Leone di Bayonne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Leone di Bayonne
Issor (Pyr-Atl, Fr) vitrail 6 St. Léon évêque patron de Bayonne.JPG
Vetrata della chiesa di San Giovanni Evangelista ad Issor
 

Vescovo e martire

 
Nascita856 circa
Morte890 circa
Venerato daChiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza1º marzo
Patrono diBayonne, diocesi di Bayonne, naviganti

Leone di Bayonne, noto anche come san Leone di Carentan (Carentan, 856 circa – 890 circa), è stato un vescovo franco, evangelizzatore dei Paesi baschi che è venerato come santo e martire.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nell'attuale dipartimento della Manche, partì con i suoi genitore per unirsi alla corte di Ludovico II il Germanico, sulle rive del Reno, in Baviera. Venne successivamente a Parigi per studiare in una scuola fondata da Carlomagno, finché venne eletto arcivescovo di Rouen.[1] Poco tempo dopo egli lasciò Rouen, incaricato dal papa di evangelizzare i Paesi baschi.

Primo vescovo di Bayonne, egli convertì i paesani del Labourd (Bayonne), della Navarra e della Biscaglia.

Morì decapitato dai Vichinghi insieme ai fratelli Filippo e Gervasio.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

È venerato come patrono della città di Bayonne e della diocesi omonima. La sua memoria liturgica cade il 1º marzo (ma viene festeggiato la prima domenica di marzo).

San Leone è considerato anche patrono dei naviganti a causa dei suoi frequenti viaggi via mare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cf. Fisquet, pp. 50-51: ... il faut avouer que, à part de ces vies qui n'ont rien de fort authentique, aucune catalogue, aucune des anciennes chroniques de Normandie ne justifient qu'il ait occupé le siége métropolitain de Rouen."

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Rouen Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Giovanni I
876889
889 Guittone di Rouen
889910
Controllo di autoritàVIAF (EN310528259 · ISNI (EN0000 0004 3657 3185 · BNF (FRcb125138771 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-310528259