Lettera di suicidio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lettera di suicidio del poeta Heinrich von Kleist, indirizzata alla sorellastra Ulrike

Una lettera di suicidio è un messaggio redatto da una persona che ha compiuto o ha intenzione di compiere un suicidio.

Le motivazioni dietro la redazione di una lettera di addio variano dalla spiegazione del gesto alla confessione di crimini, in particolare nei casi di omicidio-suicidio. Circa il 30% dei suicidi sono accompagnati da una lettera.[1]

Le lettere stilate in età avanzata sono più corte rispetto a quelle composte da soggetti più giovani, che sono spesso caratterizzate dalla richiesta di perdono per il loro gesto.[2]

Motivazioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni campi di studio, come la sociologia, la psichiatria e la grafologia, hanno indagato sui motivi per cui le persone che si uccidono o tentano il suicidio lasciano una nota.

Secondo Lenora Olsen, professoressa presso la University of Utah School of Medicine, i motivi più comuni per cui le persone che pensano al suicidio scelgono di scrivere una nota di suicidio includono uno dei seguenti o di più:[3]

  • Per alleviare il dolore dei conoscenti della vittima tentando di discolparli.
  • Aumentare il dolore dei sopravvissuti tentando di creare sensi di colpa.
  • Per esporre le ragioni del suicidio.
  • Per esprimere pensieri e sentimenti che la persona non si è sentita in grado di esprimere nella vita.
  • Dare istruzioni per lo smaltimento dei resti.
  • Talvolta, per confessare atti di omicidio o altri reati.[4][5][6]

A volte c'è anche un messaggio nel caso di omicidio-suicidio, che spiega i motivi del delitto, come per la dichiarazione di suicidio di Marc Lépine e le dichiarazioni videoregistrate degli attentatori di Londra del 7 luglio 2005.

Personaggi famosi che hanno lasciato una lettera di addio[modifica | modifica wikitesto]

  • Leelah Alcorn - Adolescente transgender americana costretta a sottoporsi a terapia di conversione dai suoi genitori cristiani.[7]
  • Etika - Youtuber statunitense, prima della sua scomparsa, avvenuta il 19 giugno 2019, ha pubblicato quello che sarebbe stato il suo ultimo video su YouTube intitolato semplicemente "Mi dispiace", in cui si scusava per il suo comportamento maniacale nei mesi precedenti al video, ammettendo di avere problemi di salute mentale. Alludendo a pensieri suicidi nel video, ha detto: "Spero che la mia storia possa aiutare a rendere YouTube un posto migliore in futuro in cui le persone conoscono confini e limiti e fino a che punto dovrebbero andare le cose". Sebbene YouTube abbia rimosso il video per aver violato le sue Linee guida della community, i fan di Etika hanno ripubblicato il video su altri punti vendita.
  • Korechika Anami - "Io - con la mia morte - chiedo umilmente scusa all'Imperatore per il grande crimine". Gli storici sono divisi su quale crimine si riferisse, ma forse al suo ruolo nel fallito colpo di stato contro l'imperatore Hirohito nelle ore successive alla resa del Giappone.
  • José Manuel Balmaceda - Presidente cileno.
  • Clara Blandick - Attrice cinematografica americana, famosa soprattutto per aver interpretato la zia Emma ne Il mago di Oz. La sua nota iniziava: "Ora sto per fare la grande avventura".[8]
  • Leslie Cheung - Attore e musicista hongkonghese affetto da depressione clinica.
  • Christine Chubbuck - Conduttrice televisiva di WXLT TV (Sarasota) suicidatasi durante una puntata del telegiornale.
  • Kurt Cobain - Cantante dei Nirvana. La lettera è indirizzata al suo amico immaginario d'infanzia e spiega le ragioni per cui ha lasciato i Nirvana, seguite da un messaggio a sua moglie, Courtney Love, e a sua figlia, Frances Bean Cobain. La lettera faceva riferimento a Freddie Mercury e citava la frase "It's Better to Burn Out Than to Fade Away" dalla canzone "Hey Hey, My My (Into the Black)" dall'album Rust Never Sleeps di Neil Young.
  • Ian Curtis - Cantante dei Joy Division. Nelle prime ore del 18 maggio 1980, Curtis si impiccò nella cucina di casa sua al 77 di Barton Street, Macclesfield. Aveva appena visto il film La ballata di Stroszek di Werner Herzog e ascoltato The Idiot di Iggy Pop.
  • Dalida - Cantante italiana naturalizzata francese. Ha scritto: "La vita è diventata insopportabile ... perdonatemi".[9]
  • Brad Delp - Voce principale dei Boston che ha lasciato la seguente nota: "Mr. Brad Delp." J'ai une âme solitaire ". I am a lonely soul."[10]
  • Budd Dwyer - Politico della Pennsylvania che, durante una conferenza stampa televisiva registrata, ha letto una dichiarazione preparata e poi si è sparato.
  • George Eastman - Inventore della 35 mm e fondatore di Kodak. La sua lettera diceva semplicemente: "Ai miei amici: il mio lavoro è finito. Perché aspettare?"[11]
  • Lee Eun-ju - Attrice sudcoreana. Ha lasciato un biglietto di suicidio scarabocchiato nel sangue, in cui ha scritto: "Mamma, mi dispiace e ti voglio bene". Una nota a parte diceva: "Volevo fare troppo. Anche se vivo, non sono veramente viva. Non voglio che nessuno rimanga deluso. Il denaro non è tutto, ma il mondo soffre a causa di esso".
  • Justin Fashanu - Calciatore inglese gay, accusato di violenza sessuale nel Maryland. La sua lettera di suicidio negava le accuse,[12][13] affermando che il sesso era consensuale[12][13] e che era fuggito in Inghilterra perché sentiva di non poter ottenere un giusto processo a causa della sua omosessualità,[13] e aggiungeva: "Mi sono reso conto che ero già stato presunto colpevole. Non voglio dare più imbarazzo ai miei amici e alla mia famiglia".[14]
  • James Vincent Forrestal - Ex Segretario della difesa degli Stati Uniti d'America e Segretario alla Marina degli Stati Uniti d'America.
  • Romain Gary - Scrittore francese. Ha scritto una lettera di suicidio spiegando le motivazioni e poi si è sparato in bocca. Oltre ad essa, aveva dichiarato: "Mi sono davvero divertito. Arrivederci e grazie".
  • Pete Ham - Leader del gruppo rock Badfinger. La sua lettera incolpava il manager del gruppo per la sua rovina finanziaria, definendolo "... un bastardo senz'anima. Lo porterò con me".
  • Rudolf Hess - Criminale di guerra nazista che si è suicidato nel Carcere di Spandau. "Grazie ai direttori per aver indirizzato questo messaggio a casa mia. Scritto diversi minuti prima della mia morte."
  • Dead - Storico cantante dei Mayhem. Affetto dalla sindrome di Cotard, nella lettera lasciata prima di spararsi in testa con un fucile, spegava: "io non sono umano, questo è solo un sogno e presto mi sveglierò".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Incidence of note-leaving remains constant despite increasing suicide rates, in Psychiatry and Clinical Neurosciences, vol. 59, n. 2, 2005, pp. 226-228, DOI:10.1111/j.1440-1819.2005.01364.x.
  2. ^ (EN) Suicide notes: what do they tell us?, in Acta Psychiatrica Scandinavica, vol. 98, n. 6, dicembre 1998, pp. 467-473, DOI:10.1111/j.1600-0447.1998.tb10121.x.
  3. ^ Template:Cite thesis
  4. ^ Suicide note reveals murder confession, London, bbc.co.uk, 14 luglio 1971. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  5. ^ Man jailed for murder in lay-by, London, bbc.co.uk, 1º marzo 2008. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  6. ^ Suicide note found in murder-suicide case, cbc.ca, 23 giugno 2000. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  7. ^ Kashmira Gander, Transgender teenager Leelah Alcorn took her life because 'parents would not allow her to transition', in The Independent, 30 dicembre 2014. URL consultato il 31 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2015).
  8. ^ Axel Nissen, Mothers, Mammies and Old Maids: Twenty-Five Character Actresses of Golden Age Hollywood, Jefferson, North Carolina, McFarland & Co., 2012, p. 8, ISBN 978-0-7864-6137-0, OCLC 761369278.
  9. ^ 3 mai 1987, Dalida se donne la mort à son domicile parisien, in La Croix, 3 maggio 2017. URL consultato il 27 maggio 2019.
  10. ^ Katharine Webster, Singer's suicide note describes his despair, in Boston.com, 16 marzo 2007. URL consultato il 27 maggio 2019.
  11. ^ Janice Bullard Pieterse, Our Work Is But Begun: A History of the University of Rochester 1850-2005, Rochester, New York, University of Rochester Press, 2014, p. 48, ISBN 978-1-58046-503-8, OCLC 881440459.
  12. ^ a b Dominic Kennedy, US police say Fashanu lied about his sexuality, The Times, 10 settembre 1998.
    «Howard County Police yesterday gave The Times the first details of Fashanu's alleged lies after the Coroner for Poplar, East London, stated that the "fallen hero" had not been a wanted man at the time he hanged himself. The inquest heard evidence from a Scotland Yard detective that the Americans had made no request for Fashanu to be found or arrested. Howard County Police pointed out that this was because they did not know he was in England. Had they known, they would have begun extradition proceedings ... Justin Fashanu's suicide note, which was read out by the coroner, accused the boy of being a willing partner and a blackmailer. The youth told police that he woke in Fashanu's bed after a drinking party to find Fashanu performing a sex act on him. Fashanu was charged with second-degree sexual assault, and first-degree and second-degree assaults, which he denied. He faced a possible 20 years in jail. Homosexual acts are illegal in Maryland. An arrest warrant was issued by Howard County District Court on 3 April. By then, Fashanu's flat was empty.».
  13. ^ a b c Suicide verdict on footballer Fashanu, in BBC News, 9 settembre 1998.
  14. ^ Vicky Powell, Suicide note increases speculation over death of Justin Fashanu, in Gay Times, n. 237, June 1998.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]