Les biches (Poulenc)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Les biches
Titolo italianoLe cerbiatte
Lingua originalefrancese
StatoFrancia
Anno1924
Prima rappr.6 gennaio 1924, Teatro del Casinò di Montecarlo
CompagniaBalletti russi
Genereballetto classico
RegiaBronislava Nijinska
Soggettofiaba tradizionale
SceneggiaturaJean Cocteau
ProduzioneSerge Diaghilev
MusicheFrancis Poulenc
CoreografiaBronislava Nijinska
ScenografiaMarie Laurencin
Les Biches
CompositoreFrancis Poulenc
Tipo di composizionesuite orchestrale
Numero d'operaFP36
Epoca di composizione1923 (rev.1939)
DedicaRaymonde Linossier[1]
Durata media12 min ca.
Organicovedi sotto
Movimenti
vedi sotto

Les biches è un balletto del 1923 scritto dal compositore francese Francis Poulenc (numero di opus: FP36) su commissione dei Balletti russi di Serge Diaghilev, con la sceneggiatura di Jean Cocteau e l'adattamento scenico di Marie Laurencin. Del balletto esiste anche una suite orchestrale, comprendente solo 5 movimenti del balletto originale e priva del coro, rielaborata dallo stesso compositore nel 1939 in versione finale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Poulenc scrisse la partitura di questo balletto prendendo ispirazione da un quadro di Watteau intitolato Le Parc aux Biches, rappresentante scene pastoral-idilliache del Settecento francese. A tale ispirazione si aggiunse la richiesta dell'impresario Diaghilev che desiderava un balletto che ricordasse Les Sylphides di Alexander Glazunov. Ne uscì una composizione che faceva riferimento sia alle musiche del tardo classicismo che alle sonorità più alla moda in quegli anni, costituite da modalità e influssi jazz (si veda il chiaro esempio del Rag mazurka). L'originalità di questo balletto risiede anche nell'inserimento del coro misto posizionato dietro la scenografia o, comunque, nascosto al pubblico, elemento presente nella musica dell'epoca solo nel Dafni e Cloe di Ravel.

Il soggetto[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge in un ricco salone di una casa borghese dove una elegante signora (L'Hôtesse) intrattiene i convenuti: ci sono tre giovani ragazzi desiderosi di mostrare le loro abilità fisiche, c'è una strana ragazza vestita di blu (La Dame en Bleu), una coppia di ragazze vestite di grigio e tre altre giovani che portano dei lunghi pennacchi in testa e delle sigarette con il bocchino[2].

Come già detto, il soggetto è tratto da un dipinto di Watteau, trasformato in sceneggiatura dall'abile Jean Cocteau che, come fece per Le Train Bleu di Darius Milhaud costruisce una storia fantastica, quasi surreale che non parla di nulla di concreto ma si limita a dipingere le trasgressioni amorose di tre giovani ragazzi e le ambigue relazioni erotiche delle ragazze[3] in un contesto che è la parodia dell'idilliaco '700 ma è allo stesso tempo l'esatta fotografia della vita dei giovani borghesi degli anni venti. Leon Botstein scrisse che "il soggetto del balletto, se ve n'è uno, è il piacere sessuale"[4]. La leggerezza, la sensualità e l'ambiguità di questo soggetto fecero dire a Cocteau:

«Insomma con questo balletto sapete cosa sembra di vedere? Dalla casa di fronte, una mano maliziosa, perfida, abile, con uno specchietto dirige un raggio di sole su un viso di donna[5]»

Movimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Rondeau
  • Adagietto
  • Rag Mazurka
  • Andantino
  • Final

La prima esecuzione[modifica | modifica wikitesto]

La première del balletto avvenne il 6 gennaio 1924 al Teatro del Casinò di Montecarlo per opera dei Balletti russi, ed ebbe per protagoniste la stessa coreografa Bronislava Nijinska nel ruolo principale e Vera Nemtchinova in quello di co-protagonista. Le scenografie e i vestiti furono di Marie Laurencin mentre la direzione dell'orchestra fu affidata a Ernest Ansermet.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

L'organico richiede 2 flauti con ottavino, 2 oboi con corno inglese, 2 clarinetti con clarinetto basso, 2 fagotti con controfagotto, 4 corni, 3 trombe, 3 tromboni, tuba, timpani, percussioni, celesta, arpa e archi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ duepuntiedizioni.it[collegamento interrotto]
  2. ^ dal sito di Mara Galeazzi[collegamento interrotto]
  3. ^ Scheda del balletto Archiviato il 17 ottobre 2010 in Internet Archive.
  4. ^ Programma di sala per un'esecuzione della suite orchestrale
  5. ^ Il Gallo e l'Arlecchino, Firenze 1987, Passigli, pag.101
Controllo di autoritàGND (DE300899076