Lercio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lercio
sito web
Logo
Lercio-MIA-2018.png
Parte della redazione di Lercio alla Festa della Rete del 2018
URLwww.lercio.it
Tipo di sitoGiornale parodistico online
LinguaItaliano
Commercialeno
Lancioottobre 2012
Stato attualeattivo

Lercio è un sito satirico italiano di false notizie di taglio umoristico, comico e grottesco che fanno il verso agli articoli tipici della stampa sensazionalistica. Praticando la parodia del giornalismo tradizionale, Lercio si inserisce nel filone internazionale della cosiddetta News satire.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sito, ideato da Michele Incollu come parodia della free press Leggo, dal quale riprende il font del logo,[1] pubblica la sua prima notizia il 28 ottobre 2012.[2]

Lercio si sviluppa all'interno del collettivo satirico Acido Lattico, che riuniva autori formatisi alla scuola de La Palestra, un'iniziativa web di Daniele Luttazzi[3] in cui "acido lattico" era un capitolo del manuale di istruzioni per i neofiti: gli autori del collettivo Acido Lattico sono la prima redazione di Lercio.[4]

Il 13 settembre 2014 ai Macchianera Italian Awards Lercio si rivela al grande pubblico vincendo il premio nelle categorie miglior sito e miglior battuta.[5]

Nel novembre 2014 è uscito il libro Un anno Lercio: il 2014 come non l'avete mai letto pubblicato dalla casa editrice Rizzoli.[6]

La pala dedicata a Lercio dall'Accademia della Crusca

Nel 2015, la prestigiosa Accademia della Crusca di Firenze, presa di mira dal collettivo in numerosi articoli, ha dedicato a Lercio una delle sue celebri pale.

Dal 6 marzo 2017 la testata ha iniziato a realizzare il TG Lercio, trasmesso in televisione da DMAX.

Il 13 aprile 2017 è uscito il libro Lercio. Lo sporco che fa notizia. Il libro edito da Shockdom, con prefazione di Daniele Luttazzi e introduzione a fumetti di Sio.[7]

Nell'agosto 2017 Lercio si è esibito con due show alla 25ª edizione del Sziget Festival di Budapest.

Dal 2018 Lercio collabora con celebri siti satirici di tutta Europa, come Der Postillon (Germania), Le Gorafi (Francia) e El Mundo Today (Spagna), scambiandosi e traducendo articoli.

Nel novembre 2018, due redattori del collettivo hanno partecipato a una missione in Etiopia nell'ambito di un progetto sotto l'egida della ong internazionale AMREF.[8] Da questa esperienza è stato ricavato un reportage in cui il continente africano viene visto con gli occhi di un sovranista dal nome di Primo italico.[9]

Il 6 dicembre 2018, con prefazione di Giobbe Covatta e copertina e disegni interni di Sara Pichelli, viene pubblicato, ancora per Shockdom, il volume Lercio. La storia lercia del mondo. I retroscena dell'umanità, composto quasi esclusivamente da materiale inedito.[10]

Dal 28 gennaio 2019, nella libreria di Audible è disponibile Best of Lercio, una selezione dei migliori articoli pubblicati nei mesi precedenti.

Il 21 novembre 2019, il TG Lercio fa il sue debutto su un canale televisivo RAI nella trasmissione Gli Stati Generali, condotta da Serena Dandini sulla terza rete nazionale.

Nel mese di giugno 2020, Lercio.it si è collocato al 7º posto nella classifica delle interazioni dei media italiani sui social network.[11]

Il 28 luglio 2020, esce per Rizzoli il libro quiz Vero o Lercio? Lo sporco che non ti aspetti.[12]

Nel maggio 2021, la casa editrice People, fondata da Giuseppe Civati, pubblica Mock 'n Troll, il primo saggio di Lercio che si occupa delle burle giornalistiche a carattere satirico che vantano precursori come Benjamin Franklin e Mark Twain.

Articoli del collettivo sono citati in saggi e libri di testo per la scuola. A luglio 2020, il sito dell'Istituto Treccani ha pubblicato una disamina della satira metaliguistica presente negli articoli di Lercio.[13]

Titoli di Lercio sono apparsi nei film L'amore ai tempi di Sh.rek (2019) di Alessandro Derviso e Vivere (2019) di Francesca Archibugi.

