Let's Dance (singolo David Bowie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Let's Dance
Let's Dance singolo.png
David Bowie in una scena del video
Artista David Bowie
Tipo album Singolo
Pubblicazione 17 marzo 1983
Durata 7:37 (Album version)
4:10 (Single edit)
Album di provenienza Let's Dance
Genere Soul bianco
Dance rock
Etichetta EMI America - EA152
Produttore Nile Rodgers
Registrazione Power Station, New York, dicembre 1982
David Bowie - cronologia
Singolo successivo
(1983)
(EN)

« Put on your red shoes and dance the blues! »

(IT)

« Indossa le tue scarpe rosse e balla il blues! »

(Let's Dance, David Bowie)

Let's Dance è un brano musicale scritto ed interpretato dal musicista britannico David Bowie, title track dell'omonimo suo album del 1983. Lo stesso anno la canzone è stata pubblicata come primo singolo estratto dal disco, rivelandosi uno dei maggiori successi in carriera per Bowie.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo entrò in classifica in Gran Bretagna alla posizione numero cinque, balzando poi in vetta e restandoci per le successive tre settimane. Poco tempo dopo, Let's Dance conquistò la prima posizione anche nella Billboard Hot 100 statunitense, diventando così l'unico singolo di David Bowie numero 1 in classifica su entrambe le sponde dell'Atlantico.

Let's Dance introdusse Bowie ad una nuova fetta di pubblico costituita da giovani all'oscuro della sua precedente produzione discografica degli anni settanta. Anche se la traccia si rivelò il suo brano dal maggior appeal commerciale fino ad allora, l'enorme successo ebbe l'incongruo effetto di allontanare Bowie da questo suo nuovo pubblico di teenagers, che il musicista affermava di non conoscere, né di sapere cosa essi volessero o chiedessero.[1] I successivi due album del cantante, prodotti in uno sforzo evidente di incontrare i favori di questa nuova audience, ne soffrirono dal punto di vista creativo e del risultato artistico stesso.[2]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip musicale della canzone fu diretto da David Mallet in Australia, utilizzando come location, tra le altre, un bar a Carinda nel Nuovo Galles del Sud e il Warrumbungle National Park vicino Coonabarabran. Il video mostra Bowie mentre suona con la sua band osservando impassibile una coppia di aborigeni nativi australiani che danzano come metafora dell'imperialismo culturale occidentale. Le scarpe rosse ("red shoes") menzionate nel brano vengono mostrate in diversi contesti come simbolo dell'oppressione imperialista. Così Bowie descrisse il video: «Molto semplice e diretto, una dichiarazione contro il razzismo e la repressione».[3]

Esecuzioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Il brano venne regolarmente eseguito durante lo svolgimento del Serious Moonlight Tour (il cui titolo deriva da una strofa del testo di Let's Dance). Inoltre fu presenza fissa anche nel corso dei successivi Glass Spider Tour (1987), e Sound+Vision Tour (1990).

Tracce singolo[modifica | modifica wikitesto]

7" EMI America / EA 152 (UK)
  1. Let's Dance (Bowie) – 4:07 (Single Version)
  2. Cat People (Putting Out Fire) (Bowie, Moroder) – 5:09
12" EMI America / 12EA 152 (UK)
  1. Let's Dance (Bowie) – 7:38 (Album Version)
  2. Cat People (Putting Out Fire) (Bowie, Moroder) – 5:09

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1983) Posizione
massima
Australia 2
Austria 2
Canada 1
Germania 2
Irlanda 1
Norvegia 1
Nuova Zelanda 1
Paesi Bassi 1
Regno Unito 1
Stati Uniti 1
Stati Uniti (hot dance club play) 1
Stati Uniti (mainstream rock songs) 8
Stati Uniti (hot r&b/hip-hop songs) 14
Svezia 1
Svizzera 1

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Campionamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Steve Pond, Beyond Bowie in Live! magazine, marzo 1997, pp. 38–41, 93.
  2. ^ David Fricke, David Bowie Interview in Musician magazine, nº 74, dicembre 1984, pp. 46–56.
  3. ^ Kurt Loder, Straight Time in Rolling Stone magazine, nº 395, 12 maggio 1983, pp. 22–28,81.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pegg, Nicholas, The Complete David Bowie, Reynolds & Hearn Ltd, 2000, ISBN 1-903111-14-5
  • Mojo Bowie, EMAP Performance Network ltd, 2004
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock