Leonid Štejn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leonid Štejn (Amsterdam, 1969)

Leonid Zacharovyč Štejn (in ucraino: Леонід Захарович Штейн?, in russo: Леонид Захарович Штейн?, noto anche come Leonid Stein; Kam"janec'-Podil's'kyj, 12 novembre 1934Mosca, 4 luglio 1973) è stato uno scacchista sovietico.

Dal 1960 fino alla prematura scomparsa all'età di 38 anni fu uno dei più forti giocatori del mondo. I suoi risultati gli avrebbero permesso più volte di accedere al torneo dei candidati, ma la regola secondo la quale solo tre sovietici erano ammessi a tale torneo gli impedì in pratica di parteciparvi. In mancanza di tale impedimento, è opinione di molti che sarebbe stato un serio pretendente al titolo mondiale.

Al riguardo Garri Kasparov scrive nel secondo volume de "I miei grandi predecessori":

"Pensate cosa significasse avere la consapevolezza di essere più forti e di precedere in classifica giocatori che poi avrebbero giocato al tuo posto... Sono forse queste ferite al cuore, che sanguinano sempre, una delle cause della scomparsa prematura di Stein".[1]

Il suo stile di gioco era improntato all'attacco, ma pur accettando il rischio come una componente vitale del gioco, era meno propenso di Tal ad entrare in posizioni dall'esito imprevedibile. Era un grande esperto di aperture complesse come l'est indiana, la Grünfeld e la siciliana.

Principali risultati[modifica | modifica wikitesto]

Štejn partecipò con l'Unione Sovietica a due olimpiadi: Tel Aviv 1964 e L'Avana 1966, realizzando +15 –2 =8 (76%). Vinse due medaglie d'oro di squadra e due individuali (una d'oro e una d'argento).

Nel 1973 si era già qualificato per l'Interzonale di Petropolis, ma mentre stava preparandosi a partecipare al campionato europeo a squadre di Bath, fu colto da un attacco cardiaco nell'Hotel Rossija di Mosca.

Partite notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Garry Kasparov: I miei grandi predecessori, Edizioni Ediscere
  2. ^ Per valutare la forza di questo torneo, può bastare dire che Spassky di classificò 6°-8° e il campione del mondo Petrosyan 9°-12°.
  3. ^ lo spareggio con Reshevsky, giocato a Los Angeles, si concluse in parità, ma Reshevsky si qualificò per il miglior coefficiente Sonneborn-Berger.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74657608 · ISNI (EN0000 0000 2569 1304 · LCCN (ENn80144848 · GND (DE119188368