La redazione di Lercio interviene in istituti e università per parlare dei rapporti tra satira e fake news e ha partecipato a importanti festival in tutta Italia, tra cui il Cortona Mix Festival, Parole O_Stili, Prix Italia, Parole in Cammino - Il festival dell'Italiano, Futura Festival, Web Marketing Festival, Social Media Strategies, Maker Faire e il Festival internazionale del giornalismo di Perugia.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

2014
  • Lercio partecipa con LercioNews alla trasmissione #StaiSerena (Rai Radio 2), programma di Serena Dandini. Alla conduzione del finto telegiornale a cadenza settimanale c'è Simone Salis.
  • Nell'estate 2014 Lercio è ospite di Selfie (Rai Radio 2), programma condotto da Michele Dalai e Camila Raznovich.
2015
  • LercioNews di Lercio è presente nella trasmissione Radio 2 Social Club, programma di Luca Barbarossa con cadenza quotidiana. La voce del finto telegiornale è di Simone Salis.
2016
  • Lercio è presente con il TG Lercio nell'ambito di Radio2 Weekend, programma di Simone Salis.
2018

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

2017
  • TgLercio (condotto da Simone Salis) su DMAX.
2019
  • Tg Lercio (condotto da Guglielmo Favilla) in Gli Stati Generali, su Rai Tre.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni redattori di Lercio insieme a Giobbe Covatta al Festival internazionale del giornalismo di Perugia
2014
2015
  • Macchianera Italian Awards (categorie miglior sito, miglior sito umoristico-satirico e miglior battuta)[14]
  • Premio satira politica Forte dei Marmi per il Web[15]
2016
  • Premio satira Carnevale di Viareggio
  • Macchianera Italian Awards (categorie miglior sito, miglior sito umoristico-satirico e miglior battuta)[16]
2017
  • Web Marketing Festival (categoria Digital Journalism)
  • Macchianera Italian Awards (categorie miglior sito, miglior sito di satira e miglior battuta)[17]
2018
  • Macchianera Italian Awards (categorie miglior sito di satira e miglior battuta)[18]
2019
  • Premio "Massimo Troisi" per la miglior scrittura comica
  • Premio Internazionale di Satira e Caricatura "Gabriele Galantara"
  • Macchianera Italian Awards (categorie miglior sito, miglior sito di satira e miglior battuta)[19]
  • Biennale dell'Umorismo di Tolentino (premio Accademia Social)

2020

  • Premio per la comunicazione ComBag 2020 del comune di Bagheria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lercio: lo sporco che fa notizia, Sito web de L'Opinione delle libertà.
  2. ^ Cina: liberato pozzo ostruito da un bambino, Lercio.it
  3. ^ La Palestra, Sito web di Daniele Luttazzi.
  4. ^ Lercio, i fondatori: «Non chiamatele bufale, facciamo satira», Lettera43. URL consultato il 14 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ Se le bufale sono meglio delle news. Festa della Rete, premiato Lercio.it, Sito web de L'Unione sarda.
  6. ^ Un anno Lercio - Il 2014 come non l'avete mai letto, Rizzoli.
  7. ^ Lercio. Lo sporco che fa notizia. Il libro, Shockdom.
  8. ^ Lercio con il razzista immaginario: «La nostra Africa sfata i pregiudizi», Corriere.it
  9. ^ Primo Italico, il viaggio di un hater in Africa, amref.it
  10. ^ Lercio – La storia lercia del mondo – i retroscena dell’umanità, Shockdom
  11. ^ TOP MEDIA ITALIANI PIÙ ATTIVI SUI SOCIAL. In aprile vince la voglia di distrarsi: sport e entertainment battono informazione, Primaonline.it
  12. ^ Vero o Lercio? Lo sporco che non ti aspetti, BUR Rizzoli
  13. ^ “Il congiuntivo? Ce lo siamo inventati” La satira metalinguistica nelle notizie di Lercio, Treccani.it
  14. ^ #MIA15 – Macchianera Italian Awards 2015: I vincitori, Macchianera.net.
  15. ^ 43° premio Forte dei Marmi per la satira politica, viareggino.com.
  16. ^ #MIA16 – Macchianera Italian Awards 2016: I vincitori, Macchianera.net.
  17. ^ #MIA 17 - Macchianera Italian Awards 2017: I vincitori, Macchianera.net.
  18. ^ #MIA 18 - Macchianera Italian Awards 2018: I vincitori
  19. ^ #MIA19 - Macchianera Italian Awards 2019: I vincitori, Macchianera.net

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Un anno Lercio: il 2014 come non l'avete mai letto, Rizzoli editore, 2014, ISBN 8817079081
  • Lercio. Lo sporco che fa notizia. Il libro, Shockdom, 2017, ISBN 8893360594
  • Lercio. La storia lercia del mondo. I retroscena dell'umanità, Shockdom, 2018, ISBN 8893361310
  • Vero o Lercio? Lo sporco che non ti aspetti, BUR Rizzoli, 2020, ISBN 9788817148368
  • Mock'n'troll. Mock journalism, troll, fake news e altri anglicismi a caso, da Benjamin Franklin ai giorni nostri, People, 2021, ISBN 9791280105530

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Internet Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet