Libero (portale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Libero
sito web
Logo
Logo
URLwww.libero.it/
Tipo di sitoPortale
LinguaItaliano
RegistrazioneFacoltativa
ProprietarioItaliaonline
Creato daInfostrada
Lancio1994
Stato attualeAttivo
SloganNato digitale

Libero è un portale italiano di proprietà di Italiaonline, fondato da Infostrada nel 1994 come sito di assistenza agli utenti nella navigazione Internet (al tempo, ancora a pagamento) e nella configurazione della posta elettronica[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sito, nato nel 1994, aveva sviluppato nel 1996, grazie alla collaborazione con la Olivetti e l'Università di Pisa, Arianna, un servizio automatizzato di indicizzazione di pagine Web con l'intento di diventare il primo motore di ricerca di contenuti in lingua italiana. Successivamente Arianna viene inglobato in Libero[2]. Il successo del progetto e l'estensione di nuovi servizi gratuiti, quali quello di Webmail, porta ItaliaOnLine (IOL) ad essere acquistato da Infostrada nel 1997.

Nel 1998 nasce la comunità virtuale di Digiland, una rete sociale dove registrandosi gratuitamente veniva data la possibilità di pubblicare articoli HTML e poter chattare con altre persone connesse al portale.

Logo del sito Web InWind

Nel 2002 a seguito dell'acquisto di Infostrada da parte del gruppo telefonico Wind Telecomunicazioni prende vita Libero, il portale che riunisce i mondi di IOL, Libero e InWind.

Nel corso del tempo il portale Libero.it ha subito numerosi restyling per seguire l'evoluzione del mezzo e dei suoi utenti. Nel 2004 acquista l'elenco telefonico italiano, rinominandolo Pagine Bianche.

Il 4 maggio 2011 è stata annunciata l'uscita da Wind e la creazione di una nuova società denominata Libero S.r.l., che comprende anche l'Internet service provider ITNet, di proprietà della Weather Investments e del magnate egiziano Naguib Sawiris[3]. Nel settembre 2011, secondo Alexa.com, Libero era il 251º sito a livello mondiale e il settimo sito a livello italiano per accessi.

Nell'estate 2012 Libero S.r.l. annuncia l'acquisizione di Matrix S.p.A., società controllata al 100% da Telecom Italia e titolare del portale Virgilio[4]. Dall'unione delle due società nasce ad inizio 2013 la Italiaonline S.r.l.[5], diventata Italiaonline S.p.A. nell'aprile 2014[6]. Il 20 giugno 2016 la società si fonde per incorporazione con Seat Pagine Gialle S.p.A., mantenendo sempre il nome di Italiaonline S.p.A.

Nel 2016 il portale ha adottato il motore di ricerca Bing di Microsoft per i suoi servizi di ricerca[7].

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Servizi offerti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Libero – Italiaonline, su italiaonline.it. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  2. ^ La storia di Libero, su info.libero.it. URL consultato il 25 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2008).
  3. ^ Libero dà addio a Wind, in PC Professionale, Arnoldo Mondadori Editore, 4 maggio 2011. URL consultato l'8 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2014).
  4. ^ Telecom ha venduto Virgilio a Libero.it Nasce il più grande player italiano del web, in la Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso Spa, 09 agosto 2012.
  5. ^ Da Libero e Virgilio (ri)nasce ItaliaOnline, in Il Sole 24 Ore, Il Sole 24 ORE S.p.A., 07 febbraio 2013.
  6. ^ Comunicazione di avvenuta esecuzione della trasformazione della forma giuridica di Italiaonline da S.r.l. a S.p.A., in www.italiaonline.it, Ufficio Stampa Italiaonline, 16 aprile 2014. URL consultato il 6 marzo 2022 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2018).
  7. ^ Italiaonline sceglie Bing per i servizi di ricerca di Libero e Virgilio, su pubblicitaitalia.it, 30 settembre 2016.

Pagine correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]