seconda più antica libreria del Portogallo. La libreria più antica del mondo, non solo del Portogallo, è la Libreria Bertrand fondata nel 1732 a Lisbona[2].

La Libreria “Lello e Irmão fu fondata nel 1869 come Livraria Internacional de Ernesto Chardron in Rua dos Clérigos. Dopo l'improvvisa morte del suo fondatore, a 45 anni di età, fu venduta alla società Lugan & Genelioux Sucessores.. Degli oltre 1.000 visitatori al giorno il 70% sono turisti ed il 50% compra una guida o un libro. Gli autori portoghesi più venduti sono Fernando Pessoa e il premio Nobel José Saramago ma anche la scrittrice inglese J. K. Rowling è stata un'assidua frequentatrice della libreria, dove trovò ispirazione per ambientare il suo Harry Potter[3].

Descrizione architettonica[modifica | modifica wikitesto]

La struttura della libreria fu concepita dall'ingegnere Francisco Xavier Esteves con una commistione contemporanea fra tradizione gotica ed elaborazioni liberty[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione, La magia della libreria Lello e Irmão di Porto (in cui si paga il biglietto per entrare), in Il Libraio, 24 gennaio 2017. URL consultato il 16-10-2019.
  2. ^ Livraria Bertrand di Lisbona, la più antica libreria al mondo, in Libreriamo. URL consultato il 25-11-2019.
  3. ^ a b Ilaria Costanzo, Alla scoperta della Lello e Irmão, la «Cattedrale del Libro», in Giornale della Libreria, 20 luglio 2016. URL consultato il 25-11-2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 41°08′49″N 8°36′53″W / 41.146944°N 8.614722°W41.146944; -8.614722

Controllo di autoritàVIAF (EN150267557 · LCCN (ENn97037657 · GND (DE5171489-9 · WorldCat Identities (ENn97-037657