Letteratura norvegese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La letteratura norvegese è la letteratura composta in Norvegia o in lingua norvegese.

La storia della letteratura norvegese inizia con i poemi pagni dell'Edda poetica e la poesia scaldica del IX e X secolo con poeti come Bragi Boddason e Eyvindr skáldaspillir. L'arrivo del cristianesimo intorno all'anno 1000 ha portato la Norvegia a contatto con gli influssi letterari del Medioevo Europea, come le opere degli agiografi e degli storici. Dagli influssi islandesi e con l'apporto della locale tradizione orale la letteratura norvegese inizia a fiorire tra il tardo XII secolo ed il XIII: le principali opere di quel periodo includono la Historia Norvegiæ, Þiðrekssaga e Konungs skuggsjá.

Il periodo che va dal XIV secolo fino al XIX è considerato un periodo oscuro nella letteratura della nazione anche se alcuni scrittori norvegesi come Peder Claussøn Friis e Ludvig Holberg contribuirono alla letteratura dello stato sovranazionale che era la Danimarca-Norvegia. Con l'avvento del nazionalismo e la lotta per l'indipendenza nei primi anni del XIX secolo iniziò a prendere vita un nuovo periodo di letteratura nazionale. Dal romanticismo nazionalista emersero quattro gradi figure: Henrik Ibsen, il padre della drammaturgia moderna, Bjørnstjerne Bjørnson, Alexander Kielland, e Jonas Lie. Se il drammaturgo Henrik Wergeland fu l'autore più influente nel periodo, le opere successive di Henrik Ibsen fecero guadagnare alla Norvegia un posto chiave nella letteratura europea occidentale.

Il Modernismo arriva in Norvegia attraverso i testi di Knut Hamsun e Sigbjørn Obstfelder negli Anni Novanta dell'Ottocento. Negli Anni Trenta Emil Boyson, Gunnar Larsen, Haakon Bugge Mahrt, Rolf Stenersen e Edith Øberg furono gli autori norvegesi che maggiormente sperimentarono la prosa modernista. La letteratura nei primi anni dopo la seconda guerra mondiale fu caratterizzata da una lunga serie di rapporti documentali da parte di persone che erano state in carcere ad opera dei nazisti o che avevano partecipato agli sforzi di resistenza durante l'occupazione. Nel XX secolo i più importanti scrittori norvegesi sono i due autori vincitori del Premio Nobel Knut Hamsun e Sigrid Undset. Il periodo dopo il 1965 ha rappresentato una forte espansione del mercato per la narrativa norvegese e dagli Anni Settanta si è avuto una fase di politicizzazione e di impegno civile degli autori norvegesi. Gli Anni Ottanta sono stati definiti la "decade fantasy" nella letteratura norvegese.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85092725 · BNF (FRcb11977961p (data)