Leszczynski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leszczynski
POL COA Wieniawa.svg
StatoAlex K Kingdom of Poland-flag.svg Regno di Polonia
Chorągiew królewska króla Zygmunta III Wazy.svg Confederazione polacco-lituana
Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
Flag of Lorraine.svg Ducato di Lorena
TitoliCross pattee.png Re di Polonia
Cross pattee.png Granduca di Lituania
Cross pattee.png Granduca di Rutenia
Cross pattee.png Granduca di Prussia
Cross pattee.png Granduca di Mazovia
Cross pattee.png Granduca di Samogizia
Cross pattee.png Granduca di Livonia
Cross pattee.png Granduca di Smolensk
Cross pattee.png Granduca di Severia
Cross pattee.png Granduca di Černigov
Cross pattee.png Duca di Lorena e Bar[1]
Cross pattee.png Conte del S.R.I.[2]
Cross pattee.png Regina di Francia e Navarra[3]
FondatoreRafał Leszczyński
Ultimo sovranoStanislao Leszczyński
Data di fondazioneXV secolo
Data di estinzione1766
Etniapolacca

I Leszczynski sono una famiglia nobile polacca, la cui forma femminile del nome è Leszczyńska. La sua origine va attribuita al nobile Rafal Leszczynski , deceduto nel 1441, della città di Leszno, considerato il padre della dinastia e tenutario di vari uffici nel Regno di Polonia.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Leszczynski è sempre stata una potente e ricca famiglia polcacca. Nel 1473 Rafal Leszczynski ottenne da Federico III d'Asburgo il titolo di conte del Sacro Romano Impero, successivamente passato ai suoi discendenti. Tra la fine del 1500 e l'inizio del 1600 ,a famiglia era molto influente, soprattutto quando sostennero il calvinismo, trasformando i loro palazzi in importanti centri della chiesa riformata polacca.

Membri notabili[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal 1736, anno della seconda abdicazione di Stanislao al trono di Polonia e Lituania in seguito alla guerra di successione polacca
  2. ^ Titolo concesso da Federico III d'Asburgo
  3. ^ Titolo di Maria Leszczyńska

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]