Les 21 jours d'un neurasthénique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Les Vingt et un Jours d'un neurasthénique
Titolo originale Les Vingt et un jours d'un neurasthénique
Mirbeau21DaysNeurasthenic.jpg
Edizione francese
Autore Octave Mirbeau
1ª ed. originale 1901
Genere romanzo
Sottogenere realista, critica sociale
Lingua originale francese
Ambientazione Luchon, anni 1900
Protagonisti Georges Vasseur

Les Vingt et un Jours d'un neurasthénique (1901) è un romanzo dello scrittore francese Octave Mirbeau. Non è stato tradotto in italiano.

Un patchwork[modifica | modifica wikitesto]

Les Vingt et un Jours d'un neurasthénique è un collage di una cinquantina di racconti crudeli, pubblicati da quindici anni nella stampa, concepiti indipendentemente gli uni dagli altri, e di tonalità molto diverse (vedere l'edizione critica del romanzo da Pierre Michel, in Œuvre romanesque, Buchet/Chastel, vol. III, 2001).

Così Mirbeau contribuisce a rinnovare il genere romanzesco tradizionale, rinunziando ad ogni costruzione finalista e trasgredendo il codice di credibilità romanzesca. Come Il giardino dei supplizi, si tratta di una mostruosità letteraria.

Una società matta[modifica | modifica wikitesto]

Jean Launois, Les 21 jours d'un neurasthénique, 1935

La società francese della Terza Repubblica è presentata come se fosse moribonda e diventata completamente matta. L'assurdo si trova in ogni luogo, e « l'ordine sociale », come dicono i dominanti, è in realtà un caos, dove prevalgono la miseria ed il delitto, l'ingiustizia e la corruzione, l'arbitrario e la violenza.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Octave Mirbeau, Les 21 jours d'un neurasthénique, Charpentier-Fasquelle, 1901, pp. 435.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura