Leoni (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leoni
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2015
Durata90 min
Rapporto2.35 : 1
Generecommedia
RegiaPietro Parolin
SoggettoPietro Parolin, Mario Cristiani, Andrea Fazzini
Produttore esecutivoElisabetta Bruscolini
Casa di produzioneCSC Production
Distribuzione (Italia)Bolero Film
FotografiaLuca Coassin
MontaggioDavide Vizzini
MusicheLorenzo Tomio
ScenografiaMauro Vanzati
TruccoArianna Agosti
Interpreti e personaggi

Leoni è un film commedia del 2015 di Pietro Parolin. Prodotto dal Centro sperimentale di cinematografia (CSC),[1] è un omaggio alla commedia all'italiana ambientato nella provincia veneta.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gualtiero Cecchin, figlio di un imprenditore trevigiano e di una madre influente nell'alta società, dopo avere scialacquato l'ingente patrimonio familiare si ritrova a dover cercare una fonte di reddito. La sua brillante idea imprenditoriale è vendere crocifissi prodotti interamente con plastica riciclata, ma per ottenere finanziamenti per comprare la materia prima è costretto a rivolgere a un losco faccendiere napoletano che pare sia legato alla Camorra. Il cognato Alessio Leopardi, un poliziotto frustrato e pieno di rancori, cerca di incastrare Gualtiero per privarlo della sua fetta di eredità, una grande villa nel trevigiano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto dal Centro sperimentale di cinematografia[1] (CSC Production) di Roma. È stato realizzato grazie a un bando della Regione Veneto a favore della creatività dei giovani e ha avuto la collaborazione di partner produttivi tra i quali la Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, MIBACT, Rai Cinema, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Digipix, AMG, 360 Degrees, Annamode Costumes.[2]

È stato girato in varie località del Veneto: nel centro storico di Treviso, a Susegana, a Levada di Piombino Dese, nella provincia di Padova e sull'altopiano del Cansiglio, tra Belluno, Treviso e Pordenone.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito il 5 febbraio 2015 nelle sale italiane.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Il regista e sceneggiatore [...] Pietro Parolin, alla sua opera prima [...], scava nella realtà che conosce, e sfruguglia a sua volta il passato cinematografico italiano [...], in termini di satira del (mal)costume provinciale. [...] Con umiltà, ma anche con una buona padronanza del racconto e dell'immagine [...] ricrea un piccolo mondo antico aggiornandolo all'oggi [...] Questa provincia ancora dominata da industrie a conduzione famigliare [...] è credibile grazie a comportamenti riconoscibili e dialoghi efficaci, e grazie alle interpretazioni autoironiche del cast [...] Leoni omaggia la grande commedia all'italiana senza limitarsi ad imitarla [...] »

(Paola Casella, MyMovies.it[1])

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Roseto opera prima, XX edizione, 2015:
    • Premio Rosa d'oro per il miglior regista a Pietro Parolin.
  • Eurasian Bridge - Festival internazionale del cinema a Yalta edizione 2016:

Premio "miglior ruolo maschile" a Neri Marcorè.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Leoni, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  2. ^ a b Arriva nei cinema "Leoni", film con Neri Marcorè tutto girato a Treviso, su TrevisoToday, 2 febbraio 2015. URL consultato il 24 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema