Liberland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Liberland
micronazione
Liberland – BandieraLiberland - Stemma
Status
Dichiarazione d'indipendenzaProclamata: 13 Aprile 2015, non riconosciuto da nessuno Stato sovrano, ma solo da altre micronazioni o partiti/associazioni politiche (vedi Riconoscimenti)
Dati amministrativi
Nome completoLibera Repubblica di Liberland
Governode iure = Repubblica costituzionale con elementi di democrazia diretta[1]

de facto = Governo provvisorio guidato dal presidente

Capo di StatoVít Jedlička
Inno"Free and Fair"[2]
Motto"Vivi e lascia vivere" (To Live and Let Live)
Informazioni generali
Linguainglese[1]
Capitale/CapoluogoLiberpolis[3]
Area7 (rivendicati) km²
Popolazione
  • 0 (persone che vi vivono al 2015[4])
  • circa 500 persone hanno ricevuto la cittadinanza ufficiale (2018)[5]
  • 1000 persone considerate "cittadine" secondo il sito ufficiale di Liberland[6] (aprile 2020) ab.
ContinenteEuropa
ValutaLiberland Merit (criptovaluta)[7]
Prefisso tel.Proposto: +422[8]

Liberland, ufficialmente Repubblica Libera di Liberland, è una micronazione che rivendica una piccola porzione di terra contesa sulla riva occidentale del Danubio, al confine tra la Croazia e la Serbia. È stata proclamata il 13 aprile 2015 dal politico e attivista libertariano ceco Vít Jedlička.[9][10]

Il sito ufficiale di Liberland afferma che la nazione è stata creata a causa dell'attuale disputa sul confine tra Croazia e Serbia[11][12][13], in cui alcune aree ad est del Danubio sono rivendicate sia dalla Serbia che dalla Croazia, mentre alcune aree ad ovest, compresa l'area rivendicata dal Liberland, sono considerate parte della Serbia dalla Croazia, ma la Serbia non le rivendica.

La dimensione della terra in questione è di 7 km quadrati, più o meno la stessa estensione di Gibilterra. Il territorio è stato amministrato dalla Croazia a partire dalla Guerra d'indipendenza croata[14]. Non vi è stato alcun riconoscimento diplomatico da parte di Stati sovrani del Liberland, sebbene quest'ultimo abbia instaurato relazioni con il Somaliland (Stato non riconosciuto dalla comunità internazionale)[15][16]. La terra non ha infrastrutture e si trova su una golena[17][18].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Proclamazione[modifica | modifica wikitesto]

L'alzabandiera a Gornja Siga venne eseguito da Vít Jedlička e da alcuni suoi associati lo stesso giorno in cui è stata proclamata la repubblica[19][20]. Jedlička è membro del Partito dei Liberi Cittadini, di orientamento liberale classico, liberalconservatore, libertariano di destra ed euroscettico[12].

Jedlička affermò che nessuna nazione rivendicava la terra come propria e quindi poteva rivendicarla usando la dottrina della terra nullius. Il confine, sosteneva, era definito in accordo con le rivendicazioni croate e serbe e non interferiva con la sovranità di nessun altro Stato[10]. Nell'aprile 2015, Jedlička ha dichiarato che una nota diplomatica ufficiale sarebbe stata inviata sia alla Croazia che alla Serbia, e successivamente a tutti gli altri Stati, con una richiesta formale di riconoscimento internazionale[21].

Il 20 aprile 2015, Jedlička ha tenuto una conferenza alla Scuola di Economia di Praga, intitolata "Liberland - come nasce uno Stato" . Ha discusso di vari aspetti del progetto e dell'interesse che ha suscitato in tutto il mondo. Un argomento che ha sollevato era la Convenzione di Montevideo, spiegando che Liberland intendeva soddisfare i principi della convenzione, che è comunemente usata per definire uno Stato. Al momento della conferenza, il progetto Liberland aveva dieci persone disposte a gestire le relazioni estere[22]. Altri argomenti trattati nella lezione includevano il concetto di tassazione volontaria e il modo in cui il gran numero di domande di cittadinanza aveva reso necessario ristrutturare il processo di ottenimento della cittadinanza per renderlo più efficace, poiché si basava solo su un account di posta elettronica[22].

Il 18 dicembre 2015, Jedlička ha tenuto un evento in cui ha presentato il primo governo provvisorio del Liberland e i suoi ministri delle finanze, degli affari esteri, degli interni e della giustizia, nonché due vicepresidenti[10].

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera è costituita da uno sfondo giallo (che simboleggia il libertarianismo) con una striscia nera che corre orizzontalmente attraverso il centro (che simboleggia il minor potere al governo) e lo stemma al centro[23][24]. All'interno dello stemma, l'uccello rappresenta la libertà, l'albero rappresenta la prosperità, il fiume blu rappresenta il Danubio e il sole rappresenta la felicità[25].

Accesso[modifica | modifica wikitesto]

Le autorità croate hanno spesso bloccato l'accesso all'area dall'inizio di maggio 2015[26][27].

Nel maggio 2015, Vít Jedlička e il suo traduttore Sven Sambunjak sono stati brevemente arrestati dalla polizia croata dopo aver tentato di attraversare il confine. Jedlička ha trascorso una notte in detenzione, poi è stato condannato a pagare una multa per l'attraversamento illegale della frontiera croata[28], ma ha fatto appello al verdetto. Sosteneva che c'erano almeno tre cittadini del Liberland all'interno dell'area, che venivano dalla Svizzera[29][30][31][32]. Più tardi quel mese, Vít Jedlička fu nuovamente arrestato[33]. Inizialmente, i giornalisti sono stati in grado di entrare nell'area con Jedlička[34], ma in seguito è stato loro negato l'ingresso, compreso quello dei giornalisti del servizio televisivo pubblico serbo Radio Televisione della Vojvodina[35], e del quotidiano bosniaco Dnevni avaz[36].

I detenuti provenivano da vari paesi, tra cui Irlanda, Germania, Danimarca e Stati Uniti[27]. La polizia croata ha continuato a detenere persone, comprese quelle che sono entrate nell'area in barca (attraverso una via navigabile internazionale)[37][38][39]. Uno di loro, l'attivista danese Ulrik Grøssel Haagensen, è stato posto agli arresti domiciliari per 5 giorni prima di essere condannato a 15 giorni di prigione, scatenando alcune proteste in Danimarca[40][41].

Nel maggio 2016 sono state pubblicate diverse decisioni giudiziarie di ricorso dalla Croazia. La corte ha confermato che l'attraversamento in Liberland dalla Croazia è illegale, ma ha ritenuto improprie le condanne per l'ingresso in Liberland dalla Serbia. La corte ha affermato che la corte inferiore ha commesso "una violazione fondamentale dei procedimenti per reato" e "violazioni procedurali essenziali". Ha inoltre stabilito che "i fatti sono stati stabiliti in modo errato e incompleto [dal pubblico ministero], il che potrebbe portare a un'errata applicazione del diritto sostanziale". È stato ordinato un nuovo processo in 6 dei 7 ricorsi. Il tribunale inferiore è tenuto a determinare la posizione della frontiera e del valico di frontiera[42].

Avvenimenti seguenti[modifica | modifica wikitesto]

In seguito, sono cresciute sia le richieste di cittadinanza che quelle effettivamente accettate (vedi Cittadinanza) e sono stati presentati svariati piani per l'amministrazione di Liberland e per la costruzione di edifici nel piccolo territorio (vedi Piani di amministrazione). Durante la pandemia di COVID-19 del 2019-2020, Liberland, tramite il Liberland Response Center, ha distribuito 600 visiere protettive come aiuti umanitari in Croazia e 600.000 respiratori per gli Stati Uniti[43].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La disputa relativa al confine lungo la valle del Danubio nacque per la prima volta nel 1947, ma rimase irrisolta durante l'esistenza della Repubblica Federale Socialista della Jugoslavia. È diventato un problema controverso dopo la rottura della Jugoslavia. La Serbia ritiene che l'alta valle del Danubio e la linea centrale del fiume rappresentino il confine internazionale tra i due paesi. La Croazia non è d'accordo e afferma che il confine internazionale si estenda lungo i confini dei comuni catastali situati lungo il fiume, riflettendo il corso del Danubio che esisteva nel 19º secolo, prima che i lavori di ingegneria idraulica e di meandro alterassero il suo corso. Di conseguenza, la Croazia rivendica gran parte dell'area contesa controllata dalla Serbia, mentre la Serbia non rivendica le parti molto più piccole, controllate dalla Croazia.

Jedlička afferma che la terra che ha rivendicato, nota come Gornja Siga (che significa "tufo superiore"), non sia stata rivendicata da nessuna delle parti[9][10][12].

L'area è di circa 7 chilometri quadrati e la maggior parte è coperta da foreste. Non ci sono residenti. Un giornalista del quotidiano ceco Parlamentní listy, che ha visitato la zona nell'aprile 2015, ha trovato una casa che era stata abbandonata per circa trenta anni, secondo le persone che vivono nelle vicinanze. È stato segnalato che la strada di accesso è in cattive condizioni[44].

Il Danubio, una via navigabile internazionale con libero accesso al Mar Nero per diverse nazioni senza sbocco sul mare, corre lungo il territorio autoproclamato.

Reazioni pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

I giornalisti non sono sicuri di quanto sia serio Jedlička sulle sue affermazioni, con alcuni che definiscono la proclamazione di Liberland come una trovata pubblicitaria[45][46].

In un'intervista con Parlamentní Listy nell'aprile 2015, Jedlička ha affermato di aver ricevuto reazioni positive per la sua iniziativa, principalmente dal suo partito, il Partito dei Liberi Cittadini, di cui era presidente regionale[47], ma anche da alcuni membri del Partito Democratico Civico e del Partito Pirata ceco[48].

Il 20 maggio 2015, Petr Mach, leader del Partito dei Liberi Cittadini, ha espresso il proprio sostegno alla creazione di uno stato basato su idee di libertà, aggiungendo che "il Partito dei Liberi Cittadini vuole che la Repubblica Ceca diventi un paese altrettanto libero"[49].

Dominik Stroukal del ramo cecoslovacco dell'Istituto Ludwig von Mises ha scritto: "La scappatella è riuscita per Vít. Tutto il mondo parla di Liberland con parole come "concorrenza fiscale", "libertarianismo", eccetera"[50].

Goran Vojković, professore di giurisprudenza ed editorialista del portale di notizie croato Index.hr, ha descritto Liberland come un "circo che minaccia il territorio croato", e ha sostenuto che esiste il rischio che la pretesa della Croazia di controllare la terra dall'altra parte del Danubio possa essere indebolita dall'attenzione che il progetto Liberland ha attirato sulla disputa sul confine[51].

Nel 2016, un articolo su Stratfor ha riassunto l'iniziativa nel modo seguente: "Liberland è un caso curioso perché, in linea di principio, nessuno degli attori che potrebbero rivendicarne il controllo sembra interessato a farlo. Ma ciò rimarrà probabilmente una curiosità con conseguenze trascurabili a livello internazionale. Per il resto dei territori contesi del mondo, la violenza e la diplomazia rimarranno gli strumenti principali per rivendicare la proprietà."[52]

Status legale[modifica | modifica wikitesto]

Esperti legali in Serbia e Croazia hanno affermato che, in base al diritto internazionale, Jedlička non ha il diritto di rivendicare l'area, che è attualmente oggetto di una disputa tra le due nazioni[26][53][54]. Croazia e Serbia hanno respinto le affermazioni di Jedlička come "frivole", sebbene i due paesi abbiano reagito in modi diversi. Il 24 aprile 2015, il ministero degli Affari esteri serbo ha dichiarato che, anche se considerano la faccenda una questione banale, il "nuovo Stato" non urta il confine serbo, che è delineato dal Danubio[55]. La Croazia, che attualmente gestisce il terreno in questione, ha dichiarato che, dopo un arbitrato internazionale, la terza dovrebbe essere assegnata alla Croazia o alla Serbia, non a terzi[56].

Un articolo nel Giornale di Legge Internazionale di Chicago, rivista dell'Università di Legge di Chicago, ha esaminato la richiesta di Liberland di dichiararsi come Stato alla luce dei criteri stabiliti dalla Convenzione di Montevideo. Secondo l'autore, "l'insistenza della Croazia sul fatto che Liberland faccia parte della Serbia potrebbe costituire una rinuncia ai diritti legali della Croazia nei confronti di Liberland. Dall'altra parte, se il territorio che Liberland rivendica come proprio è serbo, la rinuncia del governo serbo al suo titolo in quella terra potrebbe essere un quitclaim (fine della rivendicazione) che trasformerebbe lo stato giuridico della terra in terra nullius. In entrambi i casi, il territorio sarebbe appartenuto alla prima entità - in questo caso il Liberland - a rivendicarlo. Tuttavia, a causa della complicata storia del confine Croazia-Serbia, può essere difficile accertare a chi appartiene la terra ai sensi del diritto internazionale."[57]

Un articolo del Michigan Journal of International Law sostiene invece che le Nazioni Unite dovrebbero riconoscere Liberland[58].

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il sito ufficiale di Liberland, il governo è così composto[59] (aprile 2020):

Ruolo Nome
Presidente Vít Jedlička
Vicepresidente Pierre Luis Boitel
Vicepresidente Boguslav Wozniak
Segretario di Stato Tariq J. Abbasi
Ministro delle Finanze Ali Kassab
Ministro degli Affari esteri Thomas D. Walls

Piani di amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

È stato suggerito un governo con 10 o 20 membri per l'amministrazione di Liberland, eletto con voto elettronico[19]. Liberland intende operare su una politica di frontiere aperte[19]. L'obiettivo della micronazione, come affermato dal suo sito web, è quello di creare "una società in cui i giusti possano prosperare con regolamenti e tasse statali minime"[19][60]. I fondatori sono ispirati da Stati come Monaco e Liechtenstein[60].

Liberland ha pubblicato un progetto di una Costituzione codificata[59] e un elenco di leggi da includere in essa. Questi documenti descrivono Liberland come un Paese governato da un sistema a tre poteri con settori esecutivi, legislativi e giudiziari che cercano di promuovere i diritti individuali, compresi i diritti di proprietà, la libertà di parola e il diritto di possedere e portare armi. Ha anche un elenco di reati, tra cui "inquinamento ambientale", "disturbo pubblico" oltre a reati come omicidio, omicidio colposo e furto[61].Ci sono piani per una criptovaluta ufficiale chiamata Merit[62], sebbene tutte le altre valute sarebbero consentite[19]. Ci dovrebbero essere al massimo di 700 milioni di Merit[63].

Nel tentativo di ottenere il riconoscimento presso le Nazioni Unite, Liberland ha nominato 70 rappresentanti in oltre 60 Paesi entro un anno dalla proclamazione[64]. A febbraio 2018, Liberland oltre 100 rappresentanti in oltre 80 Paesi[65].

Cittadinanza[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la sua pagina web ufficiale, Liberland è attualmente alla ricerca di persone che rispettino le altre persone e le loro opinioni, indipendentemente da razza, etnia, orientamento o religione, che rispettino la proprietà privata e non siano state punite per reati in passato[10]. Liberland ha ricevuto 200.000 domande di cittadinanza in una settimana[66]. All'inizio di maggio 2015, Liberland aveva accettato una trentina di cittadini. Un evento avrebbe dovuto svolgersi nel territorio dichiarato, ma la polizia di frontiera croata ha impedito al gruppo di entrarvi dalla parte croata. Un tentativo di attraversare il fiume con pescherecci dalla Serbia fallì perché i pescatori locali non avevano i permessi per trasportare persone con le loro barche. La polizia serba ha informato Jedlička che chiunque tentasse di attraversare illegalmente il confine sarebbe stato arrestato. Una cerimonia improvvisata si tenne invece a Bački Monoštor, paese serbo vicino a Liberland[67].

Il 16 febbraio 2018, il politico ed ex candidato alla presidenza degli Stati Uniti Ron Paul è stato presentato ufficialmente con un passaporto e certificato di cittadinanza di Liberland da Jedlička e dal suo gabinetto[68][69]

Inizialmente Jedlička offrì la "cittadinanza di Liberland" a 10.000 Merit, equivalenti a 10.000 dollari[17][70], ma in seguito ridusse la cifra a 5.000 Merit[10]. Ci sarà un limite di 140.000 cittadinanze[63].

Ad aprile 2020, le richieste dichiarate sul sito ufficiale ammontano a 500.000 e i cittadini dichiarati a 1.000[10].

Riconoscimento[modifica | modifica wikitesto]

Dichiarazioni ufficiali da Stati sovrani[modifica | modifica wikitesto]

  • CroaziaCroazia: Liberland è stata menzionata dal ministero degli affari esteri ed europei della Croazia, ma pubblicamente respinta come uno scherzo[71]. Il 29 giugno 2015 il ministero degli affari esteri croato ha dichiarato che lo status di Gornja Siga è indeterminato, ma non è terra nullius e, dopo un arbitrato internazionale, sarà assegnato alla Croazia o alla Serbia, non a terzi[56]. Tuttavia, in una lettera del maggio 2016 al ministro degli interni croato Vlaho Orepić, il ministro degli affari esteri ed europeo croato Miro Kovač ha definito il Liberland "un'idea provocatoria che ha raggiunto proporzioni serie" che "rappresenta un rischio per la Repubblica di Croazia". La lettera chiedeva di trovare una soluzione per "rimuovere la promozione e i tentativi di realizzazione dell'idea di Liberland", raccomandando che "Ministero dell'Interno, Agenzia di sicurezza e intelligence (SIA), Ministero della Giustizia e Ministero degli affari esteri ed europei coordinano le misure necessarie e le loro azioni, in modo che questa idea provocatoria possa essere fermata."[72] Il 17 gennaio 2017, Liberland è stato discusso nel parlamento croato (Sabor) dal politico Ivan Pernar del partito Živi Zid, il quale ha affermato che la Croazia dovrebbe prendere in considerazione il riconoscimento della micronazione[73].
  • SerbiaSerbia: il ministero degli affari esteri serbo ha dichiarato che Liberland non viola il confine con la Serbia, ma il progetto è visto come "frivolo"[55].
  • EgittoEgitto: il ministero degli affari esteri egiziano ha messo in guardia le persone sulla possibilità di truffe sul Liberland dirette a persone in cerca di lavoro all'estero. "Gli egiziani dovrebbero chiedere informazioni al ministero degli esteri piuttosto che ai social media prima di viaggiare per lavoro"[74]
  • Liechtenstein Liechtenstein: il principe del Liechtenstein riconosce Liberland come Stato indipendente[75].
  • Rep. CecaRepubblica Ceca: il ministero degli affari esteri ceco si è dissociato dalle attività di Jedlička, affermando che non ha nulla a che fare con loro. Il ministero ha aggiunto che "Il sig. Jedlička, così come altri cittadini cechi che soggiornano nel territorio della Croazia o della Serbia, è tenuto a rispettare il codice legale locale. La Repubblica ceca considera le attività del sig. Jedlička inadeguate e potenzialmente dannose".[76] Tramite l'Ambasciata della Repubblica Ceca a Zagabria, ha avvertito che gli sforzi per creare un nuovo Stato "non hanno basi nel diritto internazionale" e che "nel territorio della Croazia, anche i cittadini della Repubblica Ceca, così come altri stranieri, sono obbligati ad aderire al codice legale croato, incluso l'attuale regime sul confine croato-serbo. Attraversare il confine croato (cioè la frontiera esterna dell'Unione Europea) al di fuori dei valichi di frontiera specificati, come viene fatto dai viaggiatori per il cosiddetto Liberland, è in chiara violazione del codice."[77]
  • Polonia Polonia: il 24 luglio 2016, 7 membri del parlamento polacco (Sejm) di Kukiz'15, in collaborazione con attivisti locali di Liberland, hanno chiesto al ministro degli affari esteri Witold Waszczykowski quando la Polonia avrebbe riconosciuto la Repubblica Libera di Liberland come uno Stato indipendente[78], con un seguito ad agosto[79]. La risposta è stata che Liberland non soddisfa i criteri per essere uno Stato.[79]

Dichiarazioni ufficiali da Stati non sovrani[modifica | modifica wikitesto]

Dichiarazioni ufficiali di partiti politici[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi partiti minori, la maggior parte senza rappresentanti eletti a livello nazionale, hanno espresso sostegno alla creazione di Liberland.

Dichiarazioni da altri progetti di micronazione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune micronazioni hanno espresso sostegno all'idea di Liberland.

Dichiarazioni di organizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 aprile 2017 Bitnation ha annunciato una partnership con Liberland[97].

Il 20 aprile 2017 Liberland ha presentato domanda di ammissione all'UNPO. La domanda è stata presentata e difesa ufficialmente un mese dopo a Bruxelles, in Belgio. Nel giugno 2017, una delegazione del Liberland è stata invitata ad osservare i lavori della 13ª Assemblea Generale durante la quale sono stati eletti il Presidente e i membri della presidenza[98].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Copia archiviata, su liberland.org. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2015).
  2. ^ Free And Fair - Liberland Nation Anthem, su YouTube.
  3. ^ (EN) Can Freedom-Loving Czechs Build a New Nation on the Danube?, su The Slatest, 16 aprile 2015.
  4. ^ (EN) Liberland: hundreds of thousands apply to live in world's newest 'country', su The Guardian.
  5. ^ (EN) As Liberland Prepares to Celebrate Its Third Birthday, a Progress Report on the Journey So Far, su total croatia news, 26 marzo 2018.
  6. ^ (ENCS) Contact, su Free Republic of Liberland.
  7. ^ (CS) Jedličkův Liberland má novou měnu i první firmu v rejstříku, občanství chce 87 tisíc lidí, su Aktuálně, 7 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Liberland, the world’s newest micro-nation, is already a leader in nation branding, su Quartz, 29 aprile 2015.
  9. ^ a b (EN) Daniel Nolan, Welcome to Liberland: Europe's Newest State, su Vice, 23 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  10. ^ a b c d e f g (EN) Free Republic of Liberland, su Free Republic of Liberland. URL consultato il 15 aprile 2020.
  11. ^ (EN) Czech man claims to create new state, in BBC News, 16 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  12. ^ a b c Člen Svobodných vyhlásil na území bývalé Jugoslávie vlastní stát - Novinky.cz, su www.novinky.cz. URL consultato il 15 aprile 2020.
  13. ^ (SK) Petit Press a.s, Čech si medzi Srbskom a Chorvátskom založil vlastný štát, su svet.sme.sk. URL consultato il 15 aprile 2020.
  14. ^ (EN) Mladen Klemenčić e Clive H. Schofield, War and Peace on the Danube: The Evolution of the Croatia-Serbia Boundary, IBRU, 2001, ISBN 978-1-897643-41-9. URL consultato il 15 aprile 2020.
  15. ^ (EN) Africa highlights: Tuesday 26 September 2017, su BBC News. URL consultato il 15 aprile 2020.
  16. ^ The Free Republic of Liberland has successfully begun the mutual recognition process with the Republic of Somaliland | SomalilandInformer, su web.archive.org, 12 ottobre 2017. URL consultato il 15 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2017).
  17. ^ a b Tara Palmeri, Looking for Liberland, su POLITICO, 2 settembre 2016. URL consultato il 15 aprile 2020.
  18. ^ (BS) Liberland, medijska bomba koja zabavlja stanovnike 'države', su Al Jazeera Balkans, 23 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  19. ^ a b c d e On to myslí vážně! Vít Jedlička, zakladatel nového státu Liberland, promluvil. Zavádí elektřinu, internet, všechno. A lidé se k němu hrnou, su page-maintitle-short-default. URL consultato il 15 aprile 2020.
  20. ^ CZ: Liberland, su youtube.com.
  21. ^ (SR) Čeh proglasio državu između Srbije i Hrvatske, su B92.net. URL consultato il 15 aprile 2020.
  22. ^ a b Je to smršť! Skoro nespím, osadníci se hrnou, noviny se předhánějí. My to prostě uděláme, slyšel plný sál od Víta Jedličky, zakladatele státu Liberland, su page-maintitle-short-default. URL consultato il 15 aprile 2020.
  23. ^ (EN) Meet the man who is setting up a new country in the middle of Europe, su The Independent, 17 aprile 2016. URL consultato il 15 aprile 2020.
  24. ^ Twitter, su mobile.twitter.com. URL consultato il 15 aprile 2020.
  25. ^ (SR) Liberland, su Video. URL consultato il 15 aprile 2020.
  26. ^ a b microstate-tax-haven-in-the-balkans-not-that-easy, su usnews.com.
  27. ^ a b (HR) Putovanje u Liberland zasad stoji 2400 kuna – tolika je kazna za ilegalni prijelaz granice, su www.vecernji.hr. URL consultato il 15 aprile 2020.
  28. ^ Osnivač Liberlanda kažnjen s 2400 kuna za ilegalni prelazak hrvatske granice, su Glas Slavonije. URL consultato il 15 aprile 2020.
  29. ^ Jedličkova bitva u Moháče. Všichni nám tu fandí, říká tvůrce Liberlandu, su iDNES.cz, 11 maggio 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  30. ^ (HR) Vid Jedlička uhićen nakon ulaska na teritorij Liberlanda, su www.vecernji.hr. URL consultato il 15 aprile 2020.
  31. ^ Chorvatsko zatklo „prezidenta“ Liberlandu. Bylo to přátelské, tvrdí Čech, su iDNES.cz, 10 maggio 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  32. ^ (EN) Sally Hayden, President of Liberland Arrested for Trespassing into His Own Self-Declared Country, su Vice, 11 maggio 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  33. ^ (EN) Marco Co, Croatia: Liberland’s President Arrested Again, su InSerbia News, 18 maggio 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  34. ^ Navštívili jsme nový stát Liberland, který v Evropě založil Čech Vít Jedlička. Podívejte se, jak to tam vypadá, su page-maintitle-short-default. URL consultato il 15 aprile 2020.
  35. ^ Javna medijska ustanova JMU Radio-televizija Vojvodine, Liberlend, zemlja koje - nema, su JMU Radio-televizija Vojvodine. URL consultato il 15 aprile 2020.
  36. ^ POTRAGA ZA LIBERLANDOM Reporteri "Avaza" na ničijoj zemlji između Srbije i Hrvatske | Avaz, su web.archive.org, 28 aprile 2016. URL consultato il 15 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2016).
  37. ^ (HR) Igrali odbojku na 'plaži u Liberlandu' pa ih uhitila hrvatska policija, su www.vecernji.hr. URL consultato il 15 aprile 2020.
  38. ^ (HR) Liberland optužuje Hrvatsku za invaziju, su www.vecernji.hr. URL consultato il 15 aprile 2020.
  39. ^ (EN) Sally Hayden, Liberland Accuses Croatia of Invasion and Releases Video of 'Citizen' Abduction, su Vice, 19 giugno 2015. URL consultato il 15 aprile 2020.
  40. ^ (DA) Rådhuspladsen 37 1785 København V. Telefon: 33111313, Dansk mand anholdt efter indtrængen i 'Ingenmandsland', su ekstrabladet.dk. URL consultato il 15 aprile 2020.
  41. ^ (DA) Hvorfor sidder danske Ulrik i et mørkt fangehul på Balkan?, su FOLKETS. URL consultato il 15 aprile 2020.
  42. ^ Liberland Wins Appeals! Lower Courts "Committed a Fundamental Breach" and "Must Rule On Border" | Liberland Press, su web.archive.org, 4 maggio 2016. URL consultato il 15 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2016).
  43. ^ Liberland 5th anniversary speech, su liberlandpress.com.
  44. ^ Navštívili jsme nový stát Liberland, který v Evropě založil Čech Vít Jedlička. Podívejte se, jak to tam vypadá, su page-maintitle-short-default. URL consultato il 16 aprile 2020.
  45. ^ (EN) Alina Simone, On the Danube, the world's newest micro-nation. But Liberland has a problem., su www.wlrn.org. URL consultato il 16 aprile 2020.
  46. ^ (EN) Man forms own European country and more than 160,000 people want citzenship, su Metro, 24 aprile 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  47. ^ (CS) Redakce, Ptejte se lídra Strany svobodných občanů v Královéhradeckém kraji Víta Jedličky, in Hradecký deník, 18 ottobre 2013. URL consultato il 16 aprile 2020.
  48. ^ On to myslí vážně! Vít Jedlička, zakladatel nového státu Liberland, promluvil. Zavádí elektřinu, internet, všechno. A lidé se k němu hrnou, su page-maintitle-short-default. URL consultato il 16 aprile 2020.
  49. ^ a b Ing. Petr Mach, Ph.D. | ParlamentniListy.cz – politika ze všech stran, su www.parlamentnilisty.cz. URL consultato il 16 aprile 2020.
  50. ^ (CS) Dominik Stroukal, Několik nestrukturovaných poznámek k Liberlandu, su Mises.cz. URL consultato il 16 aprile 2020.
  51. ^ (HR) Liberland je Srbija!, su www.index.hr. URL consultato il 16 aprile 2020.
  52. ^ a b c (EN) Introducing Liberland, Europe's Newest Country, su Stratfor. URL consultato il 16 aprile 2020.
  53. ^ Croatian police question Czech leader of wannabe country ‘Liberland’ - PRAGUE POST | The Voice of Prague, su web.archive.org, 26 gennaio 2016. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  54. ^ liberlands leader detained while trying..., su washingtonpost.com.
  55. ^ a b Euan McKirdy CNN, Is Liberland the world's newest micronation?, su CNN. URL consultato il 16 aprile 2020.
  56. ^ a b Mađarska - MVEP • On Virtual Narratives at Croatia’s Borders, su hu.mvep.hr. URL consultato il 16 aprile 2020.
  57. ^ Gabriel Rossman, Extremely Loud and Incredibly Close (But Still So Far): Assessing Liberland’s Claim of Statehood, in Chicago Journal of International Law, vol. 17, n. 1, 1º luglio 2016. URL consultato il 16 aprile 2020.
  58. ^ (EN) An Argument for the International Recognition of Liberland, su The Michigan Journal of International Law, 12 ottobre 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  59. ^ a b (EN) Free Republic of Liberland, su Free Republic of Liberland. URL consultato il 16 aprile 2020.
  60. ^ a b (SR) Čeh proglasio državu između Srbije i Hrvatske, su B92.net. URL consultato il 16 aprile 2020.
  61. ^ Liberland.org - Free Republic of Liberland Laws, su web.archive.org, 2 gennaio 2016. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2016).
  62. ^ Jedličkův Liberland má novou měnu i první firmu v rejstříku, občanství chce 87 tisíc lidí - Aktuálně.cz, su web.archive.org, 11 giugno 2016. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2016).
  63. ^ a b (EN) Libertarian Paradise - Interview with the First President of Liberland | Finance Magnates, su Finance Magnates | Financial and business news, 12 novembre 2018. URL consultato il 16 aprile 2020.
  64. ^ (EN) Is This Startup State a Tax-Free Utopia or Far-Fetched Pipe Dream?, su NBC News. URL consultato il 16 aprile 2020.
  65. ^ (EN) Margi Murphy, Welcome to Liberland: the nation that Bitcoin built, in The Telegraph, 18 febbraio 2018. URL consultato il 16 aprile 2020.
