Leopold Stotch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leopold "Butters" Stotch
Lstotch.png
Butters (al centro) al mare con Stan e Kyle
UniversoSouth Park
Lingua orig.Inglese
Autori
Voce orig.Matt Stone
Voci italiane
  • Simone Mori (2002-2003)
  • Walter Rivetti (2005-in corso)
SessoMaschio
Luogo di nascitaKauai, Hawaii, Stati Uniti Stati Uniti
Data di nascita11 settembre[1] (anno = ?)

Leopold Stotch detto Butters è un personaggio del cartone animato South Park. A detta dei due autori, è liberamente ispirato a Eric Stough, produttore e talvolta regista della serie.[2]

Nella quinta e sesta stagione, dopo la morte apparentemente definitiva di Kenny McCormick, diventa uno dei quattro protagonisti della serie, ma anche dopo il ritorno di Kenny continua a rivestire un ruolo importante negli episodi, spesso nelle vesti di spalla o vittima di Eric Cartman.

Originariamente era chiamato Poof Poof o Swanson[1]. Il suo nome è un gioco di parole col vocabolo "butterscotch", che significa caramella di zucchero dura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Butters (tutti i personaggi lo chiamano così, anche i suoi genitori) è considerato da molti fan di South Park il più innocente, ottimista, ingenuo e credulone tra i personaggi della serie; a differenza dei quattro personaggi principali e di gran parte degli abitanti di South Park, impreca raramente e lo fa soltanto con eufemismi come "Oh, madonnina!", "Dolce Gesù" o "Santissima polenta".

È figlio unico e i suoi genitori, Stephen e Linda Stotch, sono estremamente autoritari nei suoi confronti: esigono che lui viva seguendo regole difficilissime e inutili, per poi metterlo in punizione per motivi futili o per avvenimenti di cui il figlio non ha colpa; inoltre non hanno rispetto per lui (in un episodio, Raisins, fanno addirittura una scommessa circa le sue preferenze sessuali) o per le sue esigenze e raramente lo ascoltano quando lui vuole informarli di un fatto, nonostante Butters sia un bravo scolaro e un figlio ubbidiente.

Butters appare sin dal primo episodio della serie (Cartman si becca una sonda anale), ma era uno dei personaggi di sfondo che non parlava mai. Butters pronuncia la sua prima battuta nell'episodio della seconda stagione Con la testa fra le nuvole e comincia ad essere gradualmente introdotto dalla terza stagione, fino ad avere una intera puntata dedicata alla fine della quinta stagione (L'episodio di Butters) che introduce il suo personaggio, pronto a rimpiazzare Kenny oramai veramente morto (anche se quest'ultimo risorgerà alla fine della sesta stagione), e in cui i protagonisti del programma compiaiono brevemente. Stan, Kyle e Cartman lo introducono quindi nel gruppo come "quarto amico".[3]

Durante il suo periodo in sostituzione di Kenny, gli altri tre ragazzi tendono ad isolarlo e sfruttarlo, ricordandogli quanto fosse migliore Kenny rispetto a lui. Poiché è di indole buona e ingenua spesso gli altri personaggi si approfittano di lui, ma spesso la facilità con cui riesce a farsi imbrogliare da chiunque è vicina anche alla stupidità, tanto che Eric Cartman riesce a metterlo sempre in grossi guai, facendogli credere quello che vuole a suo piacimento. Butters infatti diventa progressivamente la vittima principale di Cartman sia direttamente che indirettamente: Eric lo convincerà ad inscenare la sua morte (09x09 Marjorine), mandando in disperazione i genitori; lo rinchiuderà in un bunker anti-atomico per farlo sparire e prendere il suo posto ad una festa di compleanno (07x11 Casa bonita); lo obbligherà ad ingrassare per fare da pubblicità ad un ristorante cinese e poi, quando si accorge che non riesce più a farlo dimagrire, lo costringe a sottoporsi ad un intervento di liposuzione, che naturalmente esegue lui stesso con ben poca delicatezza e quasi uccidendolo (06x02 Jared ha l'A.I.D.E.S.); travestito da robot, lo prenderà in giro per l'intero episodio 08x05, FICO-O. Nonostante questo, accade spesso che alla fine anche Eric finisca per rimetterci.
Ma anche quando non è lui il bersaglio delle macchinazioni del compagno, Butters è sempre il primo a credergli e a spalleggiarlo nei suoi piani, a prescindere da quanto sia ovvio come stia venendo usato e che alla fine risulterà pure lui una vittima (anche inconsapevolmente). Questa sua incapacità di imparare a non fidarsi di Cartman è il motivo per cui i suoi compagni spesso non lo avvertono e lasciano che si faccia mettere nei guai.

Parallelamente alla sua ingenuità Butters mostra spesso di essere estremamente maturo per la sua età: esempi tipici sono i suoi discorsi negli episodi 07x14, Raisins, e 11x02, Cartman fa schifo. Nel primo Butters si innamora di una cameriera al Raisins, salvo scoprire come lei facesse la carina con lui solo per lavoro; tuttavia quando invitato da Stan (anche lui col cuore spezzato in quanto Wendy l'ha lasciato) a unirsi al gruppo dark locale, per mostrare disinteresse verso il mondo, si rifiuta affermando come il suo dolore derivasse dalla felicità dell'aver amato, e che entrambe le sensazioni lo facevano sentire vivo. Nel secondo episodio invece Butters, a causa di un malinteso, viene creduto bi-curioso dal padre e spedito in un campo di "riconversione" religioso; pur continuando a non capire il concetto di "Bi-curioso" alla fine egli si ribellerà agli inefficaci metodi di riconversione usati dal personale del campo.

Professor Caos[modifica | modifica wikitesto]

Dalla sesta stagione Butters acquista una seconda identità per sfogare la sua frustrazione e diventa il Professor Caos: questo supercriminale fittizio ha l'intento di creare, appunto, caos e panico nel mondo ed è una rivincita che il timido Butters pensa di prendersi contro il sistema che lo opprime. Ogni volta che elabora un piano, tuttavia, il Professor Caos fallisce miseramente. I "crimini" compiuti dal Professor Chaos infatti sono gesti del tutto innocui e spesso ridicoli (come rubare il cancellino della maestra o scambiare le mutande in un cassetto) che sottolineano l'ingenuità di fondo di Butters.

Nell'episodio 06x07, I Simpson l'hanno già fatto, la frustrazione di Butters aumenta a causa del programma I Simpson, nelle cui puntate appaiono tutte le idee "criminali" del Professor Chaos prima che questi possa realizzarle. In questo episodio molti progetti che Butters intende realizzare non sono innocui però è palese che essendo un semplice bambino di otto anni non sarebbe mai riuscito ad atturarli, denotando così ulteriormente la sua ingenuità.

Quando Butters "diventa" il Professor Caos indossa un piccolo mantello verde e guanti, stivali e elmetto di carta stagnola. Nonostante sia palese che Butters sia Chaos, la maggior parte delle persone non riesce a riconoscerlo. Il Professor Chaos ha un assistente, Dougie, alias Generale Distruzione.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Butters ha un ciuffo di capelli biondi in cima alla testa e indossa un giacchetta colore acqua di mare e dei pantaloni color verde. Lo si può vedere indossare anche un pigiama bianco a pois di vari colori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Trivia for "South Park" (1997), imdb.com. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  2. ^ (EN) FAQ, southparkstudios.com. URL consultato il 23 dicembre 2011.
  3. ^ Don Kaplan, South Park Won't Kill Kenny Anymore, 08-04-2002. URL consultato il 05-05-2009 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]