Li Wenliang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Li Wenliang in un disegno

Li Wenliang[1] (李文亮; Beizhen, 12 ottobre 1986Wuhan, 7 febbraio 2020) è stato un medico cinese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Oculista all'ospedale centrale di Wuhan, fu uno dei primi medici a riconoscere la pericolosità della polmonite di Wuhan, lanciando l'allarme sul virus il 30 dicembre 2019[2][3]. Li era giunto in possesso del rapporto scritto da Ai Fen, direttore del pronto soccorso dell'ospedale centrale di Wuhan, che si era allarmato dopo aver ricevuto i risultati di laboratorio di una paziente che aveva esaminato e che presentava sintomi di un'influenza resistente ai metodi di trattamento convenzionali. Il rapporto conteneva la frase "SARS coronavirus" e Li aveva cerchiato la parola "SARS": inviato a un medico in un altro ospedale di Wuhan, il rapporto si diffuse in tutti i circoli medici della città, donde raggiunse Li.

Li, alle 17:43 scrisse, in un gruppo privato WeChat dei suoi compagni di scuola di medicina: "7 casi confermati di SARS sono stati segnalati [in ospedale] dal mercato del pesce di Huanan", allegando anche il rapporto di esame del paziente e l'immagine di scansione TC. Alle 18:42, aggiunse la frase: "secondo le ultime notizie, è stato confermato che si tratta di infezioni da coronavirus". L'esistenza del blog personale di Li, nel quale documentava queste scoperte, fu poi riferita il 1º febbraio 2020 dal quotidiano italiano La Stampa[4].

Il 3 gennaio 2020, la polizia di Wuhan lo convocò, ammonendolo quindi per "aver fatto commenti falsi su internet".[5] Subito dopo Li tornò al lavoro in ospedale ma contrasse il virus da un paziente infetto.

L'ammonizione a Li Wenliang, rilasciata dalla Polizia municipale di Wuhan

Morì per le complicazioni dell'infezione il 7 febbraio 2020 all'età di 33 anni.[6][7] Dopo il suo decesso, il governo cinese ha dichiarato di aver aperto un'inchiesta sull'accaduto.[8] La moglie di Li Wenliang era incinta del loro secondo figlio.[9] Il 2 aprile è stato dichiarato martire ed eroe nazionale.[non chiaro]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Li" è il cognome.
  2. ^ (ZH) 武汉医生李文亮:从“造谣者”到“英雄”, in BBC News 中文, 4 febbraio 2020. URL consultato il 7 febbraio 2020.
  3. ^ 新冠肺炎“吹哨人”李文亮:真相最重要, su china.caixin.com, 7 febbraio 2020. URL consultato il 17 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2020).
  4. ^ Così il regime minacciò i medici sul virus: “State zitti, è a rischio l’ordine sociale, su lastampa.it, 1º febbraio 2020. URL consultato il 14 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Coronavirus kills Chinese whistleblower doctor, in BBC News, 7 febbraio 2020. URL consultato il 7 febbraio 2020.
  6. ^ (EN) Cissy Zhou, Coronavirus: Whistle-blower Dr Li Wenliang confirmed dead of the disease at 34, after hours of chaotic messaging from hospital, su scmp.com, 7 febbraio 2020. URL consultato il 17 marzo 2020 (archiviato il 14 marzo 2020).
  7. ^ 武汉中心医院:李文亮经抢救无效去世, su news.sina.com.cn, 7 febbraio 2020. URL consultato il 17 marzo 2020 (archiviato il 7 febbraio 2020).
  8. ^ (EN) Jonathan Cheng, In China, Anger Simmers Over Coronavirus Doctor’s Death, in Wall Street Journal, 7 febbraio 2020. URL consultato il 7 febbraio 2020.
  9. ^ In Cina rabbia e lacrime per la morte del medico che denunciò l'epidemia, in agi.it, 8 febbraio 2020. URL consultato il 22 marzo 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1204279187