  66. ^ (EN) Daniel Nolan, Liberland: hundreds of thousands apply to live in world's newest 'country', in The Guardian, 24 aprile 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  67. ^ (HR) Liberland, mikrodržava između Hrvatske i Srbije, dobio svoje prve državljane, su Telegram.hr, 2 maggio 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  68. ^ Dr. Ron Paul receives his passport from the Free Republic of Liberland | Liberland Press, su web.archive.org, 3 marzo 2018. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2018).
  69. ^ (EN) Five Minutes Five Issues: School Shootings, Korean War II, Sessions Nonsense, Syria Missions, Liberland, su www.ronpaulinstitute.org. URL consultato il 16 aprile 2020.
  70. ^ almost-10000-syrians-have-registered-to-live-in-a-country-that-might-not-exist, su washingtonpost.com.
  71. ^ (HR) Svjetski mediji dosta ozbiljno shvaćaju onog tipa koji pokušava osnovati mikrodržavu na Dunavu, su Telegram.hr, 23 aprile 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  72. ^ REPUBLIC OF CROATIA MINISTRY OF FOREIGN AND EUROPEAN AFFAIRS, MINISTER Dr. Miro Kovač CLASS: 212-03/15-01/1, NO: 521 – V- 02/16-9, Zagreb, May 12th 2016
  73. ^ Liberland Discussed And Defended In Croatian Parliament | Liberland Press, su web.archive.org, 9 giugno 2017. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2017).
  74. ^ Foreign Min. warns Egyptians against emigrating to Liberland | Cairo Post, su web.archive.org, 6 luglio 2015. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  75. ^ Liberland, riconosciuta anche dal principe del Liechtenstein, su miglioverde.eu.
  76. ^ prohlaseni_a_stanoviska/x2015_05_14_prohlaseni_mzv_ke_kauze, su mzv.cz.
  77. ^ (CS) Upozornění Velvyslanectví ČR k cestám do tzv. „Liberlandu“, su www.mzv.cz. URL consultato il 16 aprile 2020.
  78. ^ Seven members of Polish Parliament proposed the recognition of Liberland | Liberland Press, su web.archive.org, 10 giugno 2017. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2017).
  79. ^ a b Interpelacja nr 4903 - tekst, su www.sejm.gov.pl. URL consultato il 16 aprile 2020.
  80. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 25 marzo 2009. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  81. ^ (EN) Africa highlights: Tuesday 26 September 2017, su BBC News. URL consultato il 16 aprile 2020.
  82. ^ The Free Republic of Liberland has successfully begun the mutual recognition process with the Republic of Somaliland | Liberland Press, su web.archive.org, 16 giugno 2018. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2018).
  83. ^ The Free Republic of Liberland has successfully begun the mutual recognition process with the Republic of Somaliland | SomalilandInformer, su web.archive.org, 12 ottobre 2017. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2017).
  84. ^ Somaliland: Liberland Starts Mutual Recognition Process with Government in Hargeisa | Somaliland Sun, su web.archive.org, 8 marzo 2018. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2018).
  85. ^ (EN) Alex, Liberland Micronation Recognized by Somaliland, su Every World Heritage Site, 13 ottobre 2017. URL consultato il 16 aprile 2020.
  86. ^ Founder-self-declared-micro-nation-Liberland-Croatian-border-welcomes-Syrian-refugees-help-build-new-tax-free-libertarian-utopia, su dailymail.co.uk.
  87. ^ (DE) up! fordert die Anerkennung der Freien Republik Liberland, su up!schweiz, 16 aprile 2015. URL consultato il 16 aprile 2020.
  88. ^ (ES) El P-LIB, con la República Libre de Liberland | P-LIB | Partido Libertario, su p-lib.es. URL consultato il 16 aprile 2020.
  89. ^ (EN) Habertürk, su Dotsub. URL consultato il 16 aprile 2020.
  90. ^ (EN) Tim Moen, Conducting diplomacy with Vìt Jedlička the President of Liberland, a startup nation built on bitcoin and liberty between Croatia and Serbia. Our party will recognize @Liberland_org as a sovereign nation when we form government.pic.twitter.com/4qWYdLEdVx, su @moen_tim, 19 febbraio 2018. URL consultato il 16 aprile 2020.
  91. ^ (EN) Staff, Libertarians resolve to support development of Liberland, su Libertarian Party, 12 dicembre 2018. URL consultato il 16 aprile 2020.
  92. ^ US Libertarian Party now supports recognition of Liberland | Liberland Press, su web.archive.org, 15 dicembre 2018. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2018).
  93. ^ News and Events | Kingdom of North Sudan, su www.kingdomsudan.org. URL consultato il 16 aprile 2020.
  94. ^ (EN) About – enclava.org, su enclava.org. URL consultato il 16 aprile 2020.
  95. ^ (EN) thomas amos, Liberland’s Claim To Independence | Principality of Sealand, su https://sealandgov.org/. URL consultato il 16 aprile 2020.
  96. ^ The Green Nation of Liberland: Plausible or Far Fetched – TechMalak, su web.archive.org, 7 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2016).
  97. ^ (EN) Bitnation, Bitnation Pangea, su Bitnation Pangea. URL consultato il 16 aprile 2020.
  98. ^ Liberland Applies for the UNPO Membership | Liberland Press, su web.archive.org, 25 dicembre 2017. